Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I legislatori liberali statunitensi ritirano la lettera all’Ucraina

WASHINGTON, 25 ottobre (Reuters) – I democratici liberali statunitensi hanno ritirato una lettera alla Casa Bianca sollecitando una soluzione negoziata alla guerra in Ucraina, ha dichiarato martedì il leader del gruppo, la rappresentante democratica Pramila Jayapal. Festa.

“Il Congressional Progressive Caucus ritira la sua recente lettera alla Casa Bianca sull’Ucraina”, ha affermato Jayapal in una nota. Ha aggiunto: “La lettera è stata redatta diversi mesi fa ma purtroppo è stata pubblicata senza essere verificata dal personale”.

La lettera, firmata da 30 membri della Camera, è diventata pubblica lunedì, lasciando alcuni altri democratici che si sentono presi alla sprovvista due settimane prima delle elezioni di medio termine dell’8 novembre, che determineranno quale partito politico controlla il Congresso. Arriva mentre i repubblicani affrontano la preoccupazione che il loro partito possa porre fine agli aiuti militari e umanitari che hanno aiutato l’Ucraina da quando la Russia ha invaso lo scorso febbraio.

Diversi membri del Progressive Caucus hanno rilasciato dichiarazioni in cui esprimono sostegno all’Ucraina, osservando che si sono uniti ad altri democratici nel votare per miliardi di dollari in aiuti all’Ucraina.

Alcuni hanno detto di aver firmato la lettera qualche mese fa e le cose sono cambiate. “Il tempismo è tutto nella diplomazia. Ho firmato questa lettera il 30 giugno, ma da allora molte cose sono cambiate. Non la firmerò oggi”, ha detto su Twitter la rappresentante Sarah Jacobs.

Il rappresentante firmatario Jamie Raskin ha dichiarato in una dichiarazione di essere lieto di apprendere del suo ritiro e di aver notato il suo “sfortunato tempismo e altre carenze”.

Le truppe ucraine stanno lanciando una controffensiva di successo, con le forze che avanzano nella provincia di Kherson occupata dalla Russia, minacciando una grave sconfitta per Mosca.

‘assegno in bianco’

La lettera ha causato un respingimento immediato anche dall’interno del Progressive Caucus. “La Russia non accetta la diplomazia, solo la forza. Se l’Ucraina vuole rimanere un paese libero e democratico, dobbiamo sostenere la loro lotta”, ha affermato in una dichiarazione scritta il rappresentante democratico Ruben Gallego, membro del caucus.

Il rappresentante repubblicano della Top House Kevin McCarthy ha dichiarato in un’intervista a Punchbowl News questo mese che l’Ucraina non avrebbe un “test in bianco” se i repubblicani avessero preso il sopravvento. Si è ipotizzato che i repubblicani possano porre fine agli aiuti a Kiev, anche se molti membri del partito hanno affermato che non era loro intenzione.

Jayapal, che ha ritrattato la lettera, ha affermato nella sua dichiarazione che, a causa del tempismo, la lettera era collegata ai commenti di McCarthy.

“Niente potrebbe essere più lontano dalla verità. Ogni guerra finisce con la diplomazia, e questa finirà dopo una vittoria ucraina. La lettera inviata ieri, pur ribadendo quel principio fondamentale, è legata all’opposizione del GOP al sostegno della legittima difesa degli ucraini. La loro la sovranità nazionale è una distrazione in questo momento e stiamo ritirando la lettera “, ha affermato Jayapal in una nota.

Il portavoce del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti Ned Price ha affermato che sia i Democratici che i Repubblicani sostengono il continuo aiuto all’Ucraina e non pensava che la lettera avrebbe messo in discussione il sostegno degli Stati Uniti.

READ  Punteggio Ravens vs. Steelers: aggiornamenti in tempo reale, risultati, statistiche di gioco, momenti salienti, TV, live streaming per la partita della settimana 18

“Negli ultimi giorni, abbiamo sentito dai democratici, abbiamo sentito dai repubblicani che capiscono la necessità di continuare a stare con l’Ucraina, di difendere i principi in gioco qui”, ha detto in una conferenza stampa.

Reportage di Patricia Zengerle; Rapporti aggiuntivi di Richard Cowan e Doina Chiaku; Montaggio di Chisu Nomiyama e Cynthia Osterman

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.