Febbraio 3, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È probabile che le parti in caduta dei missili causino la morte

È probabile che le parti in caduta dei missili causino la morte

Una folla di persone in piedi sulla spiaggia a guardare l'ufficio di una nave missilistica esplodere dalla sua stazione

Il razzo Long March 5B Y2 di fabbricazione cinese è stato lanciato nell’aprile 2021, ma questo tipo di razzo è stato citato almeno due volte per le parti lasciate in orbita che colpiscono la Terra al ritorno.
immagine: Yomiuri Shimbun (AP)

Scusate ragazzi, ma quando volete che cada una stella, appaiono quelle linee lampeggianti Il cielo notturno potrebbe effettivamente essere parti di razzi in fiamme. E come indica una nuova ricerca, alcune parti di un razzo fiammeggiante possono essere dirette nella tua direzione generale.

Gli scienziati affermano che esiste una maggiore possibilità che le precipitazioni su parti dei missili causino lesioni o danni alle persone a terra. Sebbene sia ancora altamente improbabile che tu riceva un oggetto razzo in faccia quando guardi le stelle, i ricercatori stanno chiedendo alle nazioni che viaggiano nello spazio del mondo di prendere in considerazione il rientro controllato dei componenti della nave che sono stati lasciati a galla nell’orbita terrestre bassa.

Nelle comunicazioni della natura carta Rilasciato oggi, i ricercatori in Canada hanno affermato che esiste una probabilità del 10% che una o più parti di missili che cadano ne cadano vittime nel prossimo decennio sulla base dei dati dedotti dai rapporti pubblicati pubblicamente. La forte possibilità che queste parti di missili possano atterrare nel Sud del mondo significa che la maggior parte delle nazioni spaziali e delle società private stanno effettivamente “esportando rischi nel resto del mondo”, in particolare nell’emisfero meridionale, hanno scritto gli scienziati nel loro studio.

Ma qual è la probabilità che parti del missile cadano su aree abitate dall’uomo? Bene, sempre più paesi e società private stanno lanciando razzi nello spazio, il che significa che sempre più parti separate sono in orbita. era lì 133 tentativi di lancio riusciti Nel 2021 un nuovo record mondiale e non vediamo l’ora battere questo record nel 2022. Secondo il rapporto, oltre il 60% dei lanci ha lasciato oggetti razzo in orbita, dove sono rimasti in orbita attorno alla Terra per giorni, mesi o anni.

Prima Ricerca Mostra che meno del 50% della Terra permanentemente coperta dal ghiaccio è rimasta relativamente disabitata e non toccata dall’uomo. Ma come mostra la nuova ricerca, c’è ancora la possibilità che parti di missili raggiungano i centri abitati. Il team ha utilizzato i dati sugli angoli di orbita medi e le statistiche sulla popolazione a latitudini diverse per mostrare che esiste una curva nella probabilità che i frammenti si rompano in luoghi con almeno alcune abitazioni umane.

E poiché molti di questi lanci avvengono vicino all’equatore, c’è un rischio maggiore per le nazioni in via di sviluppo nell’emisfero australe. Gli scienziati osservano che città come Giacarta (Indonesia), Città del Messico (Messico) e Lagos (Nigeria) hanno una probabilità tre volte maggiore di essere infettate rispetto a qualsiasi altra parte come New York, Pechino o Mosca.

I disegni A e B descrivono in dettaglio il numero di razzi prodotti da ciascuna delle principali nazioni che viaggiano nello spazio e il potenziale di causare vittime.  Il diagramma C indica l'angolo di orbita delle parti dei razzi bloccati in orbita e le potenziali perdite previste, quindi quei razzi in orbita tra 30 e 60 gradi di latitudine hanno una maggiore probabilità di causare la morte.  La figura D mostra come un'elevata densità di popolazione a 30-60 gradi di latitudine aumenti la possibilità che un missile atterri causi la morte.

I disegni A e B descrivono in dettaglio il numero di razzi prodotti da ciascuna delle principali nazioni che viaggiano nello spazio e il potenziale di causare vittime. Il diagramma C indica l’angolo di orbita delle parti dei razzi bloccati in orbita e le potenziali perdite previste, quindi quei razzi in orbita tra 30 e 60 gradi di latitudine hanno una maggiore probabilità di causare la morte. La figura D mostra come un’elevata densità di popolazione a 30-60 gradi di latitudine aumenti la possibilità che un missile atterri causi la morte.
Disegno: Byers et al., 2022 / Astronomia naturale

“Il rischio sproporzionato derivante dagli scafi dei missili è esacerbato dalla povertà, poiché gli edifici nel sud del mondo forniscono meno protezione”, hanno scritto gli autori dello studio. Riferendosi alla ricerca della NASA, gli scienziati hanno affermato che quasi “l’80% della popolazione mondiale” vive senza protezione o in strutture leggermente schermate che forniscono una protezione limitata contro la caduta di detriti. “

Quante volte le parti del missile hanno colpito vicino alla popolazione?

Gli scienziati hanno citato due volte i detriti dei missili caduti a terra. Nel 2020, parti dello stadio centrale del razzo Long March 5B, che è stato utilizzato per lanciare una capsula sperimentale senza pilota, È caduto su due villaggi della Costa d’AvorioGli edifici sono stati danneggiati, ma non si sono registrati feriti o morti. Nell’aprile 2021, un altro stadio principale di fabbricazione cinese del telaio del missile Long March 5B – un pezzo del peso di circa 23 tonnellate –Sbarcato nell’Oceano Indiano. È stato il più grande essere artificiale a eseguire il rientro incontrollato. Lo scorso aprile, gli investigatori hanno anche affermato che parti di un altro missile cinese Sono atterrato sui villaggi Nello stato del Maharashtra all’estremità occidentale dell’India.

Sì, la probabilità che parti dei missili cadano causando ferite o morte è ancora piccola. in un’intervista Con The Independent l’anno scorso, l’astrofisico di Harvard Jonathan McDowell ha dato una possibilità “una su diversi miliardi” che lo stadio centrale da 18 tonnellate potesse imbattersi in chiunque. “Gli esperti dicono che è impossibile prevedere dove quelle parti del razzo che non si sono bruciate cadranno al ritorno”, ha detto McDowell.

Tuttavia, in questo ultimo studio, hanno affermato i ricercatori, gli stati sono troppo permissivi nei loro atteggiamenti verso il ritorno delle navi. La US Air Force ha rinunciato alle pratiche standard di mitigazione dei detriti orbitali (che richiedono un rischio di rientro inferiore a 1 su 10.000) per 37 dei 66 lanci tra il 2011 e il 2018.

Quindi cosa dovrebbero cercare di fare i paesi per fermare le riammissioni incontrollate? Sebbene la tecnica del rientro controllato stia diventando sempre più popolare, “la maggior parte di queste procedure costano denaro”. Con l’ascesa di società private come SpaceX, imporre il rientro controllato potrebbe diventare una questione competitiva. Tuttavia, gli autori del nuovo documento hanno sostenuto che potrebbe essere necessario andare oltre la forzatura di un trattato internazionale attraverso le Nazioni Unite.

“I paesi del Sud del mondo hanno un’elevata posizione morale; i loro cittadini sopportano i rischi maggiori e inutilmente, poiché le tecnologie e i progetti di missione necessari per prevenire le vittime esistono già”.

Di più: La Cina testa la gigantesca vela a trascinamento per rimuovere la spazzatura spaziale.

READ  La NASA annulla il terzo tentativo di rifornire di carburante il razzo lunare Artemis 1