Febbraio 1, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I moscoviti celebrano un capodanno silenzioso senza fuochi d’artificio, sperando nella pace

MOSCA (Reuters) – La gente nel centro di Mosca si è preparata sabato in ritardo per celebrare un tranquillo capodanno senza i soliti fuochi d’artificio e festeggiamenti nella Piazza Rossa, dove molti hanno affermato di volere la pace nel 2023.

Le autorità hanno chiuso la famosa piazza acciottolata nel cuore di Mosca, citando le restrizioni per combattere il COVID-19, e aumentato il numero di poliziotti nelle strade laterali vicine.

Il capodanno è la principale festa stagionale in Russia, mentre i credenti ortodossi celebrano il Natale il 7 gennaio.

“Speriamo che ci sia un anno previsto, speriamo che ci sia la pace nel mondo, per quanto strano possa sembrare in una situazione del genere”, ha detto Alexander Tsvetov, un moscovita.

“Speriamo che le persone saranno felici, da entrambe le parti di questo conflitto, e ci sarà la pace”, ha continuato, riferendosi a quella che il presidente Vladimir Putin chiama “l’operazione militare speciale” di dieci mesi in Ucraina.

Privata dell’opportunità di riunirsi sulla Piazza Rossa e assistere al tradizionale spettacolo pirotecnico di Capodanno, la gente camminava per le strade umide, guardando i mercatini di Natale, le vetrine dei negozi illuminate e gli alberi allestiti con ornamenti.

Le nuove leggi adottate a marzo prevedono multe e pene detentive per diffamazione o diffusione di “informazioni deliberatamente false” sulle forze armate.

“Sono sicura che quegli eventi inaspettati, duri e aggressivi saranno sicuramente moderati. L’anno prossimo ci sarà sicuramente una svolta per il meglio”, ha predetto Yelena Popova, 68 anni.

Ha detto che lo spettacolo pirotecnico annullato è stato un atto di solidarietà con ciò che stava accadendo in Ucraina.

READ  Migliaia di persone evacuate in India prima che i giganteschi grattacieli crollassero

“Nessuno dovrebbe fingere che non stia succedendo nulla: la nostra gente sta morendo lì. La festa è celebrata, ma ci devono essere dei limiti”, ha detto.

Tatiana, una donna che non ha rivelato il suo nome completo, ha detto di sperare in “pace nel mondo, cieli sereni, felicità e salute per tutti”. Senza dubbio, le forze russe stavano attraversando momenti difficili, ha detto, “quindi le sosteniamo spiritualmente”.

Segnalazione di Reuters. Montaggio di David Leungren e Daniel Wallis

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.