Novembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati scoprono un enorme oceano sotto la superficie terrestre

Gli scienziati scoprono un enorme oceano sotto la superficie terrestre

L’idea di un mondo sottomarino ha suscitato molta fantascienza, ma un gruppo di ricercatori afferma che non è troppo lontano dalla verità scientifica. Hanno scoperto un’area all’interno della superficie terrestre che si ritiene contenga molte volte più acqua rispetto al resto degli oceani messi insieme. La scoperta è stata fatta dalla scoperta dei diamanti e potrebbe supportare una teoria che ha scosso la saggezza convenzionale su come l’acqua è apparsa sul pianeta. Continua a leggere per scoprire cosa hanno scoperto gli scienziati e quale impatto potrebbe avere.

lotta per le scorte

in Università Goethe A Francoforte, in Germania, i geologi stavano indagando su un diamante che è stato trovato a più di 2.100 piedi sottoterra in Botswana, in Africa. Analizzando il contenuto della pietra, hanno scoperto che contiene una grande quantità di acqua. L’enorme volume d’acqua nei diamanti è la prova a sostegno di una teoria – in precedenza solo una teoria – secondo cui un enorme oceano era sospeso tra gli strati superiore e inferiore della Terra, in profondità nella crosta del pianeta.

lotta per le scorte

La profondità alla quale sono stati trovati i diamanti – 660 metri, o circa 2.100 piedi – si trova nella parte più profonda della “zona di transizione”, lo strato limite che separa il mantello superiore della Terra dal mantello inferiore. I minerali nelle regioni inferiori della zona di transizione – più vicine al nucleo terrestre – sono più densi e hanno meno probabilità di muoversi come la tettonica a placche più vicina alla superficie terrestre. “Questi spostamenti di minerali ostacolano notevolmente i movimenti delle rocce nel mantello”, ha affermato il professor Frank Brinker dell’Istituto di scienze della terra della Goethe University di Francoforte. Ad esempio, i pennacchi del mantello – pennacchi in aumento di roccia calda dal mantello profondo – a volte si fermano proprio sotto la zona di transizione. Si ferma anche il movimento della massa nella direzione opposta”. A causa della densità e della natura stazionaria di quest’area, gli scienziati non erano sicuri di quanta acqua ci fosse.

READ  La NASA sostituisce Artemis che perde 1. Guarnizioni del carburante
lotta per le scorte

Hanno anche analizzato i diamanti. Utilizzando la spettroscopia avanzata, i ricercatori hanno scoperto che i diamanti contengono ringwoodite, un minerale con un alto contenuto di acqua. “Abbiamo dimostrato in questo studio che la zona di transizione non è una spugna secca, ma piuttosto che contiene grandi quantità di acqua”, ha detto Brinker. “Questo ci avvicina anche di un passo all’idea di Jules Verne di un oceano all’interno della Terra”.

lotta per le scorte

Gli scienziati avevano precedentemente ipotizzato che, poiché i minerali nelle profondità della crosta terrestre – wadsleyite e ringwoodite – possono immagazzinare grandi quantità di acqua, la zona di transizione contiene probabilmente sei volte più acqua di tutti gli oceani del pianeta. “Abbiamo appreso che lo strato limite ha un’enorme capacità di immagazzinare acqua”, afferma Brinker. “Tuttavia, non sapevamo se l’avesse fatto davvero”. Fino ad ora. Potrebbe essere la prova che le acque profonde all’interno della Terra fanno parte del sistema idrico generale del pianeta.

lotta per le scorte

Questa scoperta potrebbe unirsi ad altri nella revisione delle idee per la fonte dell’acqua terrestre. La teoria prevalente è che il giovane pianeta fosse troppo caldo per sviluppare l’acqua in modo naturale. Si ritiene che l’acqua si sia formata nel sistema solare e poi abbia raggiunto il pianeta da comete o asteroidi che si sono schiantati sulla superficie. Ma se l’acqua si trovasse in profondità nella zona di transizione del pianeta, questa teoria non reggerebbe.