Settembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati hanno scoperto un cuore di 380 milioni di anni straordinariamente conservato

Il cuore di un pesce di 380 milioni di anni è stato trovato all’interno di un pezzo di sedimento australiano, facendo battere forte il cuore agli scienziati. Non solo questo organo è in ottima forma, ma può anche fornire indizi sull’evoluzione dei vertebrati mascellari, che include me e te.

Il cuore appartiene a una classe estinta di pesci corazzati con mascelle chiamati artropodi che fiorì nel periodo Devoniano tra 419,2 milioni e 358,9 milioni di anni fa – e il cuore è 250 milioni di anni più vecchio del nucleo di pesce con mascelle che attualmente porta il “più vecchio”. Ma anche se il pesce è molto antico, la posizione del suo cuore a forma di S con due camere ha portato i ricercatori a notare le sorprendenti somiglianze anatomiche tra gli antichi nuotatori e gli squali moderni.

La professoressa Kate Triangstick, paleontologa di vertebrati presso la Curtin University in Australia e coautrice di un nuovo studio sui risultati, ha affermato. “Questi pesci hanno letteralmente il cuore in bocca e sotto le branchie, proprio come gli squali di oggi”, ha detto Triangstick.

lo studio Di ritorno mercoledì in Scienza.

Gli scienziati hanno esaminato più da vicino la posizione esatta dell’organo perché sono stati in grado di osservarlo in relazione allo stomaco, all’intestino e al fegato del pesce fossilizzato, che sono rari.

“Non posso dirti quanto sono stato sorpreso di trovare un cuore 3D magnificamente conservato e altri organi in questo antico fossile”, ha detto Trinagistic.

valvole a spirale gogo-plac in miniatura-xs-1

L’anello bianco mostra le valvole a spirale dell’intestino, ma il cuore non è visibile qui. “Sono rimasto assolutamente sbalordito dal fatto che possiamo effettivamente vedere i tessuti molli conservati in un pesce così antico”, afferma John Long, professore di paleontologia alla Flinders University in Australia e coautore di un nuovo studio sulla scoperta. “Ho capito subito che si trattava di una scoperta molto importante”.

John Long / Università di Flinders

I fossili sono stati scoperti dai paleontologi durante una spedizione del 2008 presso la Formazione GoGo e si aggiungono a un corpus di informazioni raccolte dal sito, comprese le origini dei denti e le intuizioni sulla transizione dalle pinne agli arti. La formazione GoGo, un deposito sedimentario nella regione del Kimberley nell’Australia occidentale, è nota per la sua ricca documentazione fossile che sostiene la vita della barriera corallina devoniana dell’era paleozoica, compresi i resti di tessuti delicati come nervi ed embrioni con cordone ombelicale.

anatomia articolare.

“La maggior parte dei casi di conservazione dei tessuti molli si trova in fossili piatti, dove l’anatomia morbida è poco più di un puntino sulla roccia”, ha affermato il coautore dello studio Per Ahlberg dell’Università svedese di Uppsala. “Siamo anche molto fortunati che le moderne tecniche di scansione ci consentano di studiare questi fragili tessuti molli senza distruggerli. Due decenni fa, il progetto sarebbe stato impossibile”.

Queste tecniche includono fasci di neutroni e microimaging a raggi X, che creano sezioni trasversali di oggetti fisici che possono quindi essere utilizzati per ricreare modelli 3D virtuali.

È stata fatta luce sulle scoperte fossili dei pesci moderni Come fanno i “pesci dinosauro”, una specie in via di estinzione, a stare sulla testa Quanti pesci lucertola preistorici? Sembrava una pinna di delfino.

Ma per coloro che potrebbero non considerare tali scoperte significative, il coautore dello studio Ahlberg ha un promemoria: che la vita è, al suo livello più elementare, un sistema in evoluzione.

“Il fatto che noi stessi e tutti gli altri organismi con cui condividiamo il pianeta ci siamo evoluti da una discendenza comune attraverso un processo di evoluzione non è un fatto casuale”, ha detto Ahlberg. “È la verità più profonda della nostra esistenza. Siamo tutti connessi, nel senso più letterale.”

READ  Instabilità all'inizio del sistema solare - implicazioni per il misterioso "Pianeta 9"