Novembre 29, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Concentrati sul ruolo di Nuova Delhi mentre Jaishankar si dirige a Mosca

S. Jaishankar, Russia Ukraine, Russia Ukraine Crisis, Russia-Ukraine tension, Ukraine, Ukraine Crisis, India-Ukraine-Russia, NATO, United States, Vladimir Putin, Volodomyr Zelenskyy

Russia centrale-Ucraina Lunedì il ministro degli Affari esteri S. Jaishankar è volato a Mosca per una visita bilaterale.

La maggior parte dei suoi incontri è prevista per martedì, compreso un incontro bilaterale con il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov e il vice primo ministro e ministro del Commercio e dell’Industria Denis Manturov. Finora non ci sono notizie di un incontro con il presidente russo Vladimir Putin, ma questo non è da escludere.

La visita di Jaishankar sta acquistando importanza in quanto arriva pochi giorni prima del vertice del G20 a Bali, in programma dal 15 al 16 novembre. Sarà la prima volta dallo scoppio della guerra in Ucraina che Putin e i leader occidentali, incluso il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, si trovano nella stessa stanza.

Il viaggio di Jaishankar è visto come un momento importante, come Delhi Viene descritto come un potenziale negoziatore tra le due parti. Aveva visitato l’ultima volta Mosca nel luglio 2021.

Ha appreso che l’India è intervenuta silenziosamente negli ultimi mesi, quando c’era un vicolo cieco. A luglio, l’India stava facendo pressioni con la Russia per un carico di grano dai porti del Mar Nero.

Molti di questi messaggi sono stati consegnati tranquillamente e Delhi si sta posizionando come un giocatore con credibilità da entrambe le parti. Ma questo non ha sempre funzionato.

Il Washington Post ha riferito durante il fine settimana che il Primo Ministro Narendra Modi Si era offerto di aiutare con i colloqui di pace in una telefonata con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky il mese scorso. Ma Zelensky ha rifiutato l’offerta, secondo il rapporto.

READ  L'Ucraina afferma che sono morti da 2.500 a 3.000 soldati, rispetto ai 19.000 in Russia

Il rapporto affermava che, secondo una dichiarazione dell’ufficio di Zelensky, “Zelensky gli aveva detto che l’Ucraina non avrebbe condotto alcun negoziato con Putin, ma ha affermato che l’Ucraina si era impegnata per una soluzione pacifica attraverso il dialogo”. La dichiarazione indicava che la Russia aveva deliberatamente minato gli sforzi di dialogo.

Ma con l’avvicinarsi dell’inverno nella zona di conflitto, c’è la sensazione che entrambe le parti vogliano un cessate il fuoco prima dell’inizio del prossimo anno, quando potranno riorganizzarsi e riprendere il conflitto. Questo è visto da molti come una potenziale opportunità di cessate il fuoco e Delhi potrebbe essere un mediatore tra le due parti.

Per Delhi, l’aspetto bilaterale è fondamentale. Questo è il primo inverno degli ultimi tre anni, quando le linee di rifornimento militari della Russia sono sotto pressione a causa della guerra di otto mesi in Ucraina, mentre le forze indiane e cinesi sono bloccate in una situazione di stallo al confine nel Ladakh orientale.

Per l’India, che dipende dalla Russia per le sue forniture di difesa, questo è il pilastro più importante della relazione.

Il nuovo elemento sono le relazioni energetiche, poiché nell’ottobre 2022 la Russia è diventata il più grande fornitore indiano di petrolio greggio, poiché le raffinerie hanno aumentato gli acquisti di petrolio marittimo con uno sconto. Ciò ha aggiunto un nuovo elemento alle relazioni con Mosca, che non sono andate bene con l’Ucraina così come con i partner occidentali.

La visita di Jaishankar dovrebbe considerare anche questo aspetto e i funzionari hanno affermato che questo farà parte della sua conversazione con Manturov, il suo omologo presso il Comitato intergovernativo indo-russo per la cooperazione commerciale, economica, scientifica, tecnologica e culturale, IRIGC-TEC.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l'Ucraina

“Le questioni relative alla cooperazione economica bilaterale, ovviamente, in vari campi, saranno discusse”, ha detto giovedì il portavoce del MEA Arindam Bagci prima della visita.

Altrettanto importante è che quest’anno toccherà a Modi visitare la Russia, e se una possibile visita arriverà il mese prossimo, Jaishankar sarà lì per gettare le basi.

In vista della visita di Jaishankar, Putin era sconsiderato nei confronti di Modi e dell’India. Aveva elogiato l’India definendo i suoi cittadini “talenti” e “motivati”, una settimana dopo aver elogiato Modi come un “vero patriota”.