Maggio 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I dipendenti Disney si ritirano, come ESPN e i diritti LGBTQ+ di Disney+

I dipendenti Disney si ritirano, come ESPN e i diritti LGBTQ+ di Disney+

Mentre molti dipendenti hanno protestato presso la sede della Disney a Burbank, in California, non è sembrato un grande spettacolo in tutta l’azienda.

“Sappiamo quanto sia importante questo problema per i dipendenti LGBTQ+, le loro famiglie e i loro alleati, rispettiamo il diritto dei nostri colleghi di esprimere le proprie opinioni e garantiamo il nostro continuo sostegno alla comunità LGBTQ+ nella lotta per la parità dei diritti”, ha detto un portavoce della Disney Affari CNN.

“Per tutti coloro che vengono in questo posto felice, siete i benvenuti”, Parchi Disney Pubblicare Su Instagram martedì mattina, Facendo eco alle parole di Walt Disney Durante il suo discorso di dedicazione il giorno di apertura di Disneyland del 1955. “I parchi, le esperienze e i prodotti Disney si impegnano a creare esperienze che supportino i valori familiari di ogni famiglia e non discrimineranno in alcun modo”.

Il post, che includeva un’immagine delle orecchie di Topolino colorate in un arcobaleno, affermava che l’unità si oppone a “qualsiasi legislazione che violi i diritti umani fondamentali, è solidale e sostiene il cast, la troupe, i visualizzatori e i fan LGBTQIA+ che fanno sentire la loro voce. Oggi e tutti i giorni”.

All’inizio di questo mese, il CEO della Disney Bob Chuck ha parlato del conto in un promemoria ai dipendenti, ma Ha rifiutato di condannarlo pubblicamente direttamente. Invece, ha detto Chuckle, il fatto che la Disney continui a raccontare “storie diverse” è una risposta più appropriata alla legislazione, che vieta agli insegnanti di discutere di questioni LGBT con bambini di terza elementare e inferiori.
L’ultima dichiarazione ha aggrovigliato il tumulto dentro e fuori la Disney, costringendo il CEO a farlo Per scusarsi per la sua tiepida risposta E il Con conseguente sciopero organizzato da parte dei dipendenti Disney. La Disney impiega 75.000 dipendenti in Florida.

“ESPN crede nell’inclusività e condanna la legislazione e le azioni negli Stati Uniti che violano i diritti umani. Siamo con i nostri colleghi, amici, famiglie e fan LGBTQIA+”, afferma l’account. “Continueremo a collaborare con organizzazioni che supportano la comunità LGBTQIA+, ad essere responsabili perché non siamo all’altezza delle aspettative e non smetteremo mai di raccontare storie sugli atleti LGBTQIA+”.

Il L’account Twitter ufficiale di Disney+ Il servizio di streaming ha aggiunto che “sta con dipendenti, colleghi, famiglie, narratori e fan LGBTQIA+”.

“Condanniamo fermamente tutta la legislazione che viola i diritti umani fondamentali delle persone nella comunità LGBTQIA+, in particolare la legislazione che prende di mira e danneggia i giovani e le loro famiglie”, si legge nel tweet.

READ  La terza stagione di "Bridgerton" si concentrerà sulla storia d'amore di Penelope e Colin - Deadline

Disney+ ha aggiunto che si sforza di creare un servizio che “riflette il mondo in cui viviamo”.

La nostra speranza è di essere una fonte di storie inclusive, responsabilizzanti e autentiche che ci uniscono nella nostra comune umanità.

Queste non sono le prime dichiarazioni di questo tipo pubblicate online dalle unità della società. Marvel Studios E il Pixar Si sono rivolti ai social media dopo la reazione iniziale per esprimere il loro sostegno ai diritti LGBTQ+ dicendo che sono dalla parte della comunità.

Per quanto riguarda la società madre stessa, lunedì la Disney ha ospitato un incontro online con tutte le sue unità sull’argomento.

“Questa mattina abbiamo avuto una conversazione virtuale a livello aziendale sulla legislazione anti-LGBTQ+ e sulla risposta della Disney ad essa”, ha detto lunedì la società alla CNN. “Sappiamo quanto sia importante questo problema per i dipendenti LGBTQ+, le loro famiglie e i loro alleati, rispettiamo il diritto dei nostri colleghi di esprimere le proprie opinioni e garantiamo il nostro continuo sostegno alla comunità LGBTQ+ nella lotta per la parità dei diritti”.

Laila Santiago e Gregory Lemos della CNN hanno contribuito a questo rapporto.