Febbraio 1, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I cinesi sono arrabbiati con la Corea del Sud e il Giappone

Rilasciare le restrizioni di viaggio Dopo la riapertura dei confini cinesi Forse Influisce su dove le persone prenotano i loro voli.

Diversi viaggiatori cinesi che hanno parlato con CNBC hanno affermato che ciò non era per dispetto.

Dissero che era perché alcuni paesi non permettevano loro di entrare facilmente.

“Penso che non sia giusto.”

Ma i test Covid non sono il problema, ha affermato Xun Ren, amministratore delegato del China Market Research Group. Parlando a “Squawk Box Asia” lunedì. “Queste politiche sono dirette solo verso la Cina continentale”, ha affermato.

Il sudafricano Mansour Mohamed, che vive in Cina, è d’accordo. “È relativamente facile ed economico sottoporsi al test per Covid in Cina, quindi non influirà sulla mia pianificazione del viaggio”, ha affermato.

Tuttavia, so che molti colleghi e amici cinesi patriottici eviteranno quei paesi per il momento perché la pratica di testare i passeggeri che arrivano dalla Cina è discriminatoria”.

Certo, la Cina richiede I viaggiatori devono risultare negativi prima dell’ingresso Cina, e ha per tre anni.

La differenza, ha detto Mohammed, è che “tutti gli accessi [to China]compresi i cittadini cinesi… [is] sono soggetti alle stesse regole”.

Dove stanno andando i cinesi?

Gao Dan ha detto alla CNBC che intende viaggiare fuori dalla provincia del Qinghai per la prima volta in più di due anni. Ma ha detto che risiede in Cina, aggiungendo che “non ha considerato le politiche di viaggio di altri paesi”, secondo una traduzione della CNBC.

Altri prenotano voli all’estero, ma alcuni non verso le loro destinazioni preferite, vale a dire il Giappone e la Corea del Sud.

Una viaggiatrice, Bonnie, ha detto alla CNBC che i suoi amici in Cina vanno in Thailandia invece che in Corea del Sud, anche se prima “non avevano considerato la Thailandia”.

Toole e Bruno Morandi | Banca di foto | Immagini Getty

“Quando la Cina ha detto che avrebbe aperto i confini a gennaio, tutti i miei amici hanno detto che sarebbero andati in Giappone e Corea”, ha detto Bonnie.

Ha detto che non erano in grado di ottenere i visti. Quindi ora stanno andando in Thailandia.

Ren ha detto che i viaggiatori cinesi ora si rivolgono a Singapore e alla Thailandia perché “entrambi i paesi ci danno il benvenuto”.

Delle principali destinazioni ricercate dai cittadini cinesi dopo l’annuncio della riapertura delle frontiere, queste sono le uniche due che non hanno imposto nuove restrizioni ai viaggiatori cinesi in arrivo.

I dati mostrano che l’interesse di ricerca per i voli in partenza dalla Cina è aumentato dell’83% negli 11 giorni successivi all’annuncio, rispetto ai 14 giorni precedenti, secondo i dati di Trip.com Group.

Durante questo periodo, l’interesse di ricerca in Tailandia e Singapore è cresciuto rispettivamente del 176% e del 93%, secondo la società.

Più arrabbiato con alcuni che con altri

La società di ricerche di mercato afferma che le restrizioni sono per i viaggiatori cinesi

I funzionari cinesi hanno definito le regole della Corea del Sud e di altri “eccessive” e “discriminatorio. “

Ma la Corea del Sud confuta le accuse di discriminazione. Seung-ho Choi, vicedirettore dell’Agenzia coreana per il controllo e la prevenzione delle malattie, ha osservato alla CNBC che le regole del paese si applicano ai “cittadini coreani e ai cittadini non coreani provenienti dalla Cina. … Non vi è alcuna discriminazione sulla nazionalità in questa misura. “

“La situazione COVID in Cina si sta ancora deteriorando”, ha affermato. Ha detto che il numero di persone che viaggiano dalla Cina alla Corea risultate positive al Covid-19 è aumentato di 14 volte da novembre a dicembre.

L’ufficio del primo ministro giapponese non ha risposto alla richiesta di commento della CNBC. Un rappresentante dell’ambasciata del Giappone a Singapore ha dichiarato alla CNBC che il Giappone elabora normalmente le domande di visto di viaggio cinesi.

“Al fine di evitare un forte aumento del flusso di nuovi casi nel Paese, stiamo concentrando i nostri sforzi sui controlli all’ingresso e in aeroporto”, ha detto ai giornalisti il ​​27 dicembre il primo ministro giapponese Fumio Kishida, citando la discrepanza nelle informazioni sull’infezione dalla Cina. Secondo un articolo da lui pubblicato Nikky Asia.

Sia il Giappone che la Corea del Sud hanno assunto posizioni conservatrici nei confronti della pandemia di Covid.

Il Giappone, in particolare, ce l’ha È stata lenta a tornare alla vita pre-pandemia, con l’ampiezza della popolazione Un po’ emozionato quando i suoi confini riapriranno completamente nell’ottobre 2022.

‘una questione politica’

Ryan ha detto a “Squawk Box Asia” che le regole non riguardano solo il turismo.

“Questo è un problema politico”, ha detto, aggiungendo che si aspettava che le azioni giapponesi ne risentissero e ha menzionato due nomi cosmetici.

Leggi di più sulla riapertura della Cina

READ  L'Europa trattiene il fiato mentre l'Italia dovrebbe votare sulla leader di estrema destra Giorgia Meloni