Agosto 9, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Crypto Hedge Fund archivia tre frecce per il fallimento

Crypto Hedge Fund archivia tre frecce per il fallimento

Cryptocurrency Hedge Fund Three Arrows Capital (3AC) Piede al capitolo 15 fallimento nel tentativo di proteggere i suoi beni statunitensi dai creditori del paese, come ho riportato in precedenza Bloomberg E il CNBC. I rappresentanti della società con sede a Singapore hanno intentato venerdì la causa presso il tribunale distrettuale meridionale di New York, che Protegge legalmente Attività americane di debitori esteri insolventi di creditori statunitensi.

Fondata nel 2012 da Kyle Davis e Su Zhu, 3AC Gestiva circa $ 10 miliardi di asset a marzoin seguito annegato a 3 miliardi di dollari ad aprile. Come molte altre società di criptovalute, Compresi il gigante dei prestiti Celcius e Babel FinanceIl ruolo di 3AC nella ricchezza fa parte del cosiddetto “inverno” crittografico Le stablecoin sono cadute E il Bitcoin si è deprezzato.

All’inizio di questa settimana, sono emerse notizie a riguardo 3AC non è riuscita a rimborsare un prestito di 670 milioni di dollari Fornito dal broker crittografico Voyager Digital, che Da allora ho interrotto tutti gli scambi, depositi e prelievi come conseguenza di. Notizie del cielo Ho accennato più tardi Che un tribunale delle Isole Vergini britanniche ha ordinato la liquidazione di 3AC e che la società sta lavorando con la società di consulenza aziendale Teneo per supervisionare il processo.

A maggio, Davis e Zhou hanno ammesso di essere entrati incontrandosi con Il giornale di Wall Street La società ha perso il successivo investimento di $ 200 milioni Luna e TerraUSD Sister Coin Crash. A quel tempo, i due sono rimasti ottimisti sulle prospettive della criptovaluta, raccontando Il giornale di Wall Street Che “hanno sempre creduto nella criptovaluta” e “lo sono ancora”.

READ  I sostenitori dell'energia solare in Colorado avvertono che le indagini federali stanno mettendo a rischio l'industria statale