Dicembre 8, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Giunone ottiene la più alta risoluzione ravvicinata della luna di Giove Europa

Giunone ottiene la più alta risoluzione ravvicinata della luna di Giove Europa

Le caratteristiche della superficie della luna ghiacciata di Giove Europa sono rivelate in un’immagine acquisita dalla Juno Stellar Reference Unit (SRU) durante il sorvolo della navicella spaziale il 29 settembre 2022. Credito immagine: NASA/JPL-Caltech/SwRI

Le osservazioni dal passaggio della luna da parte della navicella spaziale hanno fornito il primo primo piano in oltre due decenni di questo mondo oceanico, risultando in immagini affascinanti e una bandiera unica.


L’immagine con la risoluzione più alta mai scattata dalla missione Juno della NASA di una parte specifica della luna di Giove Europa, rivela una vista dettagliata di una regione sconcertante della crosta ghiacciata profondamente fratturata della luna.

L’immagine copre circa 93 miglia (150 chilometri) per 125 miglia (200 chilometri) dalla superficie di Europa, rivelando un’area attraversata da una rete di sottili solchi e doppie creste (coppie di lunghe linee parallele che indicano caratteristiche in alto nel ghiaccio). Vicino alla parte in alto a destra dell’immagine, così come a destra e in basso al centro ci sono delle macchie scure che sono probabilmente legate a qualcosa dal basso che esplode sulla superficie. Sotto il centro ea destra c’è una superficie che richiama una semiminima musicale, che misura 42 miglia (67 km) da nord a sud e 23 miglia (37 km) da est a ovest. I punti bianchi nell’immagine sono segnali di penetrazione di particelle ad alta energia dal duro ambiente di radiazione attorno alla Luna.

La Stellar Reference Unit (SRU) di Juno, una fotocamera stellare utilizzata per guidare la navicella spaziale, ha acquisito l’immagine in bianco e nero durante il sorvolo di Europa della navicella spaziale il 29 settembre 2022, a una distanza di circa 256 miglia (412 km). Con una risoluzione da 840 a 1.115 piedi (da 256 a 340 metri) per pixel, l’immagine è stata scattata mentre Giunone avanzava a circa 15 miglia al secondo (24 chilometri al secondo) su una porzione della superficie che era di notte, scarsamente illuminata da “Luminosità di Giove.” – Riflessione della luce solare dalle cime della nuvola di Giove.

Progettato per condizioni di scarsa illuminazione, l’SRU si è dimostrato un prezioso strumento scientifico, rilevando fulmini poco profondi nell’atmosfera di Giove, immaginando il misterioso sistema di anelli di Giove e ora fornendo uno sguardo ad alcune delle formazioni geologiche più affascinanti d’Europa.

“Questa immagine sblocca un incredibile livello di dettaglio in un’area che non è mai stata fotografata prima con una tale risoluzione e in condizioni di illuminazione artificiale”, ha affermato Heidi Becker, co-investigatrice principale della SRU. “L’uso da parte del team della Star-Tracking Camera for Science è un ottimo esempio delle capacità pionieristiche di Giunone. Queste caratteristiche sono molto interessanti. Comprendere come si è formata – e come si relaziona con la storia dell’Europa – ci insegna i processi interni ed esterni che rendono sulla sua crosta.”

Non saranno solo gli scienziati della Juneau University ad essere impegnati ad analizzare i dati nelle prossime settimane. Durante la 45a orbita di Giunone attorno a Giove, tutti gli strumenti scientifici della navicella stavano raccogliendo dati durante il sorvolo di Europa e poi di nuovo quando Giunone si librò sui poli di Giove 7 poche ore dopo.

Il ricercatore principale di Giunone, Scott Bolton, del Southwest Research Institute di San Antonio, ha detto. “Con questo passaggio ravvicinato di Europa, Giunone ha ora visto in primo piano due delle lune più interessanti di Giove, le cui croste ghiacciate sembrano molto diverse l’una dall’altra. Nel 2023, Io, il corpo più vulcanico del sistema solare, si unirà al club. ” Giunone ha navigato vicino alla luna di Giove Ganimede, la luna più grande del sistema solare, nel giugno 2021.

Europa è Sistema solareLa sesta luna più grande con circa il 90% del diametro dell’equatore terrestre la luna. Gli scienziati sono fiduciosi che un oceano salato si trovi sotto una crosta di ghiaccio spessa miglia, il che solleva interrogativi sulla possibilità di abitabilità dell’oceano. All’inizio degli anni ’30, la navicella spaziale Europa Clipper della NASA arriverà e si sforzerà di rispondere a queste domande sull’abitabilità dell’Europa. I dati del passaggio ravvicinato di Giunone forniscono un’anteprima di ciò che rivelerà questa missione.


La navicella spaziale della NASA sorvola Giove Europa, il più vicino da anni


la citazione: Juno ottiene la più alta risoluzione ravvicinata della luna di Giove Europa (2022, 5 ottobre) Estratto il 6 ottobre 2022 da https://phys.org/news/2022-10-juno-highest-resolution-close-up-jupiter- luna.html

Questo documento è soggetto a copyright. Nonostante qualsiasi correttezza commerciale a fini di studio o ricerca privati, nessuna parte può essere riprodotta senza autorizzazione scritta. Il contenuto è fornito a solo scopo informativo.

READ  Incredibile nuova immagine del telescopio web di Nettuno cattura i dettagli dell'episodio