Settembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Giappone fa riferimento a un ritorno al nucleare per stabilizzare gli approvvigionamenti energetici

Il Giappone fa riferimento a un ritorno al nucleare per stabilizzare gli approvvigionamenti energetici

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida pronuncia un discorso nella sua residenza ufficiale a Tokyo, in Giappone, il 14 luglio 2022. Xinhua/Zhang Xiaoyu/Paul via Reuters/File Photo

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

TOKYO (Reuters) – Il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha dichiarato mercoledì che il Giappone riavvierà le centrali nucleari più in stallo e cercherà di sviluppare reattori di prossima generazione, aprendo la strada a un importante cambiamento politico sull’energia nucleare un decennio dopo il disastro di Fukushima.

I commenti di Kishida – che ha anche affermato che il governo valuterà la possibilità di allungare la vita dei reattori esistenti – evidenziano come la crisi ucraina e gli alti costi energetici abbiano spinto sia l’opinione pubblica che un ripensamento della politica nei confronti del nucleare.

Il Giappone ha mantenuto inattiva la maggior parte delle sue centrali nucleari nel decennio da quando un devastante terremoto e tsunami nel 2011 hanno innescato una fusione nucleare presso la centrale elettrica di Fukushima Daiichi. Il Giappone incline ai terremoti ha detto che non costruirà nuovi reattori, quindi cambiare quella politica sarebbe un cambiamento radicale.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Kishida ha detto ai giornalisti di aver incaricato i funzionari di intraprendere azioni concrete entro la fine dell’anno, incluso “guadagnare la comprensione pubblica” dell’energia sostenibile e dell’energia nucleare.

I funzionari del governo si sono incontrati mercoledì per elaborare un piano per una cosiddetta “transizione verde” volta a riorganizzare la terza economia più grande del mondo per raggiungere gli obiettivi ambientali. L’energia nucleare, ferocemente osteggiata dall’opinione pubblica dopo la crisi di Fukushima, è ora vista da alcuni nel governo come un ingrediente per una transizione così verde.

READ  La guerra ucraina delude le speranze degli anziani giapponesi di tornare alle Isole Curili

Anche l’opinione pubblica è cambiata, con l’impennata dei prezzi del carburante e un’estate presto e calda che ha suscitato richieste di risparmio energetico.

“È il primo passo verso la normalizzazione della politica energetica del Giappone”, ha affermato Jun Arima, professore di progetto presso la Graduate School of Public Policy dell’Università di Tokyo.

Ha detto che il Giappone ha bisogno dell’energia nucleare perché la sua rete non è collegata ai paesi vicini e non è nemmeno in grado di aumentare la produzione nazionale di combustibili fossili.

Il mese scorso il governo ha dichiarato di sperare di riavviare più reattori nucleari in tempo per evitare qualsiasi crisi elettrica durante l’inverno.

Alla fine di luglio, il Giappone aveva sette reattori in funzione e altri tre sono offline per manutenzione. Molti altri stanno ancora subendo il processo di ri-licenza in base a standard di sicurezza più severi imposti dopo Fukushima.

Kishida ha anche affermato che il governo prenderà in considerazione l’estensione della vita dei reattori esistenti. I media locali hanno precedentemente riferito che ciò può essere fatto non includendo il tempo in cui i reattori sono rimasti offline – anni in alcuni casi – nel calcolo del tempo di funzionamento.

Secondo le normative vigenti, il Giappone chiude le fabbriche dopo un periodo predeterminato, che in molti casi è di 60 anni.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Mayoko Sakuda e Yoshifumi Takemoto) Segnalazione aggiuntiva di Mariko Katsumura, David Dolan e Yuka Obayashi; Montaggio di Tom Hogg, Shree Navaratnam e Nick McPhee

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

READ  La Russia conduce esercitazioni militari sulle isole contese con i media giapponesi