Settembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È morto all’età di 73 anni lo sceicco Khalifa bin Saeed, presidente degli Emirati Arabi Uniti

“Il Ministero degli Affari Presidenziali porge le sue condoglianze al popolo degli Emirati Arabi Uniti, dei paesi arabi e islamici e del mondo intero. Il Presidente della Nazione e l’ospite della sua marcia, il Presidente dello Stato, lo sceicco Khalifa bin Saeed Al Nahyan, è morto oggi, venerdì 13 maggio dalla parte del Signore”, ha detto WAM.

Possa il Signore avere pietà del defunto sceicco Khalifa bin Saeed Al Nahyan, il ministero presidenziale degli affari presidenziali ha annunciato che sospenderà il lutto ufficiale e le bandiere a mezz’asta per i primi 40 giorni da oggi. A partire da oggi (venerdì) abbiamo 3 giorni per lavorare in ministeri, dipartimenti, aziende federali e locali e nel settore privato “, ha affermato WAM in un tweet.

Il ruolo dello sceicco Khalifa è stato in gran parte formale da quando ha subito un ictus nel 2014 e ha subito un intervento chirurgico. Lo sceicco Mohammed bin Saeed, suo fratello e principe ereditario di Abu Dhabi, è ampiamente considerato il vero leader degli Emirati Arabi Uniti. Day Affairs per il Paese del Golfo.

Lo sceicco Khalifa è stato nominato secondo presidente degli Emirati Arabi Uniti nel 2004, dopo suo padre e fondatore della nazione, lo sceicco Saeed Al Nahyan.

Lo sceicco Khalifa, nato nel 1948 nella regione orientale di Abu Dhabi, è il figlio maggiore dello sceicco Saeed. Prima del suo ruolo di presidente, è stato il principe ereditario di Abu Dhabi e presidente del Consiglio supremo del petrolio di Abu Dhabi, che formula la politica petrolifera.

In qualità di presidente, ha guidato la Abu Dhabi Investment Commission, uno dei più grandi fondi di investimento al mondo, gestendo centinaia di miliardi di dollari di asset.

READ  Putin elogia Xi per l'Ucraina, sbatte le "provocazioni" statunitensi su Taiwan

Il Burj Khalifa, uno degli edifici più alti del mondo, si è guadagnato il nome dopo che il governo degli Emirati Arabi Uniti ha salvato Dubai dal suo debito e, da appassionato di sport, ha sostenuto l’acquisizione della squadra di calcio della Premier League inglese Manchester City.