Febbraio 3, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I democratici stanno votando per andare avanti con un piano Biden che metta la Carolina del Sud in cima al calendario delle primarie del 2024.



Cnn

La divisione legislativa del Comitato nazionale democratico ha dato l’assenso venerdì Piano 2024 per rimodellare drasticamente il calendario delle nomine presidenziali Rendi la Carolina del Sud lo stato principale, seguita da Nevada e New Hampshire pochi giorni dopo lo stesso giorno, poi Georgia e Michigan prima del Super Tuesday.

Il presidente Joe Biden Questa settimana il DNC ha chiesto ai leader di adottare questa linea di stato preliminare, che eliminerebbe lo status di prima nazione dell’Iowa. La proposta del comitato delle regole e dei regolamenti del DNC deve essere approvata in una riunione completa del DNC all’inizio del prossimo anno e gli stati devono ancora fissare le proprie date primarie.

Il DNC Rules Committee ha programmato le primarie della Carolina del Sud per il 3 febbraio, le gare del Nevada e del New Hampshire per il 6 febbraio, le primarie della Georgia per il 13 febbraio e quelle del Michigan per il 27 febbraio nel calendario presidenziale 2024.

La proposta è stata approvata in modo schiacciante, con solo obiezioni da parte di membri dell’Iowa e del New Hampshire. L’Iowa ha superato il processo di nomina dal 1972, mentre il New Hampshire ha avuto le sue prime primarie dal 1920.

L’attuazione di queste nuove date sarà una sfida scoraggiante. Le date primarie sono fissate a livello di stato e ogni stato ha un processo diverso. In Georgia, il Segretario di Stato repubblicano Brad Raffensberger è responsabile della scelta della stessa data per le primarie democratiche e repubblicane. In Nevada, la data proposta è coerente con una legge statale approvata lo scorso anno. Ma i democratici, che controllano la legislatura statale, potrebbero avere un momento più difficile se dovessero approvare un’altra legge per cambiare la data del loro ballottaggio dopo che il loro nuovo governatore repubblicano si insedierà il mese prossimo. Nella Carolina del Sud, ogni parte può scegliere la propria data principale.

Mentre il Comitato nazionale repubblicano ha votato all’inizio di quest’anno per riaffermare la prima formazione statale di Iowa, New Hampshire, Carolina del Sud e Nevada, le nuove primarie democratiche usciranno dal calendario repubblicano. Ciò potrebbe causare conflitti nelle speranze di avanzamento dei nuovi stati, poiché i loro partiti repubblicani potrebbero subire l’ostruzione del GOP nazionale se le loro primarie statali si terranno troppo presto.

Anche il New Hampshire e l’Iowa hanno leggi statali che coprono le loro fasi iniziali.

In base al piano adottato venerdì, ciascuno dei cinque stati selezionati ha tempo fino al 5 gennaio per adottare misure per modificare le date principali. In caso contrario, rinunceranno alla possibilità di indire un concorso preliminare riconosciuto.

Nonostante gli ostacoli logistici, tutti i membri del consiglio intervenuti venerdì hanno elogiato le modifiche proposte e la diversificazione della lista iniziale.

“Ci aggrappiamo alle tradizioni perché a volte ci danno un senso di sicurezza”, ha detto Donna Brazile, ex presidente del DNC che siede nel comitato delle regole. “A volte ci aggrappiamo alle tradizioni perché ci danno una base su cui crescere. Ma come molti di noi in questo consiglio sanno, crediamo anche che le tradizioni possano essere dirottate e cambiate, specialmente quando si aprono nuove porte e si aiuta ad espandere l’elettorato in modo che ogni americano possa godere della piena cittadinanza.

Il presidente del DNC Jaime Harrison si è commosso venerdì su cosa significherebbe avere il suo stato d’origine, la Carolina del Sud, come primo stato primario, parlando del tipo di voci che avrebbero sollevato una tale mossa.

“La società chiamava persone come i miei nonni persone semplici, mai rispettarle, mai rispettarle, mai dare loro rose”, ha detto Harrison.

I commenti dei membri del comitato alla riunione di venerdì hanno chiarito che la divulgazione delle sue preferenze da parte di Biden ha svolto un ruolo significativo nel processo. Diversi membri hanno elogiato la lettera del presidente al comitato DNC giovedì, che ha descritto come “intrinsecamente anti-partecipazione” e chiedendo un nuovo calendario per dare la priorità ai diversi stati nell’ordine iniziale. Oltre alla lettera, la CNN ha riferito che i leader del comitato hanno annunciato la formazione proposta da Biden nella fase iniziale ai membri del comitato giovedì sera.

Elaine Kamarck, che rappresenta il Massachusetts nel comitato, ha dichiarato: “Ecco perché credo che la proposta del presidente sia così appropriata, e questo sarà il nostro piano. Inizi con la tua fondazione, ma poi arrivi a un punto in cui ti chiedi: la nostra i candidati vincono in questi diversi stati oscillanti?

Ma il piano ha anche attirato l’opposizione degli stati particolarmente colpiti, Iowa e New Hampshire.

Dopo che il caos dei caucus dell’Iowa del 2020 ha suscitato un diffuso contraccolpo, l’Iowa è il primo stato della nazione a essere sottoposto a esame. Al di là delle questioni nei caucus del 2020, il Partito Democratico è sotto pressione per eliminare l’Iowa dal suo primo posto perché è prevalentemente bianco e non è più considerato uno stato campo di battaglia.

Il rappresentante Scott Brennan dell’Iowa nel comitato ha condannato fermamente la mossa ed è stato uno dei pochi membri a votare contro il piano.

“Sebbene sostenga i principi guida stabiliti da questo comitato e rafforzati dal presidente, non posso sostenere la proposta che ci è stata presentata”, ha affermato Brennan: “I piccoli stati rurali come l’Iowa dovrebbero avere voce in capitolo nel nostro processo di nomina presidenziale”.

Brennan ha detto: “I democratici non possono dimenticare intere fasce di elettori nel cuore del Midwest senza arrecare danni significativi al partito per una generazione”.

All’inizio di quest’anno il DNC ha approvato un piano per dare la priorità a vari stati del campo di battaglia nella scelta di tenere le primarie, considerando quali stati dovrebbero tenere le primarie. 16 stati e Porto Rico hanno ascoltato presentazioni durante l’estate sul loro stato delle primarie o sullo spostamento delle primarie nel calendario prima del Super Tuesday.

Il membro del comitato Joanne Dowdell, che rappresenta il New Hampshire, ha votato contro la proposta di privare il New Hampshire del suo status di prima nazione primaria. Quella posizione, ha osservato Dowdell, è protetta dalla legge statale.

“Sento che il presidente degli Stati Uniti ha fatto una dichiarazione molto audace sulla sua visione di questo paese, l’importanza della diversità. Non credo che ci sia una persona in questa stanza che possa discuterne. Tuttavia, lo dirò Il New Hampshire ha una legge, noi abbiamo una legge e non violeremo la nostra legge”, ha detto Dowdell alla giuria. suggeriamo di farlo”.

Questa storia e il titolo sono stati aggiornati.

READ  Clay Thompson si unisce a Steff Curry dopo la Florence di Dillon Brooks