Gennaio 28, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I prezzi del petrolio sono rimbalzati dal crollo di martedì mentre tornano i timori sull’offerta

I prezzi del petrolio sono rimbalzati dal crollo di martedì mentre tornano i timori sull'offerta

Serbatoi di stoccaggio di petrolio greggio dall’alto al Cushing Oil Center, a Cushing, Oklahoma, 24 marzo 2016. REUTERS/Nick Oxford/File Photo

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Il petrolio è salito di circa il 3% prima di ridurre alcuni guadagni
  • Tassi di interesse più alti, i timori di recessione limitano ancora i guadagni di prezzo – Analista
  • La Cina ha segnalato nuovi casi di COVID in tutto il paese

KUALA LUMPUR (Reuters) – I prezzi del petrolio sono aumentati di quasi il 3% mercoledì prima di ridurre alcuni dei guadagni poiché gli investitori sono tornati sul mercato dopo un forte calo nella sessione precedente, con le preoccupazioni sull’offerta che sono tornate alla ribalta nonostante le preoccupazioni. Sulla persistente recessione globale.

I futures sul greggio Brent sono saliti fino a $ 3,08, o 2,9 per cento, a $ 105,85 al barile nelle prime contrattazioni, dopo essere crollati del 9,5 per cento martedì, il calo giornaliero più grande da marzo. È aumentato nell’ultimo scambio di $ 1,63, o 1,6 percento, a $ 104,40 al barile alle 0650 GMT.

Il greggio US West Texas Intermediate è salito al massimo della sessione di $ 102,14 al barile, in rialzo di $ 2,64, o del 2,7%, dopo aver chiuso sotto i $ 100 per la prima volta da fine aprile. È caduto brevemente in territorio negativo a causa della forza del dollaro USA prima di riprendere i guadagni e l’ultima volta è salito di $ 1,20, o 1,2%, a $ 100,70 al barile.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Il dollaro è salito al massimo da 20 anni contro l’euro e ai massimi da più mesi contro altre principali valute, poiché l’aumento dei prezzi del gas e l’incertezza politica hanno rianimato i timori di recessione, spingendo gli investitori a rivolgersi alla valuta rifugio.

READ  Il capo della Toyota afferma che il divieto delle auto a gas in California sarà "difficile" da rispettare

Una valuta statunitense forte di solito rende il petrolio più costoso in altre valute, il che può limitare la domanda.

“Oggi è una specie di reset”, ha affermato John Kilduff, partner di Again Capital LLC. “Non c’è dubbio che ci sia poca copertura e cacciatori di occasioni”.

“La storia di base sul malessere globale è ancora valida… la vendita è stata decisamente esagerata”, ha aggiunto.

Nel frattempo, l’ex presidente russo Dmitry Medvedev ha avvertito che una proposta del Giappone di limitare il prezzo del petrolio russo a circa la metà del suo livello attuale porterebbe a un calo significativo del petrolio nel mercato e spingerebbe i prezzi sopra i 300-400 dollari al barile.

Martedì, invece, il governo norvegese è intervenuto per porre fine a uno sciopero nel settore petrolifero che ha ridotto la produzione di petrolio e gas, hanno affermato un leader sindacale e il ministero del Lavoro, ponendo fine a uno stallo che avrebbe potuto esacerbare la crisi energetica in Europa . Leggi di più

Entro sabato, lo sciopero aveva ridotto le esportazioni giornaliere di gas di 1.117.000 barili di petrolio equivalente (boe), ovvero il 56% delle esportazioni giornaliere di gas, mentre 341.000 barili di petrolio avrebbero potuto essere sprecati, secondo Norwegian Oil and Gas Employers (NOG). disse la lobby.

Tuttavia, i timori di una recessione hanno continuato a pesare sui mercati. Secondo alcune prime stime, la più grande economia mondiale potrebbe essersi contratta nei tre mesi da aprile a giugno. Si tratterà del secondo trimestre consecutivo di contrazione, vista la definizione di recessione tecnica. Leggi di più

I calcoli di Reuters hanno mostrato che più banche centrali del Gruppo dei 10 hanno aumentato i tassi di interesse a giugno che in qualsiasi altro mese in almeno due decenni. Con l’inflazione ai massimi da diversi decenni, il ritmo dell’inasprimento delle politiche non dovrebbe diminuire nella seconda metà del 2022. Leggi di più

READ  La carenza di piloti americani sta costringendo le compagnie aeree a tagliare i voli e cercare soluzioni

“Sebbene il petrolio greggio debba ancora affrontare il problema della carenza di forniture, i principali fattori che hanno portato alla forte svendita di petrolio di ieri rimangono”, ha affermato Leon Li, analista di CMC Markets con sede a Shanghai. Ha citato l’inasprimento delle politiche da parte delle banche centrali globali e un possibile aumento dei tassi da parte della Federal Reserve statunitense come pressione sui prezzi delle materie prime.

“Quindi, la ripresa di oggi potrebbe essere una correzione a breve termine per i ribassisti e i prezzi del petrolio probabilmente rimarranno sotto pressione nel prossimo futuro”.

Anche i rinnovati timori di un blocco del COVID-19 in tutta la Cina potrebbero limitare i guadagni del prezzo del petrolio.

Il più grande importatore mondiale di petrolio greggio sta combattendo un focolaio di coronavirus a livello nazionale con test di massa e nuove restrizioni. La Cina ha segnalato casi di coronavirus nelle città di Shanghai, Pechino, nelle province orientali dell’Anhui, nel Jiangsu e nella città nord-occidentale di Xi’an. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Arathi Sumasekhar a Houston e Emily Chow a Kuala Lumpur; Montaggio di Sam Holmes e Kenneth Maxwell

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.