Luglio 16, 2024

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I manifestanti israeliani bloccano le autostrade e chiedono un cessate il fuoco per il ritorno dei prigionieri dopo nove mesi di guerra a Gaza.

I manifestanti israeliani bloccano le autostrade e chiedono un cessate il fuoco per il ritorno dei prigionieri dopo nove mesi di guerra a Gaza.

TEL AVIV, Israele – In occasione del nove mesi anniversario dell’inizio della guerra a Gaza, i manifestanti israeliani hanno bloccato domenica le autostrade in tutto il paese, chiedendo al primo ministro Benjamin Netanyahu di dimettersi e premendo per un cessate il fuoco per restituire decine di ostaggi tenuti in ostaggio. da Hamas.

Le manifestazioni arrivano nel contesto degli sforzi a lungo termine per mediare una tregua Ha guadagnato slancio la settimana scorsa Ma allo stesso tempo Hamas ha fatto marcia indietro rispetto alla sua principale richiesta di ottenere un impegno israeliano a porre fine alla guerra. Il movimento armato sta ancora cercando di raggiungere un cessate il fuoco permanente, mentre Netanyahu si è impegnato a continuare a combattere finché Hamas non sarà distrutto.

La guerra è stata scatenata da un attacco transfrontaliero di Hamas il 7 ottobre, che ha ucciso 1.200 persone e ne ha catturate altre 250. L’attacco di ritorsione lanciato da Israele ha provocato la morte di oltre 38.000 palestinesi, secondo il Ministero della Sanità della Striscia di Gaza, che nelle sue statistiche non fa distinzione tra combattenti e civili.

Gli israeliani chiamano “Giorno della disattivazione”

La “giornata di disordini” è iniziata domenica alle 6:29, lo stesso orario in cui i militanti di Hamas hanno lanciato i primi razzi verso Israele nell’attacco iniziale. I manifestanti hanno bloccato le strade principali e manifestato davanti alle case dei ministri del governo.

Vicino al confine con Gaza, i manifestanti israeliani hanno lanciato 1.500 palloncini neri e gialli, a simboleggiare i cittadini uccisi e rapiti.

Hannah Gollan ha detto di essere venuta per protestare contro il “devastante abbandono delle nostre comunità da parte del nostro governo”. Ha aggiunto: “Sono passati nove mesi oggi, da questo giorno nero, e ancora nessuno nel nostro governo si assume la responsabilità”.

Circa 120 ostaggi sono ancora detenuti dal Movimento di resistenza islamica (Hamas) dopo che più di 100 ostaggi sono stati rilasciati nell’ambito dell’accordo di cessate il fuoco raggiunto lo scorso novembre. Israele ha già concluso che più di 40 degli ostaggi rimanenti sono morti e si teme che il numero aumenterà man mano che la guerra continua.

READ  Un istruttore di fitness cerca di sollevare 210 chili e muore dopo che il peso gli è caduto sul collo

Gli Stati Uniti sono riusciti a mobilitare il mondo dietro una proposta per un cessate il fuoco graduale, in cui Hamas rilascerebbe i restanti prigionieri in cambio di un cessate il fuoco permanente e del ritiro delle forze israeliane da Gaza. Ma Hamas vuole garanzie da parte dei mediatori che la guerra finirà, mentre Israele vuole la libertà di riprendere i combattimenti se continuano i colloqui per il rilascio dell’ultimo lotto di ostaggi.

Netanyahu ha anche affermato che Israele resta impegnato a distruggere le capacità militari e di governo di Hamas, e che… La guerra riprenderà Dopo essersi fermato per liberare gli ostaggi.

Israele continua a combattere sacche di militanti palestinesi in tutta Gaza dopo mesi di pesanti bombardamenti e operazioni di terra che hanno distrutto le principali città della Striscia e costretto la maggior parte dei suoi 2,3 milioni di residenti a fuggire dalle proprie case, spesso più volte.

Corpi ritrovati con le mani legate

L’ospedale Nasser nella città di Khan Yunis, a sud della Striscia di Gaza, ha affermato che i corpi di tre palestinesi sono stati recuperati nell’area di confine di Kerem Shalom con Israele. Una dichiarazione dell’ospedale diceva che erano ammanettati e un giornalista dell’Associated Press ha visto uno dei corpi con le mani legate.

Abdul Hadi Ghabayen, zio di uno dei morti, ha detto che stavano lavorando per garantire l’arrivo di aiuti umanitari e spedizioni commerciali attraverso la frontiera. Ha aggiunto di aver visto i soldati che li trattenevano sabato, e che i corpi portavano segni di percosse e uno di loro aveva una gamba rotta.

L’esercito israeliano ha detto che sta esaminando questi rapporti.

READ  Un passeggero è stato arrestato per aver urinato su un volo American Airlines da JFK a Delhi

Migliaia di palestinesi sono stati arrestati dall’inizio della guerra e molti sono stati rilasciati. Così come alcuni israeliani che lavoravano nei centri di detenzioneI detenuti affermano di essere stati torturati e tenuti in condizioni dure. Le autorità israeliane negano i maltrattamenti sui prigionieri.

Nel frattempo, gli attacchi aerei israeliani che sono continuati per tutta la notte e fino a domenica hanno ucciso almeno 13 palestinesi, compreso il sottosegretario del Ministero del Lavoro nel governo in gran parte smantellato guidato da Hamas.

Ihab Al-Ghussein era tra le quattro persone uccise in un raid contro una scuola trasformata in rifugio a Gaza City, secondo la Protezione Civile, un gruppo di primi soccorritori. Hamas ha pianto la sua perdita in una dichiarazione e ha detto che un raid all’inizio della guerra aveva distrutto la sua casa e ucciso sua moglie e sua figlia.

L’esercito israeliano ha dichiarato di aver bombardato un complesso armato “nell’area di un edificio scolastico”, nonché un vicino impianto di produzione di armi di Hamas a Gaza City, dopo aver adottato misure per mitigare i danni ai civili.

Secondo l’Ospedale dei Martiri di Al-Aqsa, sei persone sono state uccise in un raid in una casa nella città di Zawaida, nel centro di Gaza, e altre tre sono state uccise in un raid in una casa vicino a Gaza City, secondo la Protezione Civile, che è controllata dal governo di Hamas.

Israele si scontra con Hezbollah

Il gruppo militante libanese Hezbollah ha detto domenica mattina presto di aver sparato dozzine di proiettili verso il nord di Israele, colpendo aree a più di 30 chilometri (20 miglia) dal confine, una profondità maggiore della maggior parte dei lanci. Il servizio di soccorso nazionale israeliano ha riferito che un uomo di 28 anni è rimasto gravemente ferito. L’attentato è avvenuto dopo che un attacco aereo israeliano ha ucciso sabato un combattente di Hezbollah.

READ  Il Giubileo di platino della regina Elisabetta II: primo giorno

Hezbollah ha iniziato a lanciare razzi e colpi di mortaio dopo lo scoppio della guerra a Gaza. La portata e l’intensità degli attacchi e dei contrattacchi israeliani sono aumentati nelle ultime settimane, sollevando il timore di una guerra totale che comporterebbe danni ingenti alle infrastrutture civili. Conseguenze serie Per le persone su entrambi i lati del confine.

La scorsa settimana i mediatori di Stati Uniti, Egitto e Qatar hanno intensificato i loro sforzi per mediare un accordo tra Israele e Hamas. Ha detto Hezbollah Fermerà i suoi attacchi se verrà raggiunto un cessate il fuoco a Gaza.

L’accordo raggiunto sabato da Hamas potrebbe portare alla prima cessazione dei combattimenti da novembre e aprire la strada a ulteriori colloqui, anche se tutte le parti hanno avvertito che un accordo non è ancora garantito.

L’accordo provvisorio proposto da Washington inizierebbe con un cessate il fuoco “pieno e globale” per sei settimane, durante le quali anziani, malati e donne in ostaggio verrebbero rilasciati in cambio del rilascio di centinaia di prigionieri palestinesi. Durante questi 42 giorni, le forze israeliane si ritireranno dalle aree densamente popolate di Gaza e permetteranno agli sfollati di tornare alle loro case nel nord di Gaza.

I palestinesi, stanchi della guerra nella Striscia di Gaza, sono apparsi pessimisti, dopo precedenti casi in cui le due parti sembravano vicine a raggiungere un accordo.

Heba Radhi, una madre di sei figli che vive in una tenda nella città di Deir al-Balah, nel centro della Striscia di Gaza, da quando è fuggita dalla sua casa a Gaza City, ha dichiarato: “Abbiamo vissuto nove mesi di sofferenza è diventato un sogno irraggiungibile”.

___Magdy Avad dal Cairo.

___

Segui la copertura di AP sulla guerra https://apnews.com/hub/Israel-Hamas-War