Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Decisione sui tassi della Fed, commercio con la Corea del Sud, disoccupazione in Australia, PIL della Nuova Zelanda

Decisione sui tassi della Fed, commercio con la Corea del Sud, disoccupazione in Australia, PIL della Nuova Zelanda

JPMorgan afferma che i mercati emergenti al di fuori dell’Asia saranno colpiti dall’inflazione nel 2023

Si prevede che i mercati emergenti registreranno un’inflazione molto forte nel primo trimestre del 2023, ad eccezione dell’Asia, secondo Jahangir Aziz, capo economista dei mercati emergenti presso JPMorgan.

Tuttavia, l’Asia non subirà un calo dell’inflazione perché l’inflazione nella regione non ha raggiunto quelli che ha definito “livelli stratosferici” come nell’Europa centrale o in America Latina.

Aziz ha affermato che il livello più basso di inflazione dei prezzi “prenderà piede” in altri mercati emergenti al di fuori dell’Asia.

“Penso che sarà il principale fattore trainante del modo in cui i mercati rivalutano gli asset dei mercati emergenti”, ha aggiunto.

Charmaine Jacob

La banca centrale filippina alza i tassi di interesse di 50 punti base

Banca centrale filippina Amido I tassi di interesse sono scesi di 50 punti base, al 5,5%, in linea con le aspettative degli analisti in un sondaggio Reuters, e hanno portato il tasso di interesse chiave al livello più alto degli ultimi 14 anni.

È probabile che Bangko Sentral ng Pilipinas (BSP) continuerà ad aumentare i tassi di interesse all’inizio del 2023, ha affermato Muhammed Faiz Nagotha, economista dell’ASEAN presso Bank of America Global Research sulla Squawk Box Asia della CNBC.

Ha aggiunto che la banca centrale continuerà ad aumentare il tasso di interesse di riferimento fino al 6%, o 50 punti base, dal tasso attuale.

Charmaine Jacob

Riaprire la Cina è ‘essenziale’ per abbassare l’inflazione Usa: Siegel

Jeremy Siegel, professore alla Wharton School of Business su “Street Signs Asia” della CNBC, ha affermato che la riapertura dell’economia cinese è tardiva, ma assolutamente necessaria per controllare le pressioni inflazionistiche negli Stati Uniti.

“Per gli Stati Uniti, importiamo molto dalla Cina, se queste catene di approvvigionamento vengono normalizzate, ciò porterà a una minore inflazione, quindi plaudo alla mossa della Cina”, ha affermato. “È troppo tardi, avrebbe dovuto essere prima, ma è necessario”, ha detto.

Siegel ha aggiunto che si aspetta che la Federal Reserve americana alzi nuovamente i tassi di interesse alla riunione di febbraio di 25 punti base prima di ruotare.

Jihe Lee

Le vendite al dettaglio in Cina a novembre hanno registrato una perdita significativa

La Banca asiatica di sviluppo afferma che la riapertura della Cina comporta rischi e opportunità

Albert Park, capo economista della Banca asiatica di sviluppo, ha affermato che la riapertura della Cina avrebbe alti e bassi per la sua economia.

Ha affermato che mentre la revoca delle restrizioni Covid aumenterebbe le prospettive di crescita per la Cina e altre economie, potrebbe anche portare a un aumento dei casi di Covid-19.

“L’unica area in cui potrebbe esserci un rischio al rialzo è la riapertura della Cina. E, naturalmente, ci sono rischi al rialzo e al ribasso nel caso della Cina perché quando riapriremo, sappiamo che i casi devono diffondersi molto rapidamente”, ha detto Park.

I frequenti blocchi della Cina sono uno dei tre principali venti contrari che rallentano la ripresa della regione dalla pandemia, secondo l’Asian Development Bank. La banca ha affermato che l’inasprimento della politica monetaria da parte delle banche centrali di tutto il mondo e la prolungata guerra in Ucraina sono fattori che contribuiscono al rallentamento della crescita.

Leggi la storia completa quaggiù.

Charmaine Jacob

JPMorgan si aspetta che i mercati asiatici chiudano la settimana con una nota cauta dopo il rialzo della Fed

JPMorgan prevede che i mercati nella regione Asia-Pacifico concludano la settimana con una nota cauta dopo che la Federal Reserve ha alzato i tassi di interesse di 50 punti base.

“Data la reazione del mercato statunitense dopo la riunione del FOMC, ci aspettiamo che i mercati asiatici chiudano la settimana con una nota più cauta”, ha dichiarato in una nota Tai Hui, capo analista di mercato per la regione Asia-Pacifico dell’azienda.

Taye ha aggiunto che è necessaria una lettura dell’inflazione più debole prima che la stretta della Fed svanisca, mentre la regione potrebbe essere più ottimista sulla prevista riapertura della Cina.

READ  Il CEO della Disney Bob Iger pianifica una ristrutturazione dei media e Cream Daniel se ne va

“Le prospettive a medio termine per la riapertura dell’economia cinese e la resilienza della domanda interna in Asia potrebbero essere un punto luminoso poiché gli Stati Uniti e l’Europa devono affrontare maggiori sfide di crescita”, ha affermato Tai. “Avremo bisogno di più dati sull’inflazione morbida in modo che la Fed possa allentare la sua aggressività”.

Jihe Lee

I dati riveduti sul commercio della Corea del Sud mostrano che il deficit commerciale si sta leggermente riducendo

I dati commerciali riveduti della Corea del Sud per novembre sono stati piatti, dati ufficiali Dalla Banca di Corea ha mostrato.

Le importazioni sono cresciute del 2,7% mentre le esportazioni sono diminuite del 14%, in linea con le letture del mese precedente, determinando un deficit commerciale di 6,99 miliardi di dollari, leggermente inferiore alla lettura del mese precedente di 7,01 miliardi di dollari.

I prezzi all’importazione sono cresciuti del 14,2% su base annua dopo aver registrato una crescita del 19,8% nel mese precedente. I prezzi all’esportazione sono cresciuti dell’8,6% a novembre rispetto a un anno fa, dopo essere cresciuti del 13,7% a ottobre.

Jihe Lee

I dati commerciali giapponesi hanno superato le stime e riportano un deficit commerciale più ampio del previsto

Le esportazioni e le importazioni del Giappone per novembre sono cresciute più del previsto di anno in anno, I dati ufficiali hanno mostrato.

Le esportazioni sono aumentate per il mese del 20%, superando le aspettative del 19,8% in un sondaggio Reuters. Le importazioni sono aumentate del 30,3%, anche al di sopra delle aspettative del 27% in un sondaggio Reuters.

Ciò ha comportato un deficit commerciale più ampio del previsto di 2,02 trilioni di yen ($ 14,91 miliardi) dopo aver registrato 2,16 trilioni di yen ($ 15,96 miliardi) nel mese precedente.

Jihe Lee

CNBC Pro: ti sei perso il rally di riapertura in Cina? Bank of America nomina titoli globali per la corsa

Gli investitori avranno una seconda possibilità di partecipare al rally del mercato azionario dopo che la Cina ha annunciato un allentamento delle restrizioni Covid-19, secondo Bank of America.

La banca ha nominato più di 10 titoli dopo aver trovato “germogli verdi di ripresa nei dati ad alta frequenza” che indicavano un aumento degli utili nelle società che esportano in Cina.

READ  Esclusivo: martedì Tesla ha interrotto la maggior parte della produzione nel suo stabilimento di Shanghai - memo

Gli abbonati CNBC Pro possono leggere di più qui.

– Ganesh Rao

Il tasso di disoccupazione in Australia è in linea con le aspettative

Il tasso di disoccupazione australiano per novembre è rimasto al 3,5% su base annua, in linea con le aspettative di un sondaggio Reuters e piatto rispetto al mese precedente.

Dati ufficiali dell’Australian Bureau of Statistics Ha mostrato che anche il tasso di partecipazione al lavoro è rimasto al 66,7% e il rapporto occupazione/popolazione è rimasto al 64,4%.

Le ore lavorative mensili sono aumentate a 1,89 miliardi.

Jihe Lee

La Federal Reserve ha annunciato un aumento dei tassi di 50 punti

La Fed ha annunciato che aumenterà i tassi di interesse di 50 punti base, segnando la fine del modello di rialzi di 75 punti visto negli ultimi mesi.

Prima della mossa, la Fed aveva alzato i tassi di interesse di 75 punti base nelle ultime quattro riunioni. Il punto base è pari allo 0,01%.

Prima della riunione era ampiamente previsto un aumento di 50 punti base.

È la decisione politica finale attesa dalla banca centrale nel 2022.

Alex Haring

Powell vuole “prove più sostanziali” che l’inflazione si stia raffreddando

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha dichiarato mercoledì che i recenti segnali positivi di inflazione non sono sufficienti alla banca centrale per moderare gli aumenti dei tassi di interesse.

“Ci vorranno molte più prove per essere sicuri che l’inflazione sia su una traiettoria discendente sostenibile”, ha detto Powell durante una conferenza stampa dopo l’incontro.

I commenti sono arrivati ​​quando la Fed ha alzato il suo tasso di interesse di riferimento di un altro mezzo punto percentuale e ha segnalato che sono in arrivo almeno tre quarti in più di aumenti. La decisione arriva anche un giorno dopo che la lettura dell’indice dei prezzi al consumo per novembre è aumentata di appena lo 0,1%, segno che l’inflazione potrebbe aver raggiunto il picco.

Tuttavia, Powell ha affermato che l’inflazione rimane un problema.

“Le pressioni sui prezzi rimangono evidenti in un’ampia gamma di beni e servizi”, ha aggiunto Powell.

-Jeff Cox

L'economia statunitense ha rallentato in modo significativo rispetto al ritmo veloce dello scorso anno: il presidente della Federal Reserve Jerome Powell