Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

COP15 Colloqui sulla biodiversità: arruolare i paesi nel piano di conservazione “30×30”.

COP15 Colloqui sulla biodiversità: arruolare i paesi nel piano di conservazione "30x30".

MONTREAL, Quebec — Quasi 190 paesi hanno concordato lunedì scorso un patto globale delle Nazioni Unite per proteggere il 30% della terra e degli oceani del pianeta entro il 2030 e per intraprendere una serie di altre azioni contro la perdita di biodiversità, una crescente crisi nascosta, se Se non controllati, mettono in pericolo le riserve di cibo e acqua del pianeta, nonché l’esistenza di innumerevoli specie in tutto il mondo.

L’accordo arriva mentre la biodiversità sta diminuendo in tutto il mondo a tassi senza precedenti nella storia umana. I ricercatori hanno previsto che un milione di piante e animali sono a rischio di estinzione, molti entro decenni. Mentre molti studiosi e attivisti hanno spinto per misure più forti, l’accordo, che include meccanismi di verifica che mancavano agli accordi precedenti, indica chiaramente un aumento dello slancio intorno alla questione.

“Questo è un grande momento per la natura”, ha detto dell’accordo Brian O’Donnell, direttore della Campagna per la natura, una coalizione di gruppi che fanno pressioni per la protezione. “Questa è una misura di conservazione che non abbiamo mai visto prima”.

Nel complesso, l’accordo specifica una serie di 23 obiettivi di conservazione. Il più importante di questi, noto come 30×30, metterebbe sotto protezione il 30 percento della terra e del mare. Attualmente, circa il 17% della terraferma del pianeta e circa l’8% dei suoi oceani sono protetti da attività come la pesca, l’agricoltura e l’industria.

I paesi hanno anche concordato di gestire il restante 70 percento del pianeta per evitare di perdere aree di elevata importanza per la biodiversità e per garantire che le grandi aziende divulghino i rischi e gli impatti della biodiversità derivanti dalle loro operazioni.

Ora, la domanda è se gli alti obiettivi dell’accordo saranno raggiunti.

Un precedente accordo di 10 anni Non riesce a raggiungere pienamente un obiettivo a livello globaleSecondo l’organismo che sovrintende alla Convenzione sulla diversità biologica, il trattato delle Nazioni Unite che sta alla base del vecchio, nuovo accordo raggiunto qui lunedì. Ma i negoziatori hanno affermato di aver imparato dai propri errori e il nuovo accordo include disposizioni per rendere misurabili gli obiettivi e monitorare i progressi dei paesi.

“Ora puoi avere una pagella”, ha detto Basil Van Haver, un canadese che è stato copresidente dei negoziati. Ha detto che “soldi, sorveglianza e obiettivi” avrebbero fatto la differenza questa volta.

Mentre gli Stati Uniti hanno inviato una squadra ai colloqui, hanno potuto partecipare solo a margine perché il paese non è parte della Convenzione sulla diversità biologica. I repubblicani, che di solito si oppongono all’adesione ai trattati, ne hanno bloccato il passaggio. L’unico altro Paese non parte del trattato è la Santa Sede.

Tuttavia, l’amministrazione Biden si è impegnata a proteggere il 30% della terra e dell’acqua entro il 2030.

Mentre ci sono molteplici cause per la perdita di biodiversità, dietro ogni causa c’è l’uomo. Sulla Terra, il più grande motore è l’agricoltura. In mare, è pesca eccessiva. Altri fattori includono la caccia, l’estrazione mineraria, il disboscamento, i cambiamenti climatici, l’inquinamento e le specie invasive.

READ  Il brasiliano Bolsonaro incontra il russo Putin a Mosca nel mezzo della crisi ucraina

L’accordo mira ad affrontare questi driver. L’obiettivo 17, ad esempio, si impegna a ridurre di almeno la metà i rischi complessivi derivanti da pesticidi e sostanze chimiche altamente tossiche, affrontando anche il deflusso dei fertilizzanti.

I gruppi di conservazione hanno spinto per misure più forti relative alle estinzioni e alle popolazioni di fauna selvatica.

Anne Lariguderie, ecologista e segretaria esecutiva della Piattaforma scientifica intergovernativa sulla biodiversità, nota come IPBES, si è rammaricata dell’omissione ma ha elogiato l’ampio accordo come ambizioso e limitato.

“È un compromesso, ma non è male”, ha detto il dottor Lariguderie.

Le domande su come bilanciare l’ambizione dell’accordo con la capacità dei paesi di pagarlo hanno portato a forti disaccordi nei colloqui, insieme alle richieste di un nuovo fondo globale per la biodiversità. La Cina, che ha guidato i colloqui, e il Canada, che li ha ospitati, hanno elaborato un delicato compromesso.

L’Unione europea ha perseguito obiettivi di conservazione più solidi. L’Indonesia voleva più libertà nel modo in cui veniva utilizzata la natura.

Gran parte della biodiversità mondiale vive nei paesi del Sud del mondo. Ma a queste nazioni spesso mancano le massicce risorse finanziarie necessarie per ripristinare gli ecosistemi e riformare pratiche agricole, acquacoltura, pesca e silvicoltura dannose; e la conservazione delle specie minacciate.

I paesi in via di sviluppo hanno fatto pressioni per ottenere maggiori finanziamenti, con i rappresentanti di dozzine di paesi dell’America Latina, dell’Africa e del sud-est asiatico che mercoledì hanno lasciato le riunioni per protestare per non essere stati ascoltati.

La RDC ha espresso una feroce opposizione e ha ritardato l’approvazione finale fino alle prime ore di lunedì mattina. Quando il presidente dei colloqui ha proceduto a ignorare le obiezioni congolesi, i delegati di diversi paesi africani si sono lamentati a gran voce.

L’accordo raggiunto lunedì raddoppierebbe il finanziamento totale della biodiversità a 200 miliardi di dollari all’anno da tutte le fonti: governi, settore privato e filantropia. Stanzia fino a 30 miliardi di dollari all’anno per affluire nei paesi poveri dai paesi ricchi. Gli obblighi finanziari non sono giuridicamente vincolanti.

I rappresentanti dei paesi in via di sviluppo hanno affermato che il denaro non dovrebbe essere considerato beneficenza.

READ  Boris Johnson difende le sue azioni mentre altri alleati conservatori se ne vanno

Joseph Onuga, un biologo che dirige la Nigerian Conservation Foundation, ha osservato che le ex potenze coloniali si erano arricchite sfruttando le risorse naturali in tutto il mondo. “Sono venuti e hanno saccheggiato le nostre risorse per svilupparsi”, ha detto.

Ora che i paesi in via di sviluppo stanno cercando di utilizzare le risorse naturali per la propria crescita, ha affermato, è stato detto loro che devono conservarle in nome della conservazione globale.

Il dottor Onuga, un biologo della conservazione, ha affermato di credere nella protezione della natura, ma desidera che le nazioni industrializzate si assumano la responsabilità delle azioni passate.

Uno studio del Paulson Institute, un’organizzazione di ricerca, rileva che l’inversione del declino della biodiversità entro il 2030 richiederà arresti. Un deficit finanziario di circa 700 miliardi di dollari l’anno.

Una delle principali fonti di finanziamento potrebbe provenire dalla riallocazione delle centinaia di miliardi o più all’anno attualmente spesi in sussidi che danneggiano la natura, come alcune pratiche agricole e combustibili fossili. L’obiettivo 18 prevede che il mondo li riduca di almeno 500 miliardi di dollari all’anno entro il 2030.

I diritti degli indigeni erano un punto controverso sull’idea del 30×30. Alcuni temevano che la misura avrebbe sfollato le comunità, mentre altri hanno difeso l’obiettivo come mezzo per garantire i diritti degli indigeni alla terra e hanno chiesto che una percentuale maggiore di terra fosse posta sotto protezione.

Jennifer Corpuz, rappresentante dell’International Indigenous Forum on Biodiversity e amministratore delegato della politica presso Nia Tero, un gruppo senza scopo di lucro, ha celebrato l’inclusione del linguaggio sui diritti degli indigeni nella convenzione. “È una pioniera”, ha detto.

Misa Rojas Corradi, ministro dell’ambiente e climatologa del Cile, ha affermato di non essersi nemmeno resa conto della profondità della crisi della biodiversità Un importante rapporto intergovernativo sull’argomento nel 2019. Tornata a casa, ha detto che il suo piano era di portare altri ministri nel consiglio. Pur riconoscendo che le questioni agricole sono particolarmente difficili in questo momento a causa dei problemi di sicurezza alimentare sollevati dall’invasione russa dell’Ucraina, ha affermato che è importante andare avanti.

“Dobbiamo capire che non ci sarebbe cibo su questo pianeta senza biodiversità”.