Luglio 23, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hezbollah lancia razzi nel nord di Israele: aggiornamenti in tempo reale sulla guerra di Gaza

Hezbollah lancia razzi nel nord di Israele: aggiornamenti in tempo reale sulla guerra di Gaza

Giovedì Hezbollah ha risposto agli attacchi aerei israeliani in Libano con il secondo giorno consecutivo di attacchi missilistici e droni contro Israele, in un conflitto sempre più intenso che ha sollevato timori di una guerra totale.

Non è chiaro quante armi Hezbollah abbia sparato giovedì, ma la TV Al-Manar del partito ha riferito che a un certo punto più di 100 armi sono state lanciate in un attacco simultaneo e coordinato contro diverse installazioni militari israeliane. Hezbollah ha affermato che tra questi figurano una serie di droni che hanno preso di mira il quartier generale militare nel nord di Israele.

L’esercito israeliano ha detto nel pomeriggio che Hezbollah aveva lanciato più di 40 razzi oltre il confine, ma il lancio di razzi è continuato fino a sera. Ore dopo, l’esercito non ha aggiornato questa cifra, ma un portavoce militare lo ha descritto come l’attacco più grave dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas in ottobre. Non ha fornito immediatamente i dettagli.

Almeno quattro persone sono rimaste ferite nell’attacco di giovedì, secondo l’esercito israeliano e il suo servizio di emergenza, Magen David Adom. L’esercito ha detto nel pomeriggio che le sue difese aeree avevano abbattuto molte delle armi sparate fino a quel momento, ma alcune erano riuscite a penetrare. Attacchi e contrattacchi hanno provocato incendi boschivi su entrambi i lati del confine.

Giovedì sera, Testate giornalistiche arabe Secondo quanto riferito, un attacco israeliano ha distrutto una casa, causato diverse vittime e appiccato un incendio nella città di Janata, in Libano, a poche miglia dalla città costiera di Tiro.

Martedì, un attacco israeliano ha preso di mira e ucciso Talib Abdullah, un alto comandante di Hezbollah, un potente gruppo militante e fazione politica sostenuto dall’Iran. Il gruppo ha promesso di intensificare i suoi attacchi contro Israele in risposta.

Oggi, giovedì, le difese aeree israeliane hanno intercettato un missile lanciato dal Libano vicino al confine.credito…Gil Eliyahu/Reuters

Mercoledì Hezbollah ha lanciato più di 200 missili contro Israele, secondo l’esercito israeliano, ma hanno causato solo lievi danni.

READ  Ci sono buchi sul fondo dell'oceano. Gli scienziati non sanno perché.

Giovedì l’esercito israeliano ha dichiarato che i suoi aerei da combattimento hanno bombardato durante la notte “strutture militari di Hezbollah” nei villaggi di confine libanesi.

In seguito all’attacco guidato da Hamas contro Israele il 7 ottobre e alla campagna di ritorsione di Israele nella Striscia di Gaza, Hezbollah ha intensificato i suoi attacchi contro Israele, che ha risposto con bombardamenti di artiglieria e attacchi aerei sul Libano, portando il conflitto già in ebollizione.

Gli attacchi quasi quotidiani hanno costretto più di 150.000 israeliani e libanesi che vivono vicino al confine ad abbandonare le proprie case.

I funzionari israeliani hanno minacciato di intraprendere azioni più forti contro Hezbollah, e la pressione in tal senso è aumentata, da parte della destra politica e dei civili sfollati. Ma finora le due parti non sono arrivate al punto di una guerra totale.

Israele ha ucciso il signor Abdullah in un raid martedì notte a Joya, nel sud del Libano, affermando che aveva “pianificato, eseguito e portato a termine un gran numero di attacchi terroristici contro civili israeliani”.

Gli Stati Uniti, la Francia e altri mediatori, avvertendo del rischio di una guerra regionale, hanno cercato di portare avanti un accordo diplomatico tra Israele e Hezbollah che potesse riportare la calma su entrambi i lati del confine. Ma gli analisti dicono che la probabilità di raggiungere un accordo sarà bassa finché continuerà la campagna israeliana a Gaza, durata otto mesi.

Israele ha invaso il Libano nel 1978, 1982 e 2006, ogni volta per espellere gruppi armati che lanciavano attacchi contro Israele.

Jonathan Rees Contributo ai rapporti.