Dicembre 4, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il cinese Xi Jinping visita Hong Kong per celebrare l’anniversario della consegna

Il cinese Xi Jinping visita Hong Kong per celebrare l'anniversario della consegna
Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

HONG KONG – Il presidente cinese Xi Jinping giovedì si è avventurato fuori dalla Cina continentale per la prima volta dall’inizio dell’epidemia per partecipare alla conferenza. Il 25° anniversario della consegna di Hong Kong Dal dominio britannico al dominio cinese.

Xi e sua moglie, Peng Liyuan, sono scesi da un treno alla stazione di West Kowloon di Hong Kong, capolinea della linea ad alta velocità che collega la Cina continentale al territorio. Sono stati accolti sul palco da giovani e bambini che sventolavano bandiere della Cina e di Hong Kong e cantavano “un caloroso benvenuto” in cinese mandarino, piuttosto che nella lingua cantonese tradizionalmente usata in città.

Per Xi, il leader cinese più potente dai tempi di Mao Zedong, che dovrebbe assumere un terzo mandato senza precedenti entro la fine dell’anno, le misure sono un’opportunità per consolidare il potere personale sul Partito Comunista Cinese dichiarando la nazione più forte e unita. sotto il suo governo.

Ma per molti a Hong Kong, il punto intermedio del periodo di 50 anni in cui è stato garantito “l’alto grado di autonomia” della città attraverso un meccanismo noto come “un paese, due sistemi” è un momento di lutto per erosione delle libertà Ha deluso le speranze per un futuro più democratico.

Il candidato scelto da Pechino per Hong Kong indica un controllo più stretto

“Dopo la rivolta e le proteste del 2019 e del 2020, il governo di Pechino vuole ritrarre che tutto è sotto controllo: l’opposizione e gli elementi ribelli sono stati eliminati”, ha affermato Ho-fung Hung, professore di economia politica alla Johns Hopkins University. “È un giro di vittoria e Xi Jinping cercherà di ritrarlo come colui che ha ottenuto il cosiddetto ‘secondo ritorno’ a Hong Kong”.

La repressione delle proteste a favore della democrazia ha messo a dura prova i rapporti di Pechino con i giovani della città e con molti governi occidentali. Ma per il Partito Comunista Cinese, che apprezza soprattutto il suo controllo politico e l’integrità territoriale della nazione, sfondare decenni di inazione e resistenza all’approvazione della legislazione sulla sicurezza nazionale per Hong Kong è un risultato significativo.

Gli studiosi cinesi iniziano a parlare del “secondo ritorno” di Hong Kong. Zheng Yongnian è un influente scienziato politico presso l’Università cinese di Hong Kong mezzi di governo I primi anni di governo cinese dopo il 1997 furono “sovrani senza potere di governo”. Ma qualcos’altro.

READ  Israele ha detto di aver bombardato il Golan siriano con un attacco missilistico. Danno denunciato

Cheng ha affermato che la legge sulla sicurezza nazionale è stato un buon inizio, ma solo l’inizio della “ricostruzione” che il sistema politico di Hong Kong deve attraversare mentre “si sposta dalla democrazia radicale verso una forma di democrazia più adeguata alla cultura, alla classe e alla struttura sociale di Hong Kong .”

In cima all’agenda del nuovo amministratore delegato John LeeIl capo della politica che ha curato la repressione delle proteste dovrà adempiere all’articolo 23 della Legge fondamentale, la mini-costituzione della città, che gli impone di emanare leggi che vietano il tradimento, la secessione, la sedizione e la sovversione. Tale legislazione è stata sospesa nel 2003 dopo le proteste di massa.

Ma le ambizioni di Xi vanno al di là della polizia e delle riforme legali, ma anche di cambiamenti radicali nel Paese formazione scolastica La comunità progettata per creare supporto per la base del PCC.

Accettare un futuro progettato da Pechino potrebbe essere la più difficile per la generazione nata intorno all’estradizione, che si aspettava più libertà democratiche ed è stata introdotta nella politica locale attraverso le proteste contro le aperture di Pechino.

25 anni di acquisizione di Hong Kong da parte della Cina, in immagini

“Quando ero giovane, non sapevo cosa fosse il suffragio universale, ma in seguito, dopo aver vissuto la Rivoluzione degli Ombrelli, ho cambiato idea”, ha detto Coco O, 25 anni, uno studente laureato in giurisprudenza, riferendosi al 2014. Proteste contro i cambiamenti Il sistema elettorale di Hong Kong che ha permesso a Pechino di selezionare in anticipo i candidati politici.

Molte persone nate nel 1997 si sentono tradite. Jeff Yao, 25 anni, è cresciuto pensando che la consegna fosse un evento felice, ma recentemente è diventato timoroso per il futuro della città. “Mi sento un po’ soffocato e sento che Hong Kong è meno aperta dei paesi occidentali”, ha detto.

Nonostante il tono esultante dei media statali cinesi in vista delle festività di venerdì, ci sono indicazioni che Xi rimanga a disagio per la presa di Pechino su Hong Kong. I media locali, citando fonti anonime del governo, hanno riferito che Xi non trascorrerà la notte in città e attraverserà invece il confine continentale fino a Shenzhen dopo una cena con il CEO uscente Carrie Lam, e tornerà a Hong Kong venerdì mattina. Cerimonia di nomina di Lee, l’ex capo della polizia che la sostituirà.

READ  Il Cremlino denuncia la richiesta dell'Ucraina di vietare i viaggi ai russi

Gran parte di Hong Kong è chiusa per garantire che la visita proceda senza intoppi. Lunghi parapetti pieni d’acqua fiancheggiano le strade vicino al quartiere fieristico dove si svolgeranno i festeggiamenti. Il legislatore ha annullato la sua riunione settimanale in modo che i legislatori possano mettere in quarantena e rispettare le rigide restrizioni del coronavirus sui festeggiamenti. La polizia ha vietato i droni in tutta Hong Kong durante la visita.

Almeno 10 giornalisti di media nazionali ed esteri Bandito dalla copertura delle sessioni, secondo il South China Morning Post. La Lega dei socialdemocratici, un’organizzazione politica pro-democrazia, ha dichiarato martedì che non avrebbe protestato il 1° luglio dopo che la polizia di sicurezza nazionale ha convocato i suoi volontari. “La situazione è molto difficile, vi prego di capire”, ha detto il gruppo in una dichiarazione ai suoi sostenitori.

Per la generazione più anziana di Hong Kong, il 1997 è stato anche un periodo molto misterioso. Claudia Tang, 59 anni, ha lasciato la città per l’Australia in quel momento sperando di emigrare, ma in seguito è tornata. Ora è ampiamente ottimista sul futuro di Hong Kong, nonostante il dominio di Pechino.

“Sento che l’educazione patriottica è una buona cosa. Molti giovani non capiscono cosa significhi ‘un paese, due sistemi'”, ha detto.

Questa confusione può essere in parte dovuta al fatto che le interpretazioni della Cina sono cambiate nel tempo. Energico prima del 1997, l’ex leader cinese Deng Xiaoping ha affermato che “i cavalli di Hong Kong continueranno a correre e ballare” dopo la consegna. Queste opinioni sono state sostituite da quella di Xi, come affermato nel ventesimo anniversario del passaggio di consegne, secondo cui “un Paese” costituisce le radici profonde del sistema di governo “avanzato”, in primo luogo, per raggiungere e sostenere l’unità nazionale.

READ  Norvegia: le sparatorie nei bar gay di Oslo hanno provocato almeno due morti prima del Pride Parade

Le chiese di Hong Kong non sono più vietate mentre Pechino stringe la presa sul dissenso

L’istituzione della formula “un paese, due sistemi” che ha sostenuto il passaggio di consegne di Hong Kong nel 1997 è uno dei risultati distintivi della leadership di Deng. Fino ad oggi, i media statali cinesi Funziona regolarmente Video di Deng che agita il dito contro l’allora primo ministro britannico Margaret Thatcher mentre dichiara che la sovranità di Hong Kong non è in discussione.

Xi ha risposto clamorosamente a molte domande sul futuro di Hong Kong che Deng ha lasciato senza risposta, spesso imponendo al territorio le interpretazioni della storia del Partito Comunista Cinese. Di recente, i funzionari di Hong Kong hanno rivisto i libri di testo delle scuole superiori per insegnare la posizione del partito secondo cui il territorio non era in realtà una colonia britannica; Era solo occupato illegalmente.

All’evento di lunedì, Chris Patten, l’ultimo governatore britannico di Hong Kong, ha affermato che c’era poco che il Regno Unito potesse fare in vista del 1997 per evitare l’ultima svolta repressiva di Hong Kong, “perché la vera storia di Hong Kong oggi riguarda La scelta di Xi Jinping.” come leader della Cina.

All’epoca, ha aggiunto Patten, il passaggio di consegne di Hong Kong era visto come un “canarino nella miniera” per verificare se il regime cinese si sarebbe dimostrato brutalmente egocentrico o degno di fiducia negli affari internazionali, ma a questa domanda è stata data risposta. “I canarini sono stati soffocati il ​​più possibile”, ha detto.

Anche nel 1997, Ken Lamm, 50 anni, che lavora nella logistica, immaginava che sarebbero arrivate altre repressioni, ma in quel momento non riuscì ad andarsene e si rassegnò al destino della città. “Ora ho la possibilità di andarmene, ma una parte di me vuole anche restare e guardare quanto può peggiorare Hong Kong. Dopotutto, questo è il posto dove sono cresciuto”.

Sponsor segnalato da Taipei, Taiwan. Lyric Lee di Seoul ha contribuito a questo rapporto.