Luglio 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli Stati Uniti acconsentono a trasferire in Ucraina i beni confiscati agli oligarchi interessati dalle sanzioni

Gli Stati Uniti acconsentono a trasferire in Ucraina i beni confiscati agli oligarchi interessati dalle sanzioni

Gli Stati Uniti hanno per la prima volta trasferito i beni confiscati agli oligarchi russi colpiti dalle sanzioni da inviare in Ucraina per ricostruire il paese dilaniato dalla guerra.

L’autorizzazione è arrivata mercoledì dal procuratore generale Merrick Garland, che ha affermato che ulteriori mosse di questo tipo sarebbero imminenti. “Anche se questo segna il primo trasferimento da parte degli Stati Uniti di fondi russi confiscati per ricostruire l’Ucraina, non sarà l’ultimo”, ha affermato in una nota.

La mossa arriva nel mezzo di un crescente dibattito tra gli alleati dell’Ucraina in Occidente e in tutto il mondo sulla misura in cui i beni russi sequestrati possono essere utilizzati per finanziare un massiccio sforzo di ricostruzione che dovrebbe andare a gonfie vele se il conflitto finirà.

La mossa di Garland deriva da un atto d’accusa dello scorso anno contro Konstantin Malofeev, l’investitore russo e fondatore di un impero mediatico pro-Putin, accusato di aver infranto le sanzioni imposte in risposta all’annessione della Crimea da parte di Mosca nel 2014.

Il procuratore ha affermato che milioni di dollari sono stati confiscati “da un conto presso un istituto finanziario statunitense che può essere ricondotto alle violazioni delle sanzioni di Malofeev”. A febbraio, a seguito di un incontro con il procuratore generale ucraino Andrei Kostin, Garland ha autorizzato il denaro da utilizzare “in Ucraina per riparare i danni della guerra ingiusta della Russia”.

Mercoledì ha affermato che il denaro era stato trasferito al Dipartimento di Stato americano e sarebbe stato utilizzato per questo scopo.

Dall’invasione totale dell’Ucraina da parte della Russia, i funzionari americani e occidentali hanno discusso su quanto poter utilizzare i beni russi sequestrati per aiutare l’Ucraina. L’anno scorso, il presidente Joe Biden ha promulgato una legge che ha facilitato questo processo a Washington.

READ  L'influencer canadese di Tik Tok muore in un incidente di paracadutismo

Non era chiaro esattamente come l’Ucraina avrebbe utilizzato i beni trasferiti in questo caso o quando sarebbero stati messi a disposizione di Kiev. Ma segna un momento importante nella risposta economica di Washington alla guerra, proprio mentre i ministri delle finanze del G7 si preparano a riunirsi in Giappone per un incontro in vista del vertice dei leader a Hiroshima alla fine di questo mese.