Dicembre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli impegni sul clima stanno scivolando e un futuro caotico sembra più vicino alla realtà

Gli impegni sul clima stanno scivolando e un futuro caotico sembra più vicino alla realtà

L’anno scorso globale Vertice sul clima di Glasgow, I paesi si sono impegnati a raddoppiare i loro sforzi per ridurre le emissioni derivanti dalla combustione di petrolio, gas e carbone che stanno pericolosamente riscaldando il pianeta. Hanno anche deciso di aumentare i finanziamenti per le tecnologie per aiutare le economie in via di sviluppo a passare dai combustibili fossili all’eolico, al solare e ad altre fonti di energia rinnovabile.

Il rapporto delle Nazioni Unite ha analizzato gli impegni presi dai paesi per ridurre le proprie emissioni, noti come contributi determinati a livello nazionale o NDC, che hanno firmato l’accordo di Parigi del 2015 promettendo di aggiornare e rafforzare i propri impegni ogni cinque anni. La riunione del 2020 è stata posticipata di un anno a causa della pandemia di coronavirus. Nel 2021, riconoscendo l’urgenza della crisi climatica, i paesi hanno deciso di non aspettare altri cinque anni e si sono invece impegnati a prendere nuovi impegni prima dell’inizio dei colloqui sul clima il 7 novembre in Egitto.

Taryn Fransen, un ricercatore senior presso il World Resources Institute, un’organizzazione di ricerca, ha descritto l’attuale traiettoria di aumento della temperatura globale come “pericolosamente alta”.

La Cina, che è attualmente il più grande emettitore mondiale di gas serra, è uno dei paesi che rifiuta nuovi impegni, sebbene abbia fatto un nuovo impegno in vista del vertice dello scorso anno in Scozia. La Cina ha affermato che le emissioni di anidride carbonica continueranno a crescere fino al picco entro il 2030, ma non ha fissato obiettivi per la riduzione di altri gas serra, come il metano, che emette in quantità sufficientemente elevate da eguagliare le emissioni totali dei paesi più piccoli.

READ  Vladimir Kara-Murza è stato arrestato a Mosca dopo un'intervista alla CNN in cui criticava Putin

L’anno scorso, la Cina ha dichiarato che avrebbe smesso di costruire centrali elettriche a carbone all’estero. Ad agosto, 26 di 104 progetti di questo tipo sono stati sospesi, impedendo l’immissione nell’atmosfera di 85 milioni di tonnellate di anidride carbonica ogni anno, secondo il Centro di ricerca sull’energia e l’aria pulita.

Un’analisi del World Resources Institute ha rilevato che le attuali promesse dei paesi ridurrebbero le emissioni globali di gas serra di circa il 7% rispetto ai livelli del 2019, anche se sarebbe necessaria una riduzione del 43% per frenare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius. .

Tra le principali economie, quest’anno abbiamo assistito all’aggiornamento di alcuni paesi. L’India ha formalizzato i suoi obblighi; L’Australia ha modernizzato il proprio governo quando ne ha formato uno nuovo; “L’Indonesia ha seguito l’esempio”, ha detto la signora Francine del World Resources Institute. “Ma finora ciascuno di questi paesi non ha aggiornato i propri NDC, quindi stanno recuperando il tempo perso”.