Settembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I combattimenti scoppiano lungo il confine della regione del Tigray settentrionale dell’Etiopia

I combattimenti scoppiano lungo il confine della regione del Tigray settentrionale dell'Etiopia

NAIROBI (Reuters) – I combattimenti tra le forze della regione ribelle dell’Etiopia settentrionale del Tigray e le forze del governo centrale sono scoppiati intorno alla città di Kobo, ponendo fine a un cessate il fuoco durato mesi, hanno affermato mercoledì i residenti e due parti.

I combattimenti sono un duro colpo per le speranze per i colloqui di pace tra il governo del primo ministro Abiy Ahmed e il Tigray People’s Liberation Front, il partito che controlla il Tigray.

Entrambe le parti si sono incolpate a vicenda per lo scoppio dei combattimenti.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Alle 5 del mattino di oggi, il TPLF ha attaccato il fronte orientale dalla direzione di Bisober, Zobel e Tekulci. Portando avanti questa azione, ha di fatto violato il cessate il fuoco”, si legge in un comunicato del servizio statale per le comunicazioni.

Il giorno prima, quando le accuse di movimento delle truppe sono state accese dai social media, l’esercito ha rilasciato una dichiarazione accusando la parte tigriana di prepararsi ad attaccare e coprendo le proprie tracce diffondendo notizie false sui movimenti militari.

“È diventato un segreto che loro (il TPLF) stanno conducendo una campagna per criminalizzare il nostro esercito”, afferma la dichiarazione, accusando il TPLF di fomentare la “propaganda pre-conflitto”.

A sua volta, la leadership militare delle forze del Tigray ha accusato il governo di aver violato il cessate il fuoco, affermando in una dichiarazione di ritenere che l’attacco vicino a Kobo, a sud del Tigray, fosse un diversivo e le sue forze si aspettavano un grande attacco da ovest.

La dichiarazione di Tigrayan ha identificato le unità che secondo lui erano state inviate in prima linea e ha affermato che il governo aveva riposizionato le sue forze negli ultimi cinque giorni.

READ  L'operatore sanitario canadese annega in Facebook Live

Tre residenti hanno riferito di aver sentito armi pesanti sin dalle prime ore del mattino. Hanno anche detto che ci sono stati movimenti di soldati etiopi, forze speciali di Amhara e volontari della milizia di Fano negli ultimi due giorni.

Hanno detto che non sapevano chi avesse iniziato la lotta. La Reuters non è stata immediatamente in grado di ottenere informazioni sui movimenti delle forze del Tigray. Le comunicazioni telefoniche all’interno del Tigray sono interrotte da più di un anno.

Radwan Hussein, consigliere per la sicurezza nazionale del primo ministro, ha affermato che l’esercito etiope ha abbattuto un aereo che trasportava armi nel Tigray che era entrato nello spazio aereo etiope dal vicino Sudan. Non ha detto dove è stato abbattuto l’aereo.

Getachew Reda, un portavoce del TPLF, ha affermato che la dichiarazione era una “palese bugia” in un tweet. Non è stato possibile raggiungere un portavoce militare sudanese per un commento.

I combattimenti nel secondo paese più popoloso dell’Africa hanno causato lo sfollamento di milioni di persone, fatto morire di fame parti del Tigray e ucciso migliaia di civili.

lunga guerra

La guerra è scoppiata nel Tigray nel novembre 2020 e un anno fa si è estesa alle vicine regioni di Afar e Amhara. Lo scorso novembre, le forze del Tigrayan sono corse verso Addis Abeba, ma quel mese sono state respinte da un’offensiva del governo.

A marzo è stato annunciato un cessate il fuoco dopo che le due parti hanno combattuto una sanguinosa situazione di stallo e il governo ha dichiarato una tregua umanitaria, consentendo agli aiuti alimentari tanto necessari di entrare nella regione.

READ  Putin sfida l'Occidente a combattere la Russia sul campo di battaglia: che ci provino

A giugno, il governo di Abiy ha istituito un comitato negoziale con il Tigray Liberation Front e all’inizio di questo mese il governo ha dichiarato di volere colloqui “senza precondizioni”. Il governo del Tigray ha chiesto il ripristino dei servizi ai civili prima dell’inizio dei colloqui. Leggi di più

Il Tigray è rimasto senza banche e comunicazioni da quando l’esercito si è ritirato alla fine di giugno. Le importazioni di carburante sono limitate, limitando la distribuzione degli aiuti.

Il Programma alimentare mondiale ha affermato in un rapporto la scorsa settimana che dal 1 aprile solo il 20% del carburante necessario per distribuire forniture umanitarie è entrato nel Tigray. Leggi di più

Quasi il 90% della popolazione della regione ha bisogno di aiuti, hanno affermato le Nazioni Unite, avvertendo che i tassi di malnutrizione “sono aumentati drasticamente” e che la situazione dovrebbe peggiorare fino alla stagione di ottobre.

Mercoledì il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha chiesto un cessate il fuoco, colloqui di pace, pieno accesso agli aiuti umanitari e il ripristino dei servizi pubblici nel Tigray.

Il Dipartimento di Stato americano si è detto preoccupato per le notizie di rinnovate ostilità e ha invitato il governo etiope e il Fronte di liberazione popolare del Tigray a raddoppiare gli sforzi per far avanzare i colloqui per ottenere un cessate il fuoco permanente.

“Un ritorno al conflitto attivo porterà a sofferenze diffuse, maggiori violazioni dei diritti umani, creerà maggiori difficoltà economiche e andrà a beneficio di coloro che cercano di minare la pace e la sicurezza in Etiopia”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del vice ministero degli Esteri Vidant Patel durante un briefing telefonico. .

Reportage dalla redazione di Nairobi; Ulteriore segnalazione di Daphne Psalidakis a Washington. Montaggio di Nick McPhee, Frank Jack Daniel e Leslie Adler

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.