Settembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È morto all’età di 91 anni Gorbaciov, l’ultimo leader dell’Unione Sovietica che ha posto fine alla Guerra Fredda e ha vinto un premio Nobel.

30 ago (Reuters) – Mikhail Gorbaciov, che ha posto fine incruenta alla Guerra Fredda e non è riuscito a prevenire il crollo dell’Unione Sovietica, è morto martedì all’età di 91 anni, hanno detto i funzionari dell’ospedale di Mosca.

Gorbaciov, l’ultimo presidente dell’Unione Sovietica, creò accordi di disarmo con gli Stati Uniti e alleanze con le potenze occidentali per smantellare la cortina di ferro che divideva l’Europa dopo la seconda guerra mondiale e riunire la Germania.

Ma le sue riforme interne hanno contribuito a indebolire l’Unione Sovietica.

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

“Mikhail Gorbaciov è deceduto questa notte dopo una malattia grave e prolungata”, ha detto l’ospedale medico centrale russo.

Putin ha espresso “le sue più sentite condoglianze”, ha detto a Interfax il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. “Domani manderà le sue condoglianze alla sua famiglia e ai suoi amici”, ha detto.

Putin ha detto nel 2018 che avrebbe invertito il crollo dell’Unione Sovietica se avesse potuto, hanno riferito i notiziari.

I leader mondiali hanno immediatamente reso omaggio. La presidente della Commissione europea Ursula van der Leyen ha affermato che Gorbaciov, vincitore del Premio Nobel per la pace nel 1990, ha aperto la strada a un’Europa libera.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che “Klasnost e Perestroika – apertura e ristrutturazione – non sono solo slogan, ma la via da seguire per le persone dopo anni di isolamento e privazione nell’Unione Sovietica”.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha citato l’invasione dell’Ucraina da parte di Putin come “un esempio per tutti noi dell’instancabile impegno di Gorbaciov nell’apertura della società sovietica”.

READ  Ga. Dal senatore alla testimonianza del gran giurì. Lindsay Graham ha offerto un ritardo temporaneo

Partnership occidentali

Dopo decenni di tensioni e conflitti durante la Guerra Fredda, Gorbaciov ha portato l’Unione Sovietica più vicino all’Occidente che mai dalla seconda guerra mondiale.

“Ha dato la libertà a centinaia di milioni di persone dentro e intorno alla Russia e in mezza Europa”, ha detto l’ex leader dell’opposizione liberale russa Grigory Yavlinsky. “Pochi leader nella storia hanno avuto un’influenza così decisiva sul loro tempo”.

Ma Gorbaciov ha visto la sua eredità sgretolarsi in tarda età quando l’invasione dell’Ucraina ha abbattuto le sanzioni occidentali su Mosca e i politici in Russia e in Occidente hanno iniziato a parlare di una nuova Guerra Fredda.

“Korbachev è morto in modo simbolico quando il lavoro della sua vita, la libertà, è stato effettivamente distrutto da Putin”, ha detto Andrei Kolesnikov, un membro anziano del Carnegie Endowment for International Peace.

Das ha detto che sarebbe stato sepolto nel cimitero di Novodevichy di Mosca accanto a sua moglie, Raisa, morta nel 1999, citando la fondazione che aveva stabilito dopo che l’ex leader sovietico aveva lasciato l’incarico.

“Siamo tutti orfani ora. Ma non tutti se ne rendono conto”, ha detto Alexei Venediktov, capo di una stazione radiofonica di media liberali che ha subito pressioni per la guerra in Ucraina.

Quando le proteste a favore della democrazia hanno scosso i paesi del blocco sovietico nell’Europa orientale comunista nel 1989, Gorbaciov ha evitato l’uso della forza, a differenza dei precedenti leader del Cremlino che hanno inviato carri armati per reprimere le rivolte in Ungheria nel 1956 e in Cecoslovacchia nel 1968.

Ma le proteste hanno acceso aspirazioni all’autonomia nelle 15 repubbliche dell’Unione Sovietica, che si sono disintegrate nei due anni successivi in ​​modo caotico. leggi di più

READ  Occupazione russa Kherson Ucraina interrotta da contrattacchi - Gran Bretagna

Gorbaciov – che fu estromesso dagli intransigenti del partito in un colpo di stato dell’agosto 1991 – lottò invano per arginare il declino.

Riforme turbolente

“L’era di Gorbaciov è stata l’era della perestrojka, l’era della speranza, l’era in cui siamo entrati in un mondo senza missili… ma c’è stato un errore di calcolo: non conoscevamo molto bene il nostro Paese”, ha detto Vladimir Shevchenko. Diresse l’ufficio di etica di Gorbaciov quando era il leader sovietico.

“Il nostro sindacato si è disintegrato, è una tragedia e la sua tragedia”, ha affermato l’agenzia di stampa RIA.

Quando divenne segretario generale del Partito Comunista Sovietico nel 1985, a soli 54 anni, iniziò a rinnovare il sistema introducendo libertà politiche ed economiche limitate, ma le sue riforme andarono fuori controllo. leggi di più

“Era un brav’uomo, era un uomo perbene. Penso che la sua tragedia fosse che era troppo rispettabile per il paese che stava guidando”, ha detto il biografo di Gorbaciov William Taubman.

La politica “Klasnost” di Gorbaciov consentiva critiche precedentemente impensabili al partito e allo stato, ma incoraggiava anche i nazionalisti che iniziarono a spingere per l’indipendenza nelle repubbliche baltiche di Lettonia, Lituania, Estonia e altrove.

Molti russi non hanno mai perdonato il tumulto scatenato dalle riforme di Gorbaciov.

Vladimir Rokov, un funzionario nominato dalla Russia in una parte dell’Ucraina ora occupata dalle forze filo-Mosca, ha definito Gorbaciov “guidare deliberatamente l’Unione (sovietica) alla sua distruzione” e un traditore.

“Ci ha dato tutta la libertà, ma non sappiamo cosa farci”, ha detto l’economista liberale Ruslan Grinberg all’agenzia di stampa delle forze armate Zvesta dopo aver incontrato Gorbaciov in ospedale a giugno.

READ  Ue divisa sul divieto di visto per i turisti russi

Iscriviti ora per l’accesso gratuito illimitato a Reuters.com

Reporting di David Lungren a Ottawa, Mark Trevelyan a Londra, Rochelle Chen a New York, Elaine Monaghan e Dan Whitcomb a Los Angeles; Scritto da Guy Falconbridge e Mark Trevelyan; Montaggio di Matthew Lewis, Rosalba O’Brien e Richard Pullin

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.