Luglio 15, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I lavoratori dei fast food in California ora guadagnano 20 dollari l’ora. I concessionari rispondono riducendo l’orario di lavoro.

I lavoratori dei fast food in California ora guadagnano 20 dollari l’ora.  I concessionari rispondono riducendo l’orario di lavoro.

LOS ANGELES (Reuters) – Lawrence Cheng, la cui famiglia possiede sette filiali della catena di ristoranti Wendy’s nel sud di Los Angeles, ha preso gli ordini nei giorni scorsi e ha scaricato cestini caldi di patatine fritte e crocchette di pollo, per poi cospargerli abilmente di sale.

Cheng aveva circa una dozzina di dipendenti che lavoravano nel turno pomeridiano nella sua sede a Fountain Valley, nella contea di Orange. Ora ha solo sette dipendenti per turno mentre cerca di assorbire il picco del costo del lavoro Nuova legge della California Il 1° aprile ha aumentato la paga oraria dei lavoratori dei fast food da 16 a 20 dollari l’ora.

Ha detto: “Stiamo riducendo il numero dei dipendenti in base alle capacità disponibili. Fisso un appuntamento per una persona in meno, poi torno in un orario che non avevo programmato e lavoro a quell’ora”.

Cheng spera che l’estate, quando gli affari sono tradizionalmente vivaci con gli studenti che non vanno a scuola e le famiglie che viaggiano o passano più tempo a cenare fuori, porterà profitti migliori in grado di coprire i costi aggiuntivi.

Gli esperti dicono che è troppo presto per determinare l’impatto a lungo termine dell’aumento salariale sui fast food e se ci saranno licenziamenti e chiusure diffuse. I precedenti aumenti salariali non hanno necessariamente portato alla perdita di posti di lavoro. Quando California e New York hanno quasi raddoppiato il loro salario minimo portandolo a 15 dollari rispetto al livello federale di 7,25 dollari l’ora, la crescita dell’occupazione è continuata, secondo l’UC Berkeley. Stare.

Finora, il settore ha continuato a mostrare una crescita occupazionale. Secondo il Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti, nei primi due mesi successivi all’approvazione della legge, avvenuta il 1° aprile, il settore ha guadagnato 8.000 posti di lavoro, rispetto allo stesso periodo del 2023. Per giugno non sono ancora disponibili dati.

READ  Standard & Poor's afferma che le vendite immobiliari in Cina si stanno dirigendo verso una flessione peggiore rispetto al 2008

Non solo l’industria ha aggiunto posti di lavoro con la nuova legge, ma molti affiliati hanno anche notato che retribuzioni più elevate attraggono effettivamente candidati migliori, riducendo così il turnover del lavoro, ha affermato Joseph Bryant, vicepresidente esecutivo della Service Employees International Union, che ha spinto per la nuova legge. aumento.

Ma molti dei principali operatori delle catene di fast food affermano che stanno riducendo gli orari e aumentando i prezzi per restare in attività.

“Lavoro in questo settore da 25 anni, ho due marchi diversi e non ho mai dovuto aumentare l’importo dei prezzi come ho fatto l’ultima volta ad aprile”, ha affermato Juancarlos Chacon, proprietario di nove sedi Jersey Mike’s a Los Angeles .

Un panino al tacchino per meno di $ 10? Il suo prezzo è ora $ 11,15. Mentre i clienti continuano ad arrivare, li vede abbassare i prezzi: niente bevande, niente patatine, niente caramelle.

Poiché la loro attività principale è servire il pranzo, Chacon ha iniziato a ridurre il personale mattutino e serale. Ha inoltre ridotto il numero dei dipendenti part-time, scendendo da 165 dipendenti totali a circa 145.

I nuovi lavoratori non hanno solo ottenuto un aumento di stipendio. Piuttosto, anche i capiturno, gli assistenti dirigenti e tutti coloro che si trovavano in cima alla scala della carriera dovevano ricevere aumenti salariali e il lavoro rappresentava circa il 35% dei suoi costi.

“Sono molto nervoso”, ha detto Chacon.

Aaron Allen, fondatore e amministratore delegato di una società globale di consulenza per ristoranti, ha affermato di aver ricevuto chiamate di panico da operatori e fornitori di ristoranti in California che si stanno ancora riprendendo dalla chiusura dovuta al COVID-19. Prevede un crescente divario tra aziende come McDonald’s che hanno soldi da investire nell’automazione e tagliando i costi “riconfigurando il menu, rispetto a catene più piccole e più regionali che potrebbero collassare o affrontare un significativo declino dei negozi”.

READ  GM critica il discorso della UAW nel sesto giorno di sciopero

Cheng ha detto che non ha intenzione di licenziare nessuno dei suoi 250 dipendenti da Wendy’s, ma ha invece fatto ricorso alla riduzione degli straordinari e alla riduzione del numero di lavoratori per turno. A gennaio ha anche aumentato i prezzi dei menu di circa l’8% in previsione della legge.

Tuttavia, ha detto che i suoi registri mostrano che ha superato il budget di $ 20.000 durante un periodo di paga di due settimane.

Allo stesso tempo, le imprese avvertono la pressione derivante dall’aumento degli affitti e dei costi alimentari, ha affermato Jotte Conde, presidente e amministratore delegato della California Restaurant Association, che si è opposta alla legge sul salario minimo.

“Quando i costi del lavoro aumentano di oltre il 25% da un giorno all’altro, un’azienda di ristorazione con margini già ridotti è costretta a tagliare le spese altrove”, afferma Conde. “Non hanno molte opzioni se non quella di aumentare i prezzi, ridurre l’orario di lavoro o ridurre le dimensioni della loro forza lavoro”.

Julieta Garcia, che lavora in un Pizza Hut a Los Angeles da poco più di un anno, ha detto che ora lavora cinque giorni invece di sei. Ma ha detto che non è una brutta cosa, dato che può trascorrere più tempo con suo figlio di quattro anni. Ha aggiunto che il denaro extra le ha permesso di pagare in tempo la bolletta del cellulare, invece di dover interrompere il servizio, e di portare suo figlio a farsi controllare le tonsille.

Howard Lewis, un pensionato di 63 anni che lavora in un ristorante Wendy’s a Sacramento, ha detto di aver investito i suoi soldi extra.

READ  È probabile che i profitti delle grandi banche diminuiscano nel primo trimestre, ma gli investitori non sembrano preoccupati

“Oggi era il giorno della paga e ho acquistato azioni per un valore di 500 dollari”, ha detto Lewis. Aiuta anche la sua ex moglie a riparare i freni della sua macchina.

Il governatore della California Gavin Newsom ha affermato che l’aumento è necessario per dare un salario dignitoso a più di mezzo milione di lavoratori dei fast food dello stato.

“Siamo uno Stato a cui non interessano i lavoratori dei fast food – che sono per lo più donne – che fanno due lavori e mezzo per sopravvivere”, ha detto Newsom nel suo discorso sullo stato dello Stato pubblicato sui social media.

Per Enev Someleda, direttore generale di Del Taco a Orange County, l’aumento di stipendio è stato una combinazione di risultati. In precedenza aveva quattro persone che lavoravano per turno, ma ora ne ha solo due.

“Mi ha aiutato finanziariamente”, ha detto. “Ma ho meno persone, quindi devo lavorare di più.”