Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dave Putz, difensore della difesa di Washington negli anni ’80, è morto all’età di 72 anni

Sospensione

Dave Putz si è guadagnato la reputazione di gigante gentile durante la sua lunga carriera nella NFL, un’idea che ha rimosso negli anni ’80 diventando una minaccia per i quarterback.

“Ogni centrocampista che ho colpito sa che l’ho colpito”, ha detto Putz al ritiro dopo la stagione 1988.

Putz, l’enorme guardalinee che ha contribuito a cementare la difesa di Washington nella NFL negli anni ’70 e ’80 e faceva parte di due squadre vincitrici del Super Bowl, MorireLa squadra ha annunciato venerdì. Aveva 72 anni. La causa della morte non è stata rivelata.

Dopo un’eccezionale carriera universitaria alla Purdue che alla fine ha portato Putz nella College Football Hall of Fame, i St. Louis Cardinals lo hanno selezionato con la quinta scelta per il Draft NFL 1973. Putz ha giocato solo due stagioni con il St. Louis prima di lasciare bruscamente (un odio che ribolliva per tutta la sua carriera con Washington, che poi giocava con il Cardinal due volte l’anno come concorrenti della NFC East). Sebbene Butz fosse tecnicamente un free agent che poteva firmare con qualsiasi squadra di sua scelta, le regole della NFL all’epoca stabilivano che una squadra che aveva firmato un free agent doveva risarcire la loro ex squadra. Ciò non ha infastidito l’allenatore di Washington George Allen, che nel 1975 ha pagato ai Cardinals quello che all’epoca era il più grande compenso da free agent nella storia della NFL: una scelta al primo turno nel 1977 e nel 1978 e una scelta al secondo turno nel 1978.

READ  11 e il Progetto Mississippi

Allen lo ha definito “uno dei migliori affari che abbia mai fatto”, anche se Putz è arrivato a Washington poco dopo aver subito un grave infortunio al ginocchio e ha iniziato solo 18 delle sue 42 partite nelle sue prime tre stagioni nella capitale, ma alla fine Patz è diventato una presenza affidabile sul contrasto sinistro, che ha iniziato tutte le partite tranne una per il resto della sua carriera.

Semplicemente massiccio a 6 piedi-7, 300 libbre – indossava anche tacchetti di taglia 12EEEEEE – Putz alla fine divenne un punto fermo a Washington, dove il suo elmo mostra ogni anno le cicatrici della guerra di trincea con i suoi aggressori.

Dal 1984: quando Putz ha ispirato, le montagne si sono mosse

Presto si presenteranno anche le abilità di Butz-pass-rush. Nella stagione dello strike cut del 1982, Putz parlò al secondo posto con la squadra per 4,5 sack quando Washington vinse il suo primo titolo del Super Bowl e la loro difesa limitò i Miami Dolphins a 16 yard nella seconda metà del Super Bowl XVII. L’anno successivo, la migliore prestazione di Butz, ha segnato 11,5 sack della sua carriera e ha vinto i premi Pro Bowl e All Pro per l’unica volta nella sua carriera, confutando i critici che mettevano in dubbio la sua presunta mancanza di centrocampo.

“Se intendi se ho la capacità di deviare un quarterback o di colpirlo in mezzo alla schiena mentre lancio la palla, non ho assolutamente alcun problema con questo”, ha detto Putz dei suoi metodi. “Per colpirlo con 300 libbre, più altre 30 libbre di equipaggiamento.

READ  Brown valuterà la possibilità di scambiare per Jimmy Garoppolo in attesa dell'appello di Deshaun Watson

“Perché il mio problema è che sono enorme. Una volta arrivato lì, lo colpirò. Ma se dovessi colpire quel linebacker – e potrei togliergli le gambe da sotto, o rompergli le gambe o qualcosa del genere – Non lo farei. Lo colpirei comunque in alto”.

“Mi sono rotto le clavicole, ho lussato alcune spalle in alcuni quarterback. In un mezzo, ho sentito un osso rotto, quando [teammate Karl Lorch] e colpiscilo. Stava cercando di alzarsi e io gli ho detto: stai basso; Tu sei ferito. “

Tuttavia, Putz si è guadagnato la reputazione di giocatore oscuro che era “in parti uguali serio e sensibile”, come lo descrisse Gary Pomerantz del Washington Post in un dossier del 1984.

“È molto in giro, ma a volte è difficile da dire”, ha detto a Pomerantz Daryl Grant, che si è schierato con Butz nella linea difensiva di Washington. “Cerco di stargli lontano quando non sono sicuro del suo umore”.

I 59 lavori di Potts la classificarono al quinto posto nella storia di Washington.

Nessuno ha messo in dubbio la durezza di Putz dopo la partita del 1987 contro i New York Jets. Putz è stato ricoverato in ospedale con un enterovirus, ma la mattina della partita si è ritirato dall’ospedale di Arlington. Ha concluso con tre contrasti e un licenziamento nella vittoria per 17-16 di Washington, anche se ha perso 26 libbre a causa del virus.

READ  5 Note dalla sconfitta pre-stagionale dei Packers contro i Chiefs

‘Era è Egli ha detto Dopo la partita, “La prima volta in 15 anni che pesavo meno di 300”.

Washington ha vinto il loro secondo Super Bowl quella stagione, e Putz ha avuto due breakout 42-10 per i Denver Broncos nel Super Bowl XXII.

Nella sua ultima stagione nel 1988, Putz ha giocato la sua 197esima partita con il Washington, A quel tempo il record di franchigia. In un’intervista con The Post al momento in cui ha stabilito il record, ha ricordato che era a sei pollici di distanza dall’atterraggio di una delle sue intercettazioni in carriera, nel 1981 contro i Chicago Bears.

“L’unica cosa positiva è che Walter Payton non mi ha catturato”, ha detto Putz del suo risultato ravvicinato, riferendosi al ritorno dei leggendari orsi. “La cosa brutta è che l’ha fatto il centro”.

Putz ha preso il pallone il giorno in cui ha battuto il record. C’era scritto: “Sei pollici sono troppo corti”.