Gennaio 28, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I dati economici cinesi suggeriscono un costo strategico zero-Covid

I dati economici cinesi suggeriscono un costo strategico zero-Covid

PECHINO – Di fronte alla peggiore epidemia di Covid-19 fino ad oggi, la Cina ha imposto un numero crescente di quarantene di massa, severi blocchi e controlli alle frontiere. Le misure potrebbero funzionare finora, ma i dati ufficiali rilasciati lunedì mostrano che stanno infliggendo pesanti perdite alla seconda economia più grande del mondo.

L’economia cinese è cresciuta del 4,8 per cento nei primi tre mesi di quest’anno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Quel ritmo è stato appena più veloce degli ultimi tre mesi dello scorso anno e ha anche mascherato un problema incombente.

Gran parte di questa crescita è stata registrata a gennaio e febbraio. Nell’ultimo mese l’attività economica è rallentata con la chiusura di Shenzhen, il polo tecnologico del sud, poi di Shanghai, la città più grande del Paese, e di altri importanti centri industriali. Le chiusure hanno lasciato le linee di montaggio sospese, i lavoratori a terra, i camionisti intrappolati e i porti affollati. Hanno confinato centinaia di milioni di consumatori a casa.

Il National Bureau of Statistics ha dichiarato lunedì che le vendite al dettaglio, un segno cruciale del fatto che i consumatori stiano spendendo, sono diminuite del 3,5% a marzo rispetto a un anno fa. La produzione industriale è cresciuta del 5 per cento, un tasso inferiore a quello registrato nei primi due mesi. Le importazioni, in aumento nei primi due mesi dell’anno, sono leggermente diminuite il mese scorso, in parte a causa di difficoltà di trasporto.

Il rallentamento iniziato a marzo dovrebbe peggiorare questo mese, con restrizioni imposte a più regioni. Questa è una cattiva notizia per i leader cinesi, che hanno fissato un obiettivo di “circa 5,5 per cento” crescita per quest’anno

Il premier Li Keqiang una settimana fa ha chiesto un “senso di urgenza” dicendo ai funzionari locali di limitare gli effetti del blocco Covid sull’economia. La banca centrale cinese agire venerdì Per aiutare le banche commerciali a prestare di più per stimolare la crescita economica.

Per il mondo, il blocco del Covid in Cina potrebbe alimentare l’inflazione interrompendo ulteriormente le catene di approvvigionamento da cui dipendono molti produttori, aumentando i costi di produzione e trasporto delle merci. Una Cina stagnante importerà anche meno di altri paesi, indipendentemente dal fatto che lo sia Risorse naturali Come petrolio e minerale di ferro o beni di consumo come ciliegie o borse firmate.

READ  Musk dice che non può ottenere un processo equo in California e vuole il Texas

“Parlando dell’impatto delle prospettive epidemiologiche su Shanghai e Shenzhen, non possiamo dimenticare che sono entrambe parti importanti dell’intera catena di approvvigionamento e avranno sicuramente un impatto sull’intero cerchio dell’intera economia cinese”, Yao Jingyuan, l’ex capo economista del National Bureau of Statistics che ora è un consigliere di gabinetto, ha dichiarato: “In una conferenza stampa lo scorso mercoledì.

Dirigenti dell’industria automobilistica e del settore tecnologico, due dei maggiori datori di lavoro cinesi, hanno iniziato negli ultimi giorni ad avvertire di un’interruzione paralizzante delle loro operazioni a livello nazionale se Shanghai, in particolare, non può riaprire presto. La città produce molti componenti high-tech che sono essenziali per molte catene di approvvigionamento.

“Shanghai è un hub per le compagnie automobilistiche internazionali: se il centro fallisce, l’intero sistema non funzionerà”, ha affermato Cui Dongshu, segretario generale della China Passenger Car Association, in un’intervista telefonica.

Entro l’11 aprile, 87 delle 100 città più grandi della Cina avevano imposto una qualche forma di restrizioni ai movimenti, secondo Gavekal Dragonomics, una società di ricerca economica indipendente che tiene traccia dei blocchi. Questi andavano dalla limitazione di chi può entrare o uscire dalla città al blocco completo come a Shanghai, dove alla maggior parte dei residenti non era permesso lasciare le proprie case nemmeno per acquistare cibo.

Yang Degang, il manager di una fabbrica che produce macchine per lo stampaggio della plastica a Zhangjiagang, a 70 miglia da Shanghai, è stato costretto a interrompere le attività dopo che la sua città ha imposto un blocco mercoledì.

Già prima del lockdown, le autorità avevano imposto restrizioni che impedivano la circolazione dei camion. Ciò significa che il signor Yang non è stato in grado di ottenere i componenti in tempo per costruire le sue macchine e non è stato in grado di consegnare l’attrezzatura finita a molte fabbriche e porti in situazioni di arresto.

Il signor Yang ha detto che non sapeva quando avrebbe potuto riaprire. “Zhangjiagang è sotto una pressione tremenda”, ha detto. “Mi preoccupo per le perdite, ma non c’è altro modo”.

Ma poiché sempre più città impongono blocchi – Taiyuan, il centro dell’industria carboniera cinese, si è unita all’elenco giovedì scorso – la rigidità del blocco municipale si è leggermente allentata ultimamente. Dalla fine di marzo a mercoledì scorso, il numero di grandi città che sono state gravemente chiuse è sceso a sei da 14, secondo Javekal. La quota della produzione economica cinese rappresentata da queste città si è ridotta all’8% dal 14%.

READ  Futures Dow: il rapporto sull'inflazione incombe in vista del rally del mercato; Elon Musk vende più azioni Tesla

Pechino ha ordinato ai governi locali di aiutare i camion a raggiungere le loro destinazioni e di adottare altre misure per proteggere l’economia dai danni durante il blocco. Nio, un produttore di auto elettriche di Hefei, nella Cina centrale, ha interrotto l’assemblaggio dei veicoli il 9 aprile. Hefei non è stata chiusa, ma i fornitori di componenti critici sono stati a Shanghai, Jilin e in altri luoghi. Ma giovedì scorso, l’azienda aveva acquisito abbastanza ricambi per auto per riprendere la produzione limitata.

Anche molti lavoratori stanno lottando. I conducenti di camion, ad esempio, affrontano il rischio costante di quarantene di settimane che spesso non vengono pagate anche se i pagamenti degli interessi sui loro camion continuano a maturare.

Yu Yao, un camionista che consegna frutta e verdura dalla provincia di Shandong a Shanghai, è uno dei tanti camionisti cinesi bloccati dalle sempre più severe misure di controllo dell’epidemia. È rimasto intrappolato a Shanghai per oltre tre settimane.

Il signor Yu è venuto a Shanghai il 16 marzo per consegnare le verdure al mercato. Era ancora in città tre giorni dopo quando le autorità lo hanno identificato come in stretto contatto con una persona infetta al mercato. La polizia ha ordinato di metterlo immediatamente in quarantena. Così ha parcheggiato il suo camion vicino a un’autostrada e ha iniziato ad aspettare.

READ  La chiusura della Canadian Pacific Railway minaccia la nuova catena di approvvigionamento

Ha aspettato da allora. Nessuno lo ha portato in quarantena. Gli manca il permesso di viaggio ora necessario per guidare un camion a Shanghai durante il lockdown. Lui e altri quattro conducenti senza permesso hanno dormito per terra condividendo il pane per tre settimane.

“Non possiamo uscire dall’autostrada, ogni uscita è sorvegliata. Vogliamo solo andare a casa”, ha detto il signor Yu. “Non ho potuto avere abbastanza cibo quel giorno e il mio corpo non poteva più mangiarlo”.

Un’area dell’economia cinese ha continuato a crescere nei primi tre mesi di quest’anno: le esportazioni. Le fabbriche cinesi hanno conquistato una quota molto più ampia dei mercati globali durante la pandemia, incluso un aumento del 14,7% delle esportazioni a marzo rispetto allo scorso anno. Molte multinazionali continuano a fare affidamento su grandi reti di fornitori di componenti in Cina.

Ma poiché la Cina continua a interrompere la produzione imponendo rigorosi blocchi senza preavviso, almeno alcuni importatori in Occidente hanno iniziato a cercare forniture altrove. Jake Phipps, fondatore di Phipps & Company, importatore e distributore americano di arredi per la casa che vende a sviluppatori di hotel e appartamenti, ha affermato che negli ultimi due anni ha spostato molti ordini dalla Cina.

Ha iniziato ad acquistare mobili da cucina dal Vietnam e dalla Turchia, pavimenti in vinile dal Vietnam e dall’India e lavelli in acciaio inossidabile dalla Malesia. Le ripetute chiusure in Cina hanno ritardato molte spedizioni, inclusa la chiusura di parte di Ningbo, vicino a Shanghai, che ha ritardato la spedizione di forniture idrauliche il mese scorso. Ha aggiunto che molti clienti ora hanno paura di fare affidamento sulla Cina a causa di dazi, tensioni geopolitiche e domande sul potenziale ruolo della Cina nelle origini del coronavirus.

“L’affidabilità mi ha fatto muovere e la comodità dei clienti che non volevano ordinare dalla Cina”, ha affermato Phipps.

io tu Contribuisci alla ricerca.