Settembre 29, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È morta a 96 anni Hanae Mori, stilista giapponese che mescolava stili orientali e occidentali

È morta a 96 anni Hanae Mori, stilista giapponese che mescolava stili orientali e occidentali

Hana Mori, la stilista giapponese che è risorta dalle rovine della seconda guerra mondiale per costruire una casa di moda da 500 milioni di dollari che era popolare con gli stili orientali e occidentali e un simbolo dell’ascesa del Giappone nel dopoguerra, è morta l’11 agosto nella sua casa di Tokyo. Aveva 96 anni.

Il suo ufficio ha confermato la morte giovedì, senza specificare una causa. Ha detto di essersi ammalata due giorni prima della sua morte.

Da una sartoria al servizio delle mogli di soldati americani in una zona bombardata di Tokyo, Hanae Mori (pronunciata HA-na-eh MO-ree), figlia di un chirurgo, è diventata famosa nel mondo negli anni ’50— l’anno di lavoro che ha portato una fortuna favolosa. Creazione di 20 società. case di lusso a Parigi, New York e Tokyo; E un’ottima posizione per donna in dominazione maschile professione e società.

Dopo decenni di lotte per migliorare i suoi stili e commercializzarli, è stata accettata nel 1977 alla Chambre Syndicale de la Haute Couture, la prima donna asiatica a unirsi alla Guild of the World’s Leading Designers a Parigi. Nel 1977 è stata anche la prima donna asiatica a unirsi ai ranghi di Christian Dior, Chanel, Givenchy, Armani, Versace, Valentino e Karl Lagerfeld alle sfilate di Parigi, dove la concorrenza e la posta in gioco erano alte quanto la moda.

La sua collezione quell’anno era una straordinaria collezione di abiti e altri capi di abbigliamento con il suo distinto mix di design in stile occidentale in seta e chiffon, stampe floreali giapponesi, paesaggi marini, calligrafia e le sue tipiche farfalle. La critica di moda del New York Times Bernadine Morris ha dichiarato che l’industria ha una nuova stella in divenire.

“Parigi ha ancora i suoi classici” La signora Morris ha scritto nel 1977“Chanel, che ha stabilito il suo stile negli anni ’20 e da allora non è cambiata molto, e Grace, che è arrivata un decennio dopo. Questa volta si uniscono a loro Hani Morey, che col tempo potrebbe diventare un classico”.

Lei aveva ragione. Negli anni successivi, l’haute couture Mrs. Morey ha affascinato le passerelle di Parigi e New York ed è stata lodata dalla stampa di moda. A sua volta, quando è diventato famoso e il suo prêt-à-porter esportato è diventato ampiamente disponibile, ha guadagnato la fedeltà di milioni di acquirenti in tutto il mondo.

I suoi progetti erano in realtà piuttosto conservatori. A differenza dei suoi contemporanei giapponesi Issey MiyakeLa signora Morey, morta il 5 agosto, e altri stilisti d’avanguardia che usavano modelli e tessuti non convenzionali, la signora Morey non ha fatto alcun tentativo di rompere gli schemi della moda occidentale. Invece, combinando design occidentali con tocchi giapponesi, ha sfidato gli stereotipi e influenzato una generazione di designer in entrambe le culture.

Le sue creazioni non erano per le donne che volevano entrare, ha detto l’editore di Vogue. Per la maggior parte delle donne che non cercavano i riflettori, era solo il tranquillo piacere di vestirsi con colori e fantasie tenui: abiti da cocktail in seta con volant obi, abiti in chiffon con nebbie arancio-viola, gonne e abiti stampati con petali di rosa e canne o deboli nuvole.

READ  Secondo quanto riferito, la base di fan online di Snyder Cut era infestata da robot

Con il marito dirigente tessile, Ken Morey, in qualità di manager aziendale, la signora Morey ha sviluppato linee di abiti da sera, da giorno, da lavoro, da uomo e da bambino, oltre a collezioni di scarpe, borse, guanti e sciarpe. Successivamente ha prodotto oggetti in lacca, profumi per donne e uomini e persino arredi per la casa.

Mentre il Giappone si riprendeva dalla devastazione dei bombardamenti in tempo di guerra e riguadagnava la sua posizione economica con una corsa all’abbondanza, le donne una volta si univano alle cucine e si limitavano a indossare in massa i kimono tradizionali per la forza lavoro, acquistando le giacche, i pantaloni, i cardigan e i maglioni della signora Mori. gonne; Molti hanno anche imparato nuovi modi di indossare abiti da sera, matrimoni e altre occasioni formali, con le creazioni di Morey.

Con l’espansione delle collezioni non tradizionali della signora Mori nei mercati globali, la sua lista di clienti privati ​​è cresciuta fino a includere la Principessa Grace di Monaco, la Principessa Masako del Giappone, Lady Bird Johnson, Nancy Reagan, Hillary Clinton, Sophia Loren e Renata Tibaldi, oltre a le mogli dei leader nazionali in Europa e in Asia e le figure della comunità a New York, Parigi, Londra e Tokyo.

“Il nome Hanae Mori è diventato sinonimo di Giappone nell’abbigliamento femminile, come la Toyota nelle automobili, la Sony nei registratori e la Nikon nelle macchine fotografiche”, riferì il Times da Tokyo nel 1980 dopo che lo stendardo di Mori aveva un fatturato globale di $ 100 milioni.

Con la fama arrivarono i contratti. Dopo aver disegnato i costumi per i film giapponesi e le divise delle assistenti di volo per la Japan Airlines, ha creato i costumi per l’opera Madama Butterfly di Puccini alla Scala di Milano nel 1985; Balletto dell’Opera di Parigi “Cenerentola” di Rudolf Nureyev nel 1986 (e prodotto a New York nel 1987); e l’opera “Elektra” di Richard Strauss al Festival di musica di Salisburgo del 1996.

Negli anni ’90, la signora Mori era uno dei più potenti dirigenti d’azienda del Giappone e delle élite della società di Tokyo. Stava raccogliendo donazioni di beneficenza con ambasciatori, star dello spettacolo e leader aziendali le cui mogli avevano almeno una creazione Morey nei loro guardaroba: abiti da giorno venduti per $ 9.000 e abiti da sera venduti per $ 26.000.

La residenza internazionale della signora Mori, l’Hanae Mori Building, era un punto di riferimento in vetro e acciaio nel centro di Tokyo. Possedeva un vicino ristorante francese e ville a New York e Parigi, dove teneva cene per un massimo di 250 ospiti. La sua casa a Tokyo era una moderna residenza di cinque piani. Come il suo edificio per uffici, progettato da un architetto giapponese Kenzo Tang.

READ  Il principe William e Kate Middleton hanno rilasciato una dichiarazione in cui esprimevano la loro solidarietà al popolo ucraino

La signora Mori ha viaggiato per il mondo sul suo jet privato, cenato con reali e amministratori delegati, ed era spesso famosa quanto le star dei travestimenti ed è apparsa spesso nei notiziari in Giappone. Piccola e snella, con un sorriso a forma di cuore, grandi occhiali rotondi e una voce morbida, veniva spesso intervistata da corrispondenti occidentali, che dicevano che irradiava una serena fiducia e una gentilezza innata.

“Nonostante tutto il suo successo, Mori è una donna amichevole, modesta, gentile e autocontrollata, un modo che è il risultato di un’educazione conservatrice, cruciale per il suo successo in Giappone”, ha affermato il Washington Post in un dossier del 1990. “Nella cultura imprenditoriale di Tokyo dominata dagli uomini, la donna più severa al comando sarebbe stata ostracizzata”.

Sebbene nessuno lo sapesse all’epoca, le vendite globali annuali della signora Morey hanno raggiunto il picco di quasi $ 500 milioni. A metà degli anni ’90, le sue vendite iniziarono a diminuire costantemente, a causa della prolungata stagnazione economica e del cambiamento dei gusti che costrinsero molti designer di alta moda, tra cui Ms. Morey, a fare un passo indietro dalla spesa.

Nel 2002, ha venduto i suoi punti vendita al dettaglio di prêt-à-porter e le attività di abbigliamento in licenza a un gruppo di investimento composto dai britannici Rothschild e dalla giapponese Mitsui. Nello stesso anno, Hanae Mori International ha presentato istanza di protezione dal fallimento in Giappone, con passività per $ 94 milioni. Il nome Hanae Mori è sopravvissuto in alcuni negozi di Tokyo ed è ancora vivo oggi nelle loro linee di profumi.

Hana Fujii è nata l’8 gennaio 1926 a Moikaichi (l’odierna Yoshika) nella prefettura di Shimane, nel Giappone sudoccidentale. Era l’unica figlia di sei figli di Jarrah e sua moglie.

Hana aveva quindici anni quando iniziò la guerra nel Pacifico. Come molte giovani donne giapponesi, lavorava in una fabbrica. Alla fine della guerra, riprese gli studi alla Tokyo Women’s Christian University e si laureò nel 1947 in lettere.

Nel 1947 sposò il signor Morey. Hanno avuto due figli, Akira e Kei, che hanno aiutato a gestire la sua attività da adulti. Suo marito è morto nel 1996. Tra i suoi sopravvissuti ci sono figli e otto nipoti, due dei quali, Hikari Mori e Izumi Mori, sono modelli famosi.

Appassionata di carriera, la signora Mori ha studiato cucito e nel 1951 ha aperto il suo atelier a Shinjuku, un centro commerciale a Tokyo. Dopo che un produttore cinematografico ha notato il suo lavoro, ha realizzato costumi per centinaia di film giapponesi negli anni ’50 e ’60, tra cui “Early Autumn” di Yasujiro Ozu e “Farewell to Summer Light” di Yoshishiji Yoshida.

Le star del cinema sono diventate clienti. Ha scritto rubriche per una rivista di moda e ha aperto negozi a Tokyo e in altre città.

READ  Il medico legale della contea di Los Angeles decide sulla morte di Anne Hechey in un incidente

Nel 1960 visse un’esperienza che le cambiò la vita. Durante una visita al salone di Coco Chanel a Parigi, ha avuto un’idea che l’ha ispirata a provare l’haute couture. Percependo che la bellezza femminile in Giappone si basava sul mistero dell’occultamento, ha deciso di creare abiti che rivelassero la naturale femminilità di una donna, un’idea rivoluzionaria in una cultura che per secoli ha reso le donne invisibili.

Dopo aver implementato la sua idea, la sua attività è fiorita in Giappone. Nel 1975, si è avventurata a New York con inviti su carta di riso di 300 dignitari della moda americana, inclusi critici, designer e rappresentanti di grandi magazzini, al suo spettacolo “L’est incontra l’ovest” in un hotel di Park Avenue. È stato un enorme successo.

“Le opere d’arte sono sicuramente” Ha scritto la signora Morris, critica di moda per The Times. “Paesaggi, farfalle, ventagli e fiori sono splendidamente colorati su crêpe di seta e chiffon in stile giapponese.

“Ma ci sono segnali precisi che la designer giapponese Hana Mori si stia dirigendo verso ovest”, ha aggiunto. “La combinazione di design occidentale e stampe giapponesi è una cosa felice.”

Neiman Marcus, un grande magazzino di Dallas, è stato il primo a commercializzare la merce della signora Murray negli Stati Uniti. Ben presto, Bergdorf Goodman, Benoit Teller, Henry Bendel e Saks Fifth Avenue si unirono al gruppo. Due anni dopo, ho raggiunto la grandezza a Parigi, stabilendomi in questa strada dei sogni della moda, Rue Montaigne.

La signora Mori ha disegnato le divise per la delegazione giapponese alle Olimpiadi di Barcellona del 1992 e, due anni dopo, le divise per le Olimpiadi di Lillehammer in Norvegia.

La signora Morey ha ricevuto onorificenze e premi, in particolare la Legion d’Onore, il più alto riconoscimento francese, che le è stato conferito nel 1989 dal presidente François Mitterrand. I suoi libri includono “Design for Tomorrow” (1978), “Glass Butterfly” (1984) e “Hannah Morey: 1960-1989” (1989).

Dopo aver dichiarato bancarotta, ha continuato a mettere in scena sfilate di moda fino al 2004, quando si è ritirata all’età di 78 anni e ha tenuto una festa d’addio a Parigi, definendola un tributo alla fusione di Oriente e Occidente di cui è stata pioniera.

“Una serie di applausi ha salutato Hana Mori mentre il pubblico si è alzato in piedi per salutare l’ultima sfilata del grande stilista giapponese a Parigi”, International Herald Tribune. segnalato nel 2004. “Lo stilista sembrava sopraffatto, circondato da modelle che indossavano abiti finiti squisitamente ricamati con farfalle, il simbolo della casa”.

Hikari Hida Reporting contribuito da Tokyo.