Settembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli Stati Uniti stanno inviando due navi da guerra attraverso lo Stretto di Taiwan, il primo transito dal viaggio di Pelosi

Le navi missilistiche guidate USS Antietam e USS Chancellorsville salperanno domenica “in conformità con il diritto internazionale della navigazione d’alto mare e del sorvolo”, ha affermato in una nota la 7a flotta statunitense in Giappone.

Ha detto che il traffico “sta continuando” e “finora non c’è stata alcuna interferenza da parte di forze militari straniere”.

“Queste navi (passano) attraverso un corridoio in uno stretto al di là del mare territoriale di qualsiasi stato costiero in cui i militari volano, viaggiano e operano ovunque consentito dal diritto internazionale”, ha affermato.

L’Eastern Theatre Command dell’esercito cinese ha affermato che stava monitorando le due navi, era in allerta ed era “pronto a contrastare qualsiasi provocazione”.

Lo stretto è uno specchio d’acqua di 180 chilometri che separa l’isola democraticamente autonoma di Taiwan dalla Cina continentale.

Sebbene il Partito Comunista al governo cinese non abbia mai controllato l’isola, Pechino rivendica la sovranità su Taiwan e considera lo stretto parte delle sue “acque interne”.

Tuttavia, la Marina degli Stati Uniti afferma che la maggior parte dello stretto si trova in acque internazionali.

La marina cita il diritto internazionale che definisce i confini marittimi come 12 miglia nautiche (22,2 chilometri) dalla costa di un paese e continua a inviare le sue navi da guerra attraverso lo stretto in quelle che chiama operazioni di libertà di navigazione, compresi i viaggi recenti. Cacciatorpediniere missilistico guidato USS Penfold e la USS Port Royal.

Quei trasferimenti hanno suscitato reazioni arrabbiate da Pechino.

“Le frequenti provocazioni e l’esposizione degli Stati Uniti dimostrano pienamente che gli Stati Uniti sono il distruttore della pace e della stabilità nello Stretto di Taiwan e il creatore di rischi per la sicurezza nello Stretto di Taiwan”, ha affermato il portavoce dell’Esercito popolare di liberazione, il colonnello Shi Yi. Ha detto l’Eastern Theatre Command dopo il trasporto di Penfold il 19 luglio.

READ  Il programma self-service di Apple ti consente di riparare da solo iPhone e Mac

Pechino ha intensificato le manovre militari nello stretto – e nei cieli sopra di esso – dopo la visita di Pelosi sull’isola all’inizio di questo mese.

Pochi minuti dopo lo sbarco di Pelosi a Taiwan il 2 agosto, il PLA ha annunciato quattro giorni di esercitazioni militari in sei zone dell’isola.

Le manovre includono il lancio di missili balistici nelle acque intorno a Taiwan, numerose navi da guerra cinesi che attraversano lo Stretto di Taiwan e dozzine di aerei da guerra dell’EPL che attraversano la linea di demarcazione, la corsia di mezzo tra Cina e Taiwan che Pechino non riconosce ma rispetta molto.

Da quando queste esercitazioni sono terminate ufficialmente, i caccia dell’EPL hanno regolarmente superato la media giornaliera con numeri a due cifre, secondo le statistiche del Ministero della Difesa di Taiwan. Dall’8 agosto, l’ultimo di quattro giorni di esercitazioni ha annunciato la notte in cui Pelosi è atterrato a Taiwan, fino al 22 agosto, una media di cinque e 21 voli PLA ha attraversato la linea ogni giorno.

A luglio, il mese prima del viaggio di Pelosi, i caccia cinesi hanno attraversato la mediana una volta con un numero imprecisato di jet, secondo il ministero della Difesa di Taiwan.

Inoltre, Taiwan riferisce che da cinque a 14 navi da guerra dell’EPL sono state avvistate nelle acque intorno a Taiwan.

Come parte di una stagione intensa per gli esercizi cinesi, gli esercizi del PLA continuano questa settimana.

L’Eastern Theatre Command cinese ha dichiarato venerdì di aver condotto “pattuglie di sicurezza congiunte per la preparazione al combattimento ed esercitazioni di addestramento al combattimento che coinvolgono truppe e armi di più servizi” intorno a Taiwan.

L’annuncio è arrivato dopo che la senatrice statunitense Marsha Blackburn, repubblicana del Tennessee, è stata nominata membro del Comitato per i servizi armati del Senato. È diventato l’ultimo membro del Congresso a visitare Taiwan Sfidando le pressioni di Pechino, ha detto: “Non sarò vittima di bullismo dalla Cina comunista e non volterò le spalle all’isola”.

Nei tweet di venerdì mattina, il senatore americano, che non rappresenta l’amministrazione Biden, ha ribadito il suo sostegno a Taiwan.

READ  Glenn Yongking assume la carica di governatore della Virginia sabato

“Non andrò mai al Partito Comunista Cinese”, ha detto in uno. “Continuerò a sostenere (Taiwanese) e il loro diritto alla libertà e alla democrazia. Xi Jinping non mi spaventa”, ha detto in seguito, riferendosi al leader cinese.

L’ambasciatore degli Stati Uniti in Cina Nicholas Burns ha detto alla Galileus Web la scorsa settimana La risposta di Pechino alla visita di Pelosi a Taiwan è stata “una reazione eccessiva”.

“Non crediamo che la visita del Presidente della Camera dei Rappresentanti a Taiwan – una visita pacifica – debba essere una crisi nelle relazioni USA-Cina… È una crisi creata dal governo a Pechino”. Burns ha detto in un’intervista con l’ambasciata degli Stati Uniti.

“Spetta al governo di Pechino convincere il resto del mondo che in futuro agirà pacificamente”, ha affermato l’ambasciatore.

“Penso che ci sia molta preoccupazione nel mondo per il fatto che la Cina sia ora diventata un agente di destabilizzazione nello Stretto di Taiwan, e questo non è nell’interesse di nessuno”, ha detto.

Altri funzionari statunitensi hanno affermato che Washington non cambierà il modo in cui le forze armate statunitensi operano nella regione.

“Continueremo a volare, viaggiare e operare dove il diritto internazionale lo consente, coerentemente con il nostro impegno di lunga data per la libertà di navigazione, compreso il transito aereo e marittimo attraverso lo Stretto di Taiwan nelle prossime settimane”, ha affermato Kurt Campbell, presidente degli Stati Uniti Joe Biden coordinatore per la regione indo-pacifica, ha detto ad agosto il 12 ai giornalisti alla Casa Bianca.

L’ambasciatore cinese a Washington, Qin Gang, ha affermato la scorsa settimana che le visite degli Stati Uniti aggraverebbero le tensioni.

READ  Il capo della spia britannica del GCHQ afferma che le truppe russe si sono rifiutate di eseguire gli ordini in Ucraina

“Chiedo ai miei colleghi americani di esercitare moderazione e di non fare nulla per aumentare le tensioni”, ha detto Qin ai giornalisti a Washington. “Qualsiasi mossa che danneggi l’integrità territoriale e la sovranità della Cina, la Cina si vendicherà”.