Luglio 16, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Guerra Israele-Hamas: il bombardamento israeliano di Gaza City costringe le strutture mediche a chiudere

Guerra Israele-Hamas: il bombardamento israeliano di Gaza City costringe le strutture mediche a chiudere

DEIR BALAH, Striscia di Gaza (AP) – Un attacco aereo israeliano contro una scuola trasformata in rifugio nel sud di Gaza ha ucciso almeno 25 palestinesi martedì, mentre pesanti bombardamenti nel nord hanno costretto le strutture mediche nella città di Gaza a chiudere e hanno costretto migliaia di persone a fuggire. ricerca di… cure mediche. Un rifugio sempre più sfuggente.

La nuova offensiva di terra di Israele sulla più grande città di Gaza rappresenta il suo ultimo sforzo per combattere i militanti di Hamas che si stanno raggruppando in aree che l’esercito aveva precedentemente dichiarato essere state in gran parte sgombrate.

Ampie parti della città di Gaza e delle aree urbane circostanti sono state distrutte o ridotte in rovina dopo nove mesi di combattimenti. Gran parte della popolazione era fuggita all’inizio della guerraMa centinaia di migliaia di palestinesi risiedono ancora nel nord.

“Le battaglie sono state violente”, ha detto Hakim Abdel-Barr, che è fuggito dal quartiere di Al-Tuffah a Gaza City verso la casa dei suoi parenti in un’altra parte della città. Ha aggiunto che gli aerei da guerra e i droni israeliani “hanno colpito tutto ciò che si muoveva” e che i carri armati si sono spostati nei quartieri centrali.

Un corrispondente dell’Associated Press che ha contato i corpi all’ospedale Nasser di Khan Yunis ha riferito che il raid che ha preso di mira l’ingresso della scuola ha provocato la morte di almeno 25 persone. Il portavoce dell’ospedale Wiam Fares ha detto che tra le vittime ci sono almeno sette donne e bambini e che il bilancio delle vittime è destinato ad aumentare.

Secondo i due ospedali che hanno ricevuto i corpi, precedenti attacchi aerei nel centro di Gaza hanno ucciso almeno 14 persone, tra cui una donna e quattro bambini. Israele ha ripetutamente bombardato quelli che ritiene siano obiettivi militanti in tutta Gaza da quando la guerra è iniziata, nove mesi fa.

L’esercito accusa Hamas di aver ucciso civili perché i militanti combattono in aree urbane densamente popolate, ma l’esercito raramente commenta gli attacchi individuali, che spesso uccidono donne e bambini. L’esercito israeliano ha detto che l’attacco aereo vicino alla scuola e le notizie sulle vittime civili erano in fase di revisione, e hanno affermato che l’attacco aveva come bersaglio un militante di Hamas che aveva partecipato all’attacco del 7 ottobre contro Israele.

READ  Putin rimane provocatorio nei confronti dell'Occidente negli eventi silenziosi del Giorno della Vittoria

Non ci sono notizie immediate di vittime a Gaza City. Nibal Farsakh, portavoce della Mezzaluna Rossa palestinese, ha detto che le famiglie i cui parenti sono rimasti feriti o intrappolati hanno chiamato le ambulanze, ma i paramedici non sono stati in grado di raggiungere la maggior parte delle aree colpite a causa delle operazioni israeliane.

“È una zona pericolosa”, ha detto.

Lunedì Israele ha chiesto l’evacuazione Le Nazioni Unite hanno affermato che i lavoratori di due ospedali – l’Ospedale Al-Ahli e l’Ospedale dell’Associazione degli Amici dei Pazienti – si sono precipitati a trasferire i pazienti dalle parti orientali e centrali di Gaza City e hanno chiuso i battenti. Farsakh ha detto che le tre strutture mediche gestite dalla Mezzaluna Rossa a Gaza City hanno chiuso i battenti.

Decine di pazienti sono stati trasferiti all’ospedale indonesiano nel nord di Gaza, che si trovava a sua volta Scena di combattimento feroce All’inizio della guerra, Muhammad Abu Nasser, che era in cura lì, disse: “Non sappiamo dove andare. Non esiste una cura e nessuna necessità per la vita. “Stiamo morendo lentamente.”

Martedì le forze militari israeliane hanno dichiarato di aver informato gli ospedali e le altre strutture mediche di Gaza City che non avevano bisogno di evacuare. Ma gli ospedali di Gaza spesso chiudevano i battenti e trasferivano i pazienti ad ogni segno di possibile azione militare israeliana, per paura di raid.

La Chiesa episcopale del Medio Oriente, che gestisce l’ospedale Al-Ahli, ha affermato che l’ospedale è stato “costretto a chiudere dall’esercito israeliano” dopo gli ordini di evacuazione e un’ondata di attacchi di droni nelle vicinanze domenica.

Negli ultimi nove mesi, le forze israeliane hanno occupato almeno otto ospedali, provocando la morte di pazienti e personale medico e la massiccia distruzione di strutture e attrezzature. Israele ha affermato che Hamas sta utilizzando gli ospedali per scopi militari, sebbene abbia fornito solo prove limitate.

READ  Hezbollah lancia razzi nel nord di Israele: aggiornamenti in tempo reale sulla guerra di Gaza

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, solo 13 dei 36 ospedali di Gaza sono operativi, e finora funzionano parzialmente.

Secondo il Ministero della Sanità della Striscia, la campagna israeliana a Gaza, innescata da un attacco di Hamas il 7 ottobre, ha ucciso o ferito più del 5% dei 2,3 milioni di palestinesi della popolazione di Gaza. Quasi tutti i residenti sono stati sfollati dalle proprie case. Molti di loro sono stati sfollati più volte. Anche centinaia di migliaia di residenti sono stati sfollati. Stipati in soffocanti tendopoli.

L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari ha affermato che l’esodo da Gaza City è stato “caotico e pericoloso”, con le persone a cui è stato ordinato di fuggire attraverso i quartieri dove erano in corso i combattimenti.

L’agenzia ha dichiarato in un comunicato: “È stato osservato che le persone fuggivano in più direzioni, senza sapere quale potesse essere la più sicura”. Ha aggiunto che la più grande panetteria delle Nazioni Unite in città è stata costretta a chiudere e che i combattimenti hanno impedito ai gruppi umanitari di raggiungere i magazzini.

Maha Mahfouz, madre di due bambini, ha detto di essere fuggita due volte nelle ultime 24 ore. All’inizio corse dalla sua casa a Gaza City alla casa di uno dei suoi parenti in un altro quartiere. Quando la situazione è diventata pericolosa, è fuggita lunedì sera sulla spiaggia, un campo profughi vecchio di decenni trasformato in un’area urbana dove Israele ha effettuato frequenti raid.

Ha descritto la massiccia distruzione inflitta alle aree prese di mira nei recenti raid, dicendo: “Gli edifici sono stati distrutti, le strade sono state distrutte e tutto è stato ridotto in macerie”.

L’esercito israeliano ha affermato di aver ottenuto informazioni secondo cui militanti di Hamas e del gruppo più piccolo della Jihad islamica si stavano raggruppando nel centro di Gaza City. Israele accusa Hamas e altri militanti di nascondersi tra i civili. Nel quartiere Shujaiya di Gaza City, teatro di settimane di combattimenti, l’esercito ha dichiarato di aver distrutto sei chilometri di tunnel di Hamas.

READ  L'ultima guerra Russia-Ucraina: cosa sappiamo il giorno 186 dell'invasione | Ucraina

Hamas ha avvertito che i recenti raid a Gaza City potrebbero portare al fallimento dei negoziati sul cessate il fuoco e al rilascio dei prigionieri.

Sembrava che Israele e Hamas Divari sempre più ristretti negli ultimi giorniMediato da Stati Uniti, Egitto e Qatar.

L’ufficio del presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi ha affermato che il direttore della CIA William Burns ha incontrato martedì al Cairo il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi per discutere i negoziati. Mercoledì sono previsti ulteriori colloqui in Qatar, dove Hamas mantiene una carica politica.

Ma gli ostacoli rimangono, anche dopo che Hamas ha accettato di rinunciare alla sua principale richiesta che Israele si impegni a porre fine alla guerra come parte di qualsiasi accordo. Hamas vuole ancora che i mediatori garantiscano che i negoziati si concludano con un cessate il fuoco permanente.

Israele ha rifiutato qualsiasi accordo che lo costringesse a porre fine alla guerra con Hamas senza alcun cambiamento. Lunedì Hamas ha accusato il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu di “mettere ulteriori ostacoli sulla via dei negoziati”, comprese le operazioni a Gaza City.

Secondo le autorità israeliane, un raid transfrontaliero di Hamas il 7 ottobre ha ucciso 1.200 persone nel sud di Israele, la maggior parte dei quali civili. Gli uomini armati hanno preso in ostaggio anche circa 250 persone. Circa 120 persone rimangono prigioniere e si dice che circa un terzo di loro sia morto.

Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, che nelle sue statistiche non fa distinzione tra combattenti e civili, i bombardamenti e gli attacchi israeliani su Gaza hanno ucciso più di 38.200 persone e ne hanno ferite più di 88.000.

___

Magdy ci ha riferito dal Cairo.

___

Scopri di più sulla copertura di AP su https://apnews.com/hub/Israel-Hamas-War