Settembre 26, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Funzionario USA: il capo della CIA ha fatto un viaggio segreto in Cina tra le tensioni | Notizie di politica

Funzionario USA: il capo della CIA ha fatto un viaggio segreto in Cina tra le tensioni |  Notizie di politica

Il direttore della CIA, William Burns, ha sottolineato l’importanza di mantenere aperte le comunicazioni tra Cina e Stati Uniti.

Nel tentativo di migliorare le comunicazioni tra Pechino e Washington, il direttore della CIA, William Burns, ha visitato la Cina il mese scorso per colloqui con le sue controparti cinesi, ha detto un funzionario statunitense.

La visita di Burns a maggio, riportata per la prima volta dal Financial Times, arriva mentre Washington cerca di calmare le tensioni con Pechino e ripristinare le linee di comunicazione tra i timori che i problemi di comunicazione tra le due potenze mondiali possano accidentalmente sfociare in un conflitto.

La notizia della visita in Cina arriva mentre l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fatto pressioni per ripristinare i contatti e programmare incontri tra vari alti funzionari a Washington e Pechino.

“Il mese scorso, il direttore Burns si è recato a Pechino, dove ha incontrato le sue controparti cinesi e ha sottolineato l’importanza di mantenere linee di comunicazione aperte nei canali di intelligence”, ha detto venerdì un funzionario statunitense all’agenzia di stampa Reuters.

Burns ha incontrato funzionari dell’intelligence cinese e non alcuna dirigenza straniera o politica di Pechino, secondo una seconda persona a conoscenza della visita che ha parlato anche a condizione di anonimato.

La CIA, che non pubblicizza regolarmente tali visite, ha rifiutato di commentare le notizie sul viaggio di Burns in Cina.

Le relazioni tra Pechino e Washington sono state sottoposte a gravi tensioni negli ultimi mesi su questioni che vanno dalla situazione dei diritti umani di Taiwan e Cina alla crescente attività militare di Pechino nel Mar Cinese Meridionale e agli stretti legami con la Russia.

READ  La nave soccorso migranti di Banksy sequestrata dalla Guardia Costiera italiana a Lampedusa

Washington accusa la Cina di considerare di fornire aiuti militari a Mosca per sostenere la sua invasione dell’Ucraina. La Cina ha negato tali accuse.

Alcuni critici dell’amministrazione Biden hanno messo in dubbio il valore delle aperture di Washington a Pechino, affermando che decenni di impegno non sono riusciti a cambiare l’approccio della Cina a una serie di questioni, tra cui commercio, sicurezza e diritti umani.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha ritardato un viaggio in Cina a febbraio a causa di una tempesta diplomatica dopo che un presunto pallone spia cinese è stato abbattuto sopra lo spazio aereo statunitense e su siti militari sensibili.

Venerdì, il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha anche stretto la mano al ministro della Difesa nazionale cinese Li Changfu a margine di un vertice sulla sicurezza a Singapore, ma non c’è stato alcuno “scambio sostanziale”, ha affermato il Pentagono.

La Cina in precedenza si era rifiutata di tenere un incontro ufficiale tra Austin e Lee, soggetto a sanzioni Usa, durante lo Shangri-La Security Summit, che si terrà nei prossimi giorni.

Nel 2018, Washington ha imposto sanzioni al Dipartimento per lo sviluppo delle attrezzature (EED) del Ministero della Difesa cinese, e al suo allora direttore Li, per l’acquisto di missili e aerei da combattimento dalla Russia.

Le sanzioni hanno portato a un divieto di visto per gli Stati Uniti e hanno vietato a European Endowment for Democracy e Lee di condurre transazioni con il sistema finanziario statunitense.

Parlando al vertice di sabato, Austin ha affermato che il dialogo tra Stati Uniti e Cina è “essenziale” e aiuterà a evitare calcoli errati che potrebbero portare a un conflitto.

READ  Crisi Russia-Ucraina in primo piano mentre l'Occidente impone sanzioni

Gli Stati Uniti ritengono che le linee di comunicazione siano aperte con la Repubblica popolare cinese [PRC] Austin ha detto nelle osservazioni al vertice.

“Più parliamo, più possiamo evitare fraintendimenti e calcoli errati che potrebbero portare a crisi o conflitti”, ha affermato.

Separatamente, il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan ha affermato venerdì che gli Stati Uniti vogliono impegnarsi con la Cina “senza precondizioni” su questioni di controllo delle armi nucleari, ma che Pechino non è ancora disposta a farlo.

“In poche parole, non abbiamo ancora visto la volontà della RPC di separare la stabilità strategica dalle questioni più ampie nelle relazioni”, ha detto Sullivan in un discorso all’Associazione per il controllo degli armamenti, osservando che questo è stato un fondamento della sicurezza nucleare e strategica per decenni.

“Questo è il motivo per cui siamo anche disposti a coinvolgere la Cina senza precondizioni, il che aiuta a garantire che la concorrenza sia gestita e che la concorrenza non si trasformi in conflitto”, ha affermato.

“Vedremo cosa sceglierà la Repubblica popolare cinese”, ha aggiunto.