Febbraio 3, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I cinesi d’oltremare: preoccupazione, cautela e protesta

I cinesi d'oltremare: preoccupazione, cautela e protesta

Huanjie Li, 26 anni, non potrebbe essere più preoccupata per la sua famiglia. E non si è mai preoccupata di condividere quella paura con loro.

La signora Li, che è cresciuta nel nord-est della Cina e si è trasferita nel Queens più di sei anni fa, non ha parlato con i suoi parenti all’estero da quando sono iniziate le manifestazioni di massa.

“Non voglio che vengano erroneamente contrassegnati come stranieri che cercano di parlare della sicurezza nazionale della Cina”, ha detto la signora Li.

come tale Le maggiori proteste Da quando le rivolte di piazza Tiananmen del 1989 sono scoppiate in tutta la Cina, i cinesi a New York e la diaspora in generale hanno guardato e atteso.

La preoccupazione è la più importante. Temono che con il ritorno dei blocchi le loro famiglie non avranno più abbastanza da mangiare. Aspettano che gli amici appaiano online dopo aver assistito alle dimostrazioni. Stanno cercando di comunicare ed eludere gli algoritmi di censura dei social media cinesi.

Ma non possono condividere apertamente le loro preoccupazioni con le persone che amano in Cina, né parlare delle proteste. Sebbene Internet sia censurato nel paese Lottando per contenere L’aumento del malcontento su Internet, come si suol dire, è rischioso.

La signora Lee ha detto: “Diciamo solo: ‘Stai attento’ o ‘Hai abbastanza da mangiare? Lo ripetiamo ancora e ancora. Non so se capiscono quello che sto cercando di dire”.

All’inizio della pandemia, ha cercato di condividere informazioni con la sua famiglia sui blocchi. Hanno rapidamente sciolto una chat di gruppo. Pensi che avessero paura. Adesso non comunicano più molto.

“Potrebbe causare problemi di sicurezza se la chat è trapelata o controllata dalla sicurezza nazionale”, ha affermato. “Nessuno ci disturba necessariamente. Ma questa paura è radicata nella nostra vita quotidiana”.

Le proteste sono iniziate in Cina dopo il mortale Incendio di un edificio residenziale Nell’estremo ovest di Urumqi, capitale della regione dello Xinjiang, la tragedia di molti è legata ai lockdown per il Covid. I manifestanti chiedono al governo di allentare la sua implacabile politica “zero Covid”. Alcuni hanno compiuto un passo più audace, sfidando più direttamente il governo autoritario e chiedendo a Xi Jinping, il leader supremo, di dimettersi.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: Annuncio del tasso della Federal Reserve

Negli ultimi giorni in tutta New York City, i residenti con legami con la Cina hanno affermato che la censura ha esacerbato le complessità uniche del parlare attraverso le generazioni. Alcuni hanno detto che i loro genitori erano in piazza Tiananmen, ma ora non conoscono la loro politica.

“Stiamo parlando di un regime totalitario”, ha detto Vincent Gao, Ph.D. Studente di italiano alla Yale University, nato in Cina. “Non sai davvero cosa pensano i tuoi genitori su un problema particolare. Non sai se hanno effettivamente comprato la propaganda del sistema. “

Ha detto che la discussione non sarebbe valsa la pena – vivono troppo lontano. E comunque non sarebbe sicuro avere una conversazione aperta. Invece, fa domande semplici: stai bene? C’è cibo in casa? Come stai?

“Non chiederò ai miei genitori: cosa ne pensate di ‘Zero Covid’? Cosa ne pensate del blocco? Cosa ne pensate di Xi Jinping?”, ha detto il signor Zhao. Li esporrai a rischi inutili. Cosa diranno?”

Invece, i sostenitori dei manifestanti in Cina stanno prendendo parte a manifestazioni di solidarietà. A New York, una notte della scorsa settimana, una folla di circa 1.000 persone si è radunata davanti al consolato cinese. A volte, la folla ha invitato il signor Xi a dimettersi.

“È un flusso costante di rabbia”, ha detto il signor Gao, che ha assistito alla manifestazione. “È la disperazione per ciò che accadrà al mio paese, alle persone che amo, al paese che amo”.

Si sono riuniti anche i manifestanti Altri Consolati e Ambasciate cinesi nel mondo, da Londra a Toronto, da Los Angeles a Hong Kong. tieni molto Pezzi di carta bianchicome i manifestanti in Cina, simboleggiano la censura.

READ  Arshad Sharif: eminente giornalista pakistano ucciso in Kenya

Per gli uiguri della diaspora, protestare contro il governo cinese non è una novità. Dal 2017, la Cina tiene Centinaia di migliaia di persone Nei campi di concentramento che prendono di mira le minoranze musulmane. Attivisti uiguri al di fuori della Cina si sono espressi contro le detenzioni, che secondo le Nazioni Unite potrebbero equivalere crimini contro l’umanità. Di recente, gli uiguri hanno cercato di attirare l’attenzione sul lungo confinamento delle persone nella regione dello Xinjiang: gran parte della regione era stata bloccata per più di 100 giorni prima che scoppiasse l’incendio a Urumqi.

Anker Uygur, 24 anni, è nato a Urumqi e vi ha vissuto fino all’età di sette anni. È fuggito negli Stati Uniti nel 2006 con la sua famiglia, ma il resto della sua famiglia rimane nello Xinjiang.

Ha detto che la sua famiglia è stata minacciata. Strani uomini hanno chiamato sua madre in video chat dalla casa dei nonni. Ha detto che presumibilmente ha una famiglia nei campi, ma la comunicazione è così difficile che non lo sa per certo.

Ma il signor Uygur ha detto di essere anche stupito dalla reazione del popolo cinese intorno a lui. Ha detto che i blocchi hanno creato una solitudine senza precedenti. Per la prima volta piangono la morte di persone nello Xinjiang accanto a lui.

“Anche i cittadini cinesi stanno iniziando a parlare ad alta voce”, ha detto. “Questo è ciò che è diverso questa volta. Non sono solo a protestare. Non siamo solo io e la mia gente, è tutto il popolo cinese”.

Dall’inizio delle proteste, pochi espatriati hanno dormito profondamente. Molti hanno descritto sogni instabili. Alcuni erano specifici: timori che le proteste fossero una trappola tesa dal Partito Comunista Cinese.

Uno studente laureato in architettura, cresciuto nella provincia di Guandong, non è tornato in Cina da tre anni. (Ha chiesto di essere conosciuta solo con il suo cognome: Liu. Aveva paura che la sua famiglia potesse farlo Affronta la vendetta se la campagna si intensifica.)

READ  Jacinda Ardern e Sanna Marin si chiedevano se si fossero incontrate a causa della loro età

“Ci sono stati 10 giorni di quarantena obbligatoria e io ho avuto solo 20 giorni di riposo”, ha detto la signora Liu, 26 anni, con le lacrime agli occhi. Tornava una volta all’anno in inverno. Ha detto, ma non poteva impiegare molto tempo.

Anche il senso di colpa dilaga. Molti cinesi negli Stati Uniti hanno ricevuto vaccinazioni occidentali, vale a dire Più efficace dei colpi fatti in casa. Non devono sottoporsi a strazianti test Covid quotidiani o peggio ancora passare mesi al chiuso.

“È come il senso di colpa del sopravvissuto”, ha detto Tiger, un artista di Shanghai che ha chiesto che il suo cognome non fosse pubblicato.

Tiger, 38 anni, ha detto: “Le persone che conosco a Shanghai, devono passare attraverso i blocchi. Non lo so. Mi sento come se stessi scappando da tutto questo. Ma è vero? Non sono abbastanza coraggioso?”

Quando Shanghai è stata bloccata ad aprile, i suoi genitori lo stavano visitando a New York. Invece di sopportare schiaccianti mesi di reclusione con altri 25 milioni di abitanti di Shanghai, hanno trascorso la primavera insieme, sollevati di potersi muovere liberamente.

Qualche settimana fa, quando il numero di casi è aumentato vertiginosamente e la Cina ha ricominciato a implementare i blocchi, ha avuto la nausea. I suoi genitori tornarono a Shanghai. Hanno sessant’anni. avere la pressione alta; Hanno bisogno di farmaci quotidiani.

Poi, mentre guardava le proteste riempire il quartiere in cui era cresciuto, si è svegliato di nuovo irrequieto. È eccitante, ma chi si prenderà cura dei suoi genitori se succede qualcosa?

“Non sai cosa succederà domani, soprattutto dopo tutte le proteste”, ha detto. “Potresti avere un blocco domani. Potresti avere qualcosa di peggio di un blocco. Semplicemente non lo sappiamo. “