Ottobre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I funzionari della Fed vedono i tassi di interesse statunitensi aumentare ulteriormente

I funzionari della Fed vedono i tassi di interesse statunitensi aumentare ulteriormente

John C. Williams, Presidente e CEO della Federal Reserve Bank di New York, parla all’Economic Club of New York nel quartiere Manhattan di New York, USA, 6 marzo 2019. REUTERS / Lucas Jackson

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

30 agosto (Reuters) – I funzionari della Federal Reserve hanno ribadito il loro sostegno a ulteriori aumenti dei tassi di interesse per sedare l’inflazione, con il capo della Fed di New York che ha affermato che la banca centrale probabilmente dovrà aumentare i tassi di interesse “abbastanza più in alto”. 3,5% e mantenerlo lì fino alla fine del 2023.

“La mia opinione è che dobbiamo assumere una sorta di posizione politica – spingere al ribasso l’inflazione, rendere coerenti la domanda e l’offerta – ci vorrà più tempo e continuerà il prossimo anno”, ha detto al Muro il presidente della Fed di New York John Williams Giornale di strada. “Sulla base di ciò che vedo nei dati sull’inflazione e su ciò che vedo nell’economia, passerà del tempo prima che mi aspetti di vedere aggiustamenti nei tassi di declino”.

La Fed a marzo ha intrapreso quello che sarebbe diventato il più brusco ciclo di rialzi dei tassi dagli anni ’80, e la scorsa settimana il presidente della Fed Jerome Powell ha chiarito che lui e i suoi colleghi responsabili delle politiche monetarie erano disposti ad aumentare i costi finanziari quanto necessario per limitare la crescita e ridurre inflazione attuale. . Opera più del triplo dell’obiettivo del 2% della Federal Reserve.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Farlo, ha detto, significherebbe probabilmente un mercato del lavoro più morbido e doloroso per le famiglie e le imprese; Ma ha detto che consentire all’inflazione di rimanere alta farebbe danni ancora peggiori. Leggi di più

READ  I futures sulle azioni scendono mentre la Fed si prepara a iniziare la riunione di settembre di martedì

Williams, che svolge un ruolo chiave nella guida della politica monetaria, in qualità di vicepresidente del comitato per la determinazione dei tassi della Fed, ha affermato che la decisione della banca centrale di aumentare i tassi di interesse per la terza volta consecutiva di 75 punti base il mese prossimo o di un aumento minore di mezzo punto. Dipenderà dai dati in arrivo, che includono il rapporto mensile sul lavoro di venerdì e la lettura dell’IPC pochi giorni prima della riunione del 20-21 settembre.

Ma Williams ha affermato che una decisione di settembre dipenderà anche dalle opinioni dei responsabili politici su dove pensano che i tassi di interesse dovrebbero essere entro la fine dell’anno.

“Se è chiaro, in base ai dati, che abbiamo bisogno di aumentare significativamente i tassi entro la fine dell’anno, questo ovviamente ci dice una decisione in ogni riunione”, ha detto Williams. “Avremo bisogno di una politica restrittiva per un po’ – non è qualcosa che faremo per un tempo molto breve e poi cambieremo rotta; si tratta davvero di mettere in atto politiche per abbassare l’inflazione e mantenerla così” per raggiungere l’obiettivo federale di inflazione del 2%.

L’attuale fascia obiettivo della Fed per il tasso sui fondi federali è 2,25-2,50%.

A giugno, l’ultima volta che la banca centrale ha pubblicato una sintesi delle aspettative sull’andamento dei tassi dei decisori politici, le banche centrali statunitensi hanno visto i tassi salire al 3,4% entro la fine dell’anno.

I mercati finanziari stanno scontando un forte aumento. I futures legati alle politiche della Fed riflettono le scommesse dei trader secondo cui i prezzi aumenteranno di altri 1,5 punti percentuali entro la fine dell’anno. Ci sono altri tre incontri politici quest’anno, compreso il mese prossimo.

READ  All'interno del piano di smantellamento di EY: perché potrebbe rimodellare radicalmente i Big Four

“Non credo che abbiamo finito con l’inasprimento. L’inflazione è ancora molto alta”, ha scritto il presidente della Fed di Atlanta Rafael Bostic in un articolo pubblicato martedì sul sito web della banca regionale. “Tuttavia, i dati in arrivo – se mostrano chiaramente che l’inflazione sta iniziando a rallentare – potrebbero darci un motivo per tornare… Dovremo vedere come arrivano quei dati”.

Bostick ha affermato che l’inflazione secondo la metrica preferita dalla Fed è rallentata al 6,3% a luglio, in calo dal 6,8% di giugno, ma le pressioni sui prezzi rimangono “ostinatamente diffuse”.

Altri dati mostrano che i settori chiave dell’economia rimangono rigidi, compresi i dati pubblicati martedì che mostrano che le opportunità di lavoro sono rimaste elevate fino a luglio, una possibile indicazione di persistenti pressioni salariali.

Bostik ha descritto il quadro generale come “sfocato” e ha affermato che, sebbene fosse concentrato sulla traiettoria dell’inflazione, era anche sensibile al fatto che anche muoversi in modo troppo aggressivo per aumentare i tassi di interesse comporta dei rischi.

“Muoversi in modo troppo aggressivo o troppo timido ha i suoi aspetti negativi”, ha scritto Bostic, con l’aumento dell’inflazione radicata che incombe se la Federal Reserve non la spinge fuori dall’economia, e la perdita di crescita e l’aumento della disoccupazione a causa di “l’inasprimento delle politiche”.

Per il presidente della Fed di Richmond Thomas Barkin, la Fed ha chiaramente bisogno di aumentare i tassi di interesse, anche se esattamente quanto il prossimo mese dipenderà dai prossimi lavori e dai rapporti sull’inflazione. “Non lo pregiudicherò”, ha detto Barkin a Yahoo Finance, aggiungendo che la Fed ha bisogno di mettere i tassi di interesse “in un’area ristretta” per abbassare l’inflazione.

READ  Il più grande esportatore mondiale di GNL ha un problema con gli oleodotti

(Questa storia è stata rielaborata per correggere l’errore di battitura nell’ultimo paragrafo)

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Rapporto) di Ann Sapphire, Lindsey Densmeyer e Howard Schneider; Montaggio di Andrea Ricci

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.