Novembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il britannico muore in custodia nell’Ucraina orientale separatista

Il britannico muore in custodia nell'Ucraina orientale separatista

Una vista mostra l’ambasciata della Repubblica popolare di Donetsk (DPR) a Mosca, in Russia, il 12 luglio 2022. REUTERS/Evgenia Novozinina

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

15 luglio (Reuters) – Un britannico che era trattenuto dai separatisti sostenuti dalla Russia in Ucraina e accusato di mercenari è morto, ha detto venerdì un funzionario della Repubblica popolare di Donetsk.

Un ente di beneficenza britannico ha confermato la morte di Paul Orry, 45 anni, descrivendolo come un operatore umanitario e negando che avesse un background militare.

Presidium Network, un ente di beneficenza che lo ha consigliato sulla sicurezza, ha detto che Uri è stato arrestato nel sud-est dell’Ucraina alla fine di aprile mentre cercava di aiutare una donna a cui era stato concesso il permesso di recarsi in Gran Bretagna per lasciare il territorio controllato dalla Russia.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

È stato fermato a un posto di blocco, detenuto e accusato di “attività mercenarie” dai separatisti nella Repubblica Democratica del Congo, entità separatista riconosciuta solo da Russia, Siria e Corea del Nord. Leggi di più

La rete del Presidium ha affermato che il Ministero degli Esteri britannico aveva informato la famiglia di Yuri della sua morte. Un portavoce del ministero degli Esteri ha detto a Reuters che stava “cercando urgentemente chiarimenti al governo russo in merito ai resoconti dei media sulla morte di un operatore umanitario britannico in Ucraina”.

Alla domanda su Urey, il portavoce del primo ministro Boris Johnson ha detto: “Sono notizie chiaramente inquietanti e i nostri pensieri sono con la sua famiglia e i suoi amici”.

READ  La giornalista russa Oksana Paulina è stata uccisa in un attentato a Kiev

Daria Morozova, che detiene il titolo di Human Rights Ombudsman nella Repubblica Democratica del Congo, ha affermato sui social media che Uri aveva il diabete e problemi al sistema respiratorio, ai reni e al sistema cardiovascolare.

“Da parte nostra, nonostante la gravità del presunto crimine, a Paul Urey è stata fornita un’adeguata assistenza medica. Tuttavia, a causa di diagnosi e disagio psicologico, è morto il 10 luglio”, ha detto.

Urey e un altro britannico, Dylan Healy, sono stati arrestati a un posto di blocco controllato dalle forze separatiste alla fine di aprile.

“pistole politiche”

Il co-fondatore di Presidium Network, che era in contatto con Ori prima del suo arresto, ha affermato che Ori aveva il diabete che richiedeva un trattamento con iniezioni di insulina.

“Senza insulina e cure adeguate, la sua vita sarebbe stata comunque in pericolo”, ha detto Dominic Byrne a Reuters.

Byrne ha detto che il Ministero degli Esteri britannico e la Croce Rossa erano stati in grado di eseguire a distanza i controlli dell’assistenza sociale su Ori per telefono mentre era in cattività, ma che nessun altro oltre ai suoi rapitori era stato in contatto fisico con lui dalla fine di aprile.

Ha aggiunto che non c’erano prove che Uri avesse un background militare e che “non c’era modo” che fosse nemmeno lontanamente vicino alle “attività mercenarie”, come affermano i funzionari della Repubblica Democratica del Congo.

“Stanno effettivamente usando questi individui come pedine politiche in questo conflitto, il che è vergognoso”, ha detto Byrne dei separatisti sostenuti dalla Russia.

Altri due britannici e un uomo marocchino che sono stati sorpresi a combattere per l’Ucraina sono stati condannati a morte nella Repubblica Democratica del Congo per le loro attività mercenarie.

READ  I prezzi della sterlina e delle obbligazioni salgono alle stelle mentre Jeremy Hunt accelera i suoi piani fiscali

Anche due americani sono detenuti nella Repubblica Democratica del Congo e devono ancora essere accusati. Le loro famiglie affermano che i separatisti stanno cercando di garantire uno scambio di prigionieri e di spingere gli Stati Uniti in contatti ufficiali con i delegati russi, qualcosa che può essere visto come un riconoscimento de facto.

Byrne ha detto che la famiglia di Yuri ora sta chiedendo alla RPDC di restituire il suo corpo in Gran Bretagna.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Jake Cordell ed Elizabeth Piper; Montaggio di Mark Trevelyan

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.