Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

David Beckham è il portavoce mancante della Coppa del Mondo

David Beckham è il portavoce mancante della Coppa del Mondo

DOHA, Qatar – Nei primi giorni della Coppa del Mondo, con la fase a gironi in corso e l’attenzione del mondo sul Qatar, la nazione ospitante del più grande torneo di calcio desiderava approfittare dei riflettori puntati sul suo minuscolo paese desertico.

Per presentarsi al mondo, il Qatar ha speso milioni di dollari in sponsorizzazioni di celebrità, inclusi accordi con una falange di ex calciatori che possono parlare ai tifosi con credibilità di strada e un linguaggio comune. Ora è il momento di lanciare il suo più grande affare, l’unica superstar nel suo arsenale in un campionato tutto suo: David Beckham.

Quindi, durante la pausa pranzo infrasettimanale, sono stati fatti piani per Beckham e molti altri ex giocatori per apparire nella fan zone allestita vicino alla Doha Corniche. Lì, avrebbero salutato i fan e sarebbero stati accolti su una piattaforma appositamente costruita da un dipendente del Comitato Organizzatore. La squadra di Beckham ha accolto la sua richiesta ma ha posto due condizioni: non annunciare in anticipo la sua presenza e non allertare i giornalisti.

L’evento è stato inutile. L’area dei tifosi all’Al Bidda Park era così deserta in quel momento, infatti, che l’evento è stato annullato, anche se Beckham e gli altri erano già dietro le quinte, secondo diverse persone a conoscenza dei piani.

Tuttavia, lo strano incidente è stato il simbolo dell’insolita relazione tra il Qatar e Beckham. È una partnership con un raro giocatore di bocce che raramente mette in scena uno spettacolo e un arrangiamento che ha messo in ombra il paese ospitante piuttosto che mostrarlo. Ma ha anche generato una bizzarra realtà in cui una delle celebrità più famose del mondo è contemporaneamente onnipresente ma anche da nessuna parte.

La faccia di Beckham è stata incollata sui cartelloni pubblicitari di tutta Doha. Appare in pubblicità in televisione durante l’intervallo e nei canali dei social media per promuovere l’accesso ai pass per eventi culturali in Qatar. È stato anche avvistato sugli spalti VVIP negli stadi della Coppa del Mondo e fotografato mentre visitava la squadra inglese prima della loro eliminazione.

Quello che Beckham non ha fatto, non quando ha firmato per rappresentare il Qatar quasi due anni fa a un prezzo pubblicizzato Più di 150 milioni di dollari, non durante la Coppa del Mondo, parlando del motivo per cui ha accettato di diventare ambasciatore o rispondendo a qualsiasi domanda sulle numerose polemiche scoppiate sull’hosting del Qatar dell’evento sportivo più seguito al mondo. Il Qatar è stato attaccato per i suoi diritti umani, le sue leggi che criminalizzano l’omosessualità e il trattamento riservato ai lavoratori migranti provenienti da alcune delle parti più povere della terra che sono stati reclutati per costruire la Coppa del Mondo. Ma Beckham sembrava essere al riparo dai pericoli di ricevere domande imbarazzanti.

A Londra, ad esempio, mesi prima della Coppa del Mondo, i responsabili del torneo hanno pensato che sarebbe stata una buona idea promuovere il lavoro dell’artista del Qatar dietro i poster ufficiali del torneo in un evento speciale al Design Museum. Pensavano che Beckham potesse venire ad aggiungere polvere di stelle. Invece, erano frustrati quando la risposta positiva è arrivata con un avvertimento: Beckham era felice di andare, ma non dovrebbero esserci presenti i media.

READ  L'ultima revisione congiunta NFL-NFLPA della commozione cerebrale di Tua Tagovailoa rivela difetti nel sistema

A quel punto, la riluttanza di Beckham a parlare nei forum al di fuori degli spazi attentamente controllati su cui la sua squadra avrebbe dovuto concordare stava iniziando a prendere piede. Le richieste di parlare con lui o di capire le sue motivazioni per lavorare in Qatar non hanno avuto risposta. Commento raro su FIFA TV o Domande amichevoli associate alla coppa del mondo I post sui suoi account sui social media sono stati analizzati per il significato, ma in ciascuno di essi ha evitato attentamente i temi caldi del torneo, tra cui la difficile situazione dei lavoratori migranti, la situazione dei diritti umani del Qatar e le preoccupazioni delle persone LGBTQ.

L’addetto stampa di Beckham ha rilasciato una dichiarazione venerdì al New York Times, la prima risposta registrata dopo diverse indagini precedenti, negando di non essere disponibile.

“David ha partecipato a numerosi Mondiali e ad altri importanti tornei internazionali come giocatore e ambasciatore, e ha sempre creduto che lo sport abbia il potenziale per essere una forza positiva nel mondo”, si legge nella dichiarazione.

La dichiarazione continuava: “Comprendiamo che ci sono punti di vista diversi e solidi sull’impegno in Medio Oriente, ma riteniamo positivo che la discussione su questioni chiave sia stata catalizzata direttamente dalla prima Coppa del mondo che si terrà nella regione”. “Ci auguriamo che queste conversazioni portino a una maggiore comprensione ed empatia nei confronti di tutte le persone e che vengano compiuti progressi”.

Ma per alcuni funzionari del Qatar, la riluttanza di Beckham a partecipare per loro conto, nonostante il suo contratto per promuovere il Qatar, il Paese, e non solo la Coppa del Mondo, è stata fonte di preoccupazione per mesi. A loro avviso, Beckham, non parlando ed evitando le domande dei media, esercitava la sua influenza in modi a volte controproducenti. Le autorità di regolamentazione del paese ritenevano che per tutti i milioni di dollari che stava guadagnando, il controllo nel loro paese stava peggiorando.

Quel malcontento è cresciuto solo all’inizio di quest’anno.

Uno degli ex compagni di squadra di Beckham al Manchester United, Gary Neville, era in viaggio in Qatar per realizzare un documentario sui Mondiali per la televisione britannica, che avrebbe toccato questioni come la situazione dei diritti umani del Qatar. (Neville in seguito ha firmato per lavorare come commentatore di partite e in studio per la rete sportiva multimiliardaria beIN Sports.) Come parte della sua visita in Qatar, Neville ha organizzato un’intervista a Beckham separatamente nel suo programma, The Overlap, che è anche un podcast. Gli organizzatori ritenevano che questa opportunità rappresentasse la migliore piattaforma per Beckham per discutere le controversie e il suo ruolo con il simpatico interlocutore che era anche un amico. Ma Beckham e il suo team hanno rifiutato l’idea, e quando l’intervista di Neville è stata trasmessa, è stato notato che Beckham non era disposto a parlare di nuovo del Qatar.

La statura speciale di Beckham ha anche fatto infuriare diverse persone nel gruppo di ex stelle nominate ambasciatori per promuovere il Qatar, un gruppo che comprende Cafu, l’ex capitano del Brasile vincitore della Coppa del Mondo, e Xavi, vincitore della Coppa del Mondo con la Spagna e attuale allenatore. a Barcellona.

READ  Djokovic è stato incluso nel sorteggio dei pozzi dell'India nonostante lo stato di vaccinazione Covid non sia chiaro

L’incredibile quota pagata a Beckham, secondo persone con conoscenza diretta degli accordi contrattuali di pagamento dei giocatori, ha causato tensioni quando sono stati finalizzati accordi con altre stelle. Molte persone sono state turbate da quelli che considerano altri segni di trattamento speciale.

In occasione di un evento pre-Mondiale tenutosi in uno degli otto stadi del torneo, ad esempio, i lanciatori del Qatar sono stati chiamati a registrare il contenuto di una delle sue campagne distintive. Diverse soste sono state allestite nella sala conferenze stampa del locale, secondo i presenti, per scattare foto con diverse celebrità. Tra i giocatori invitati c’erano l’ex difensore argentino Javier Mascherano, l’ex capitano della nazionale tedesca Lothar Matthaus e il famoso ex giocatore iraniano Mehdi Mahdavikia.

Tuttavia, l’arrivo di Beckham e del suo entourage è stato accolto come qualcosa di simile a una visita reale. Tutto il personale essenziale è stato portato fuori dalla stanza e gli è stato detto di aspettare in un corridoio. “Pensavo che il principe stesse arrivando”, disse uno degli ufficiali.

Durante la Coppa del Mondo, il suo status speciale era evidente. Beckham, che ha lasciato a metà del torneo prima di tornare in Qatar per le fasi finali, ha ricevuto sistemazioni più generose rispetto agli altri giocatori. Lui alloggia al Mandarin Oriental, mentre gli altri alloggiano in camere stile appartamento all’Hilton dall’altra parte della città. La maggior parte delle sue apparizioni sono state in esclusiva, senza la necessità di condividere un podio, una situazione che ha portato un ex giocatore a chiedersi: “Quanti Mondiali ha vinto Beckham?” La risposta, come lui e le altre star sapevano, era niente.

Il denaro non è arrivato senza un costo. Il rapporto di Beckham con il Qatar ha danneggiato la sua reputazione in Gran Bretagna, in particolare all’interno della comunità LGBT, che anche il suo contratto da 150 milioni di dollari ha visto l’ex calciatore come un attivista per i diritti LGBT. Codice per motivi correlati.

Il mese scorso, il comico britannico Joe Lysette ha fatto notizia Sembra che abbia rubato £ 10.000 (circa $ 12.000) Dopo che Beckham ha emesso un ultimatum che lo avrebbe fatto a meno che non avesse annullato il suo accordo con il Qatar. Il giorno dopo, Lycett ha rivelato che la distruzione del denaro è stata un’acrobazia e che il denaro è stato invece donato a enti di beneficenza LGBTQ.

Giovedì, Lycett ha letto per intero la stessa dichiarazione che la squadra di Beckham ha successivamente fornito al Times sulla sua approvazione del Qatar. Poi ha anche parlato con un uomo di nome Nasser Mohammed, un medico che afferma di essere il primo qatariota apertamente gay.

Mohammed ha detto di aver taggato l’account Instagram di Beckham in un post sui pericoli affrontati dagli omosessuali in Qatar, ed è stato poi prontamente bannato dall’account.