Settembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Cile vota a stragrande maggioranza per respingere la nuova costituzione progressista | Chile

I cileni hanno votato in modo esauriente contro una nuova costituzione progressista che è stata redatta per sostituire il documento del 1980 scritto sotto la dittatura del generale Augusto Pinochet.

Con il 96% dei voti contati nel referendum di domenica, il campo dei respingimenti ha ottenuto il 61,9% e il 38,1% di approvazione in quella che sembrava essere un’enorme affluenza alle urne con lunghe code negli stati elettorali. Il voto era obbligatorio.

La senatrice Jimena Rincon, una delle leader della campagna di rigetto, ha definito la vittoria “chiara e certa” e ha chiesto una nuova convenzione costituzionale.

La campagna del “consenso” ha accettato la sconfitta e il presidente del Paese, Gabriel Borek, 36 anni, ha convocato lunedì mattina una riunione dei leader del partito al palazzo presidenziale di La Moneda.

Il presidente del Cile, Gabriel Borek, parla alla nazione domenica sera.
Il presidente del Cile, Gabriel Borek, parla alla nazione domenica sera. Foto: Marcelo Segura/Presidenza cilena/AFP/Getty Images

“Mi impegno a fare del mio meglio per costruire un nuovo percorso costituzionale insieme al Congresso e alla società civile”, ha detto Borek in un discorso televisivo alla nazione, sottolineando che lunedì mattina incontrerà i capi dei partiti politici e di entrambe le camere del Congresso.

Il documento del 1980 redatto sotto Pinochet resterà in vigore, e il futuro del Cile appare certamente incerto.

Nel 2020, un referendum pubblico iniziale ha visto quasi l’80% degli elettori scegliere di redigere una nuova costituzione, ma dopo un anno estenuante di negoziati, le persone sembrano aver espresso insoddisfazione per il prodotto finale.

Mentre i risultati si riversavano e il campo del rifiuto sempre più avanzato, gruppi di sostenitori esultanti rifiutati si sono affollati agli angoli delle strade e hanno riempito le piazze di tutto il paese per celebrare la loro vittoria.

C’erano preoccupazioni che i sostenitori scontenti del consenso potessero ripeterlo Le manifestazioni del 2019 che hanno avviato il processo di riforma costituzionale. Ma una folla di non più di diverse centinaia si è radunata nella piazza principale di Santiago ed è stata rapidamente dispersa dalla polizia usando cannoni ad acqua e gas lacrimogeni.

Le persone che sostengono la nuova bozza di costituzione accettano la sconfitta a Santiago.
Le persone che sostengono la nuova bozza di costituzione accettano la sconfitta a Santiago. Foto: Javier Torres/AFP/Getty Images

La costituzione proposta includeva un lungo elenco di diritti e garanzie sociali che sembravano rispondere alle richieste di questo ampio movimento sociale.

ha sancito l’uguaglianza di genere nel governo e in altri organi statali, per la prima volta in tutto il mondo, dando priorità alla protezione dell’ambiente e riconoscendo per la prima volta nella storia del paese le popolazioni indigene del Cile.

La decisione di respingere una costituzione che garantisca i diritti delle donne e l’uguaglianza di genere è stata presa a 70 anni da quando alle donne è stato concesso per la prima volta il diritto di voto in Cile.

“Questa è una costituzione scritta male”, ha detto Carmen Fuentes, 61 anni, che ha votato in un ricco sobborgo nord-orientale di Santiago. “C’è stata divisione in questo paese per molto tempo e questo referendum non cambierà le cose”.

Molti hanno criticato le garanzie del documento alle popolazioni indigene, dicendo che dividerebbe il Cile. Altri hanno avvertito che scuotere il sistema politico non era necessario ed empirico.

In centro, altri erano più ottimisti sulla possibilità di cambiamento, citando la necessità di liberare il Cile dalla costituzione dell’era Pinochet e dal modello che essa sanciva, e passare a un futuro più egualitario e democratico.

Ma quel futuro ora sembra remoto. Borek ha espresso la volontà di ripetere il processo costituzionale, ma le basi della riforma sono ancora in discussione.

Alcuni dei critici più importanti della Costituzione hanno discusso di consentire al Congresso di riformare il documento del 1980 o di coinvolgere esperti in un nuovo processo, ma i dettagli sono stati chiari da entrambe le parti, senza che nessuna delle due parti fosse disposta a impegnarsi in un potenziale percorso da seguire.

READ  Il sogno di Orbán di due decenni al potere è in bilico nel voto ungherese