Gennaio 29, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati hanno scoperto un’enorme coppia di buchi neri supermassicci destinati a scontrarsi

Gli scienziati hanno scoperto una coppia di buchi neri supermassicci destinati a fondersi in un’unica massiccia singolarità. I risultati potrebbero aiutare gli astronomi a capire cosa accadrà quando la nostra galassia, la Via Lattea, si fonderà con la galassia di Andromeda tra 4,5 miliardi di anni.

Si ritiene che i buchi neri supermassicci si trovino nel cuore di ogni galassia principale, diventando più grandi mentre attraggono e divorano enormi quantità di polvere, gas e stelle dall’ambiente spaziale circostante. Quando le galassie vaganti si scontrano tra loro, anche le mostruose singolarità nei loro nuclei si avvicinano.

I buchi neri appena scoperti sono stati scoperti dagli scienziati osservando le conseguenze di una singola fusione galattica avvenuta a circa 480 milioni di anni luce dalla Terra nella costellazione del Cancro.

La coppia energetica è stata avvistata nutrendosi di una tempesta di materiale disturbata da un collasso cosmico e rappresenta i buchi neri più vicini che l’umanità abbia mai scoperto e che siano stati sigillati durante il processo di fusione.

Gli scienziati hanno utilizzato l’Atacama Large Millimeter Array/Partial Array (ALMA) per osservare l’ambiente spaziale luminoso e polveroso al centro della fusione al fine di identificare i buchi neri. Il caotico duo – noto collettivamente come UGC4211 – è stato preso di mira da una costellazione di sette potenti osservatori, incluso il telescopio spaziale Hubble in orbita.

I dati di queste osservazioni hanno rivelato che i buchi neri erano tra 125 e 200 milioni di volte la massa del nostro sole, secondo una dichiarazione della NASA. Fondazione Simmons in New York. Questi corpi celesti sono separati da una distanza di soli 750 anni luce e probabilmente si fonderanno entro poche centinaia di milioni di anni.

READ  Il telescopio spaziale James Webb scatta le prime foto, un selfie

Gli scienziati dietro l’articolo che dettaglia la scoperta – pubblicato in Lettere del diario astrofisico Usa i dati per stimare la quantità di buchi neri supermassicci che potrebbero fondersi in tutto l’universo. Il team ha stimato che probabilmente esisteva una popolazione sorprendentemente grande e che le forze estreme in gioco durante le fusioni avrebbero probabilmente creato un coro di sottofondo di potenti onde gravitazionali.

Le onde gravitazionali sono potenti increspature nello spazio-tempo che possono essere create dai movimenti di oggetti massicci come la fusione di buchi neri. Quando un’onda gravitazionale si sposta verso l’esterno dalla sua sorgente, comprime e allunga tutta la materia sul suo percorso, creando turbolenze che possono essere misurate sulla Terra con strumenti basati su laser all’avanguardia.

“Potrebbero esserci molte più coppie di buchi neri supermassicci che crescono nei centri delle galassie che non siamo stati in grado di identificare fino ad ora”, ha detto Ezequiel Traister, astronomo dell’Universidad Cattolica de Chile e coautore del nuovo studio. in una nuova dichiarazione. “Se questo è il caso, allora nel prossimo futuro osserveremo ripetuti eventi di onde gravitazionali causati dalla fusione di questi oggetti in tutto l’universo”.

Questa scoperta consentirà inoltre agli scienziati di comprendere meglio cosa accadrà alla Via Lattea in un lontano futuro. Tra miliardi di anni la nostra galassia si fonderà con la sua più grande vicina a spirale: la Galassia di Andromeda.

Il ricercatore senior di Eureka Scientific e autore principale del nuovo studio, Michael Koss, ha commentato nella dichiarazione rilasciata dal sito web del National Radio Astronomy Observatory.

READ  SpaceX lancia un razzo Falcon 9 con il satellite Eutelsat 10B - Spaceflight Now

“Quello che abbiamo appena studiato è una fonte che si trova nell’ultimo stadio della collisione, quindi ciò che stiamo vedendo fa presagire questa fusione e ci dà anche un’idea della relazione tra buchi neri che si fondono, crescono e alla fine producono onde gravitazionali”.

Resta su IGN per rimanere aggiornato sugli ultimi sviluppi nel mondo della scienza.

Anthony è un collaboratore freelance che si occupa di notizie su scienza e videogiochi per IGN. Ha più di otto anni di esperienza nel coprire gli ultimi sviluppi in molteplici campi scientifici e non c’è assolutamente tempo per ingannarti. Seguilo su Twitter @BeardConGamer

Credito immagine: ALMA (ESO/NAOJ/NRAO); M. Weiss, NRAO/AUI/NSF