Febbraio 3, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il James Webb Telescope rivela una nuova visione dei Pilastri della Creazione

Bello: quasi 30 anni fa, i Pilastri della Creazione hanno stupito il mondo dell'astronomia quando sono stati catturati dal famoso telescopio spaziale Hubble della NASA.  Ora una nuova generazione può godere di una nuova visione dello spettacolo inquietante dopo che il telescopio spaziale James Webb da 10 miliardi di dollari (7,4 miliardi di sterline) dell'agenzia spaziale statunitense ha ripreso gli stessi viticci simili a dita di gas e polvere (nella foto)

Quasi 30 anni fa, i Pilastri della Creazione hanno stupito il mondo dell’astronomia quando sono stati catturati dal famoso telescopio spaziale Hubble della NASA.

Ora una nuova generazione può godere di una nuova visione dello spettacolo inquietante dopo che il telescopio iperspaziale James Webb da 10 miliardi di dollari (7,4 miliardi di sterline) dell’agenzia spaziale statunitense ha ripreso gli stessi viticci simili a dita di gas e polvere.

Simile a una mano spettrale, i Pilastri della Creazione fanno parte della Nebulosa Aquila – che si trova a 6.500 anni luce dalla Terra – ed è nota per essere una fonte di formazione stellare.

Questa settimana la NASA e l’Agenzia spaziale europea hanno rivelato un’altra occhiata ai pennacchi dagli occhi acuti di Webb.

Bello: quasi 30 anni fa, i Pilastri della Creazione hanno stupito il mondo dell’astronomia quando sono stati catturati dal famoso telescopio spaziale Hubble della NASA. Ora una nuova generazione può godere di una nuova visione dello spettacolo inquietante dopo che il telescopio spaziale James Webb da 10 miliardi di dollari (7,4 miliardi di sterline) dell’agenzia spaziale statunitense ha ripreso gli stessi viticci simili a dita di gas e polvere (nella foto)

Hubble ha scattato la prima immagine dei Pilastri della Creazione nel 1995. Ha fornito la prima prova che le stelle potrebbero nascere all'interno dei pilastri.

Hubble ha scattato la prima immagine dei Pilastri della Creazione nel 1995. Ha fornito la prima prova che le stelle potrebbero nascere all’interno dei pilastri.

Quali sono i pilastri della creazione?

È una delle caratteristiche spaziali più iconiche mai catturate dalla fotocamera.

I pilastri della creazione sono stati catturati per la prima volta dal telescopio Hubble della NASA nel 1995, quindi ricreati nel 2014.

Ora, quasi 30 anni dopo il nostro primo avvistamento della formazione agonizzante, è stata ripresa di nuovo dal nuovo James Webb Superspace Telescope della NASA.

I Pilastri della Creazione, situati a 6.500 anni luce dalla Terra nella costellazione del Serpente, fanno parte della Nebulosa Aquila.

READ  La scoperta dei segnali radio dallo spazio per la seconda volta

È noto per essere un’importante fonte di formazione stellare.

Il gas e la polvere nei viticci simili a tentacoli danno vita a stelle, tra cui molte molto giovani e alcune ora immaginate che hanno solo pochi 100.000 anni.

Nell’immagine di Hubble del 1995, i colori blu rappresentano l’ossigeno, il rosso è lo zolfo e il verde rappresenta sia l’azoto che l’idrogeno.

I pilastri sono bagnati da una luce ultravioletta ardente proveniente da un ammasso di giovani stelle appena fuori dall’inquadratura.

I venti di queste stelle stanno lentamente erodendo le torri di gas e polvere.

L’ultima immagine è stata scattata alla luce del medio infrarosso, che oscura la luminosità delle stelle in modo da catturare solo il flusso di gas e polvere. Ciò ha fornito un nuovo modo di sperimentare e comprendere la straordinaria composizione.

Webb ha strumenti che vedono in diverse lunghezze d’onda della luce infrarossa.

A ottobre, gli esperti hanno rilasciato un’immagine dei Pilastri della Creazione dalla Near Infrared Camera (NIRCam), seguita da un’immagine dalla Medium Infrared Instrumentation (MIRI).

Ora hanno unito le immagini per produrre un’immagine inquietante che presenta il meglio di entrambe le viste, mostrando bordi luminosi di polvere dove le giovani stelle stanno appena iniziando a formarsi.

NIRCam rivela stelle di nuova formazione arancioni all’esterno dei pilastri, mentre la risonanza magnetica mostra strati di polvere in formazione.

“Questo è uno dei motivi per cui la regione è piena di stelle: la polvere è una componente chiave della formazione stellare”, ha affermato la NASA.

I polpastrelli rossi luminosi sul secondo pilastro indicano la formazione stellare attiva, ma le stelle sono solo bambini: la NASA stima che abbiano solo 100.000 anni.

Ci vogliono milioni di anni per formarsi completamente.

“Combinando le immagini degli iconici Pilastri della Creazione da due telecamere a bordo del James Webb Space Telescope della NASA, il cosmo è incorniciato nella gloria dell’infrarosso”, scrive il team di Webb.

READ  Guarda la navicella spaziale Artemis 1 Orion entrare in orbita lunare venerdì

Hanno detto che “ha dato fuoco a questa regione di formazione stellare con nuovi dettagli”.

Quando nei poli si formano nodi di gas e polvere di massa sufficiente, iniziano a collassare sotto la loro stessa gravità, riscaldandosi lentamente e alla fine formando nuove stelle.

“Le stelle appena formate sono particolarmente visibili ai bordi dei due pilastri superiori – stanno praticamente esplodendo alla vista”, ha detto il team di Webb.

Quasi tutto ciò che vedi in questa scena è locale.

L’universo distante è in gran parte oscurato dalla nostra vista dal mezzo interstellare, che è costituito da gas e polvere interstellari sparsi e dalla spessa striscia di polvere nella nostra galassia, la Via Lattea.

“Di conseguenza, le stelle sono al centro di uno spettacolo web di Pillars of Creation”.

I Pilastri della Creazione si trovano nella costellazione del Serpente.

Nuovo Super Space Telescope: Webb (nella foto) ha strumenti che vedono in varie lunghezze d'onda della luce infrarossa

Nuovo Super Space Telescope: Webb (nella foto) ha strumenti che vedono in varie lunghezze d’onda della luce infrarossa

A ottobre, gli esperti hanno rilasciato un'immagine dei Pilastri della Creazione dalla Near Infrared Camera (NIRCam).

A ottobre, gli esperti hanno rilasciato un’immagine dei Pilastri della Creazione dalla Near Infrared Camera (NIRCam).

Quindi seguilo con un'immagine dal dispositivo a infrarossi medi (MIRI).

Quindi seguilo con un’immagine dal dispositivo a infrarossi medi (MIRI).

Questo contiene un ammasso stellare giovane e caldo, NGC6611, visibile con telescopi senza pretese nel giardino sul retro, che scolpisce e illumina il gas e la polvere circostanti, producendo enormi fori cavi e pilastri, ciascuno di diversi anni luce di diametro.

Un’immagine di Hubble scattata nel 1995 lasciava intendere che nuove stelle stavano nascendo all’interno dei pilastri. A causa del blocco della polvere, l’immagine in luce visibile del telescopio Hubble non è stata in grado di vedere all’interno e dimostrare che si stavano formando giovani stelle.

Quindi la NASA ha riportato Hubble per una seconda visita, consentendo loro di confrontare le due istantanee.

Gli astronomi hanno notato cambiamenti in una caratteristica simile a un jet che si allontana da una delle stelle appena nate all’interno dei pilastri.

READ  I pannelli solari ricoperti di polvere significano la fine della missione della sonda Marte della NASA

Il jet è cresciuto di 60 miliardi di miglia di lunghezza tra le osservazioni, indicando che il materiale nel jet viaggiava a circa 450.000 miglia all’ora.

James Webb Telescope: il telescopio da 10 miliardi di dollari della NASA è progettato per rilevare la luce delle stelle e delle galassie più antiche

Il James Webb Telescope è stato descritto come una “macchina del tempo” che può aiutare a svelare i segreti del nostro universo.

Il telescopio sarà utilizzato per osservare le prime galassie nate nell’universo primordiale più di 13,5 miliardi di anni fa, osservando le sorgenti di stelle, esopianeti e persino lune e pianeti del nostro sistema solare.

L’enorme telescopio, che è già costato più di 7 miliardi di dollari (5 miliardi di sterline), è considerato il successore del telescopio spaziale Hubble.

Il telescopio James Webb e la maggior parte dei suoi strumenti hanno una temperatura di circa 40 K – circa meno 387 Fahrenheit (meno 233 gradi Celsius).

È il telescopio spaziale orbitante più grande e potente del mondo, in grado di guardare indietro di 100-200 milioni di anni dopo il Big Bang.

L’osservatorio a infrarossi in orbita è progettato per essere circa 100 volte più potente del suo predecessore, il telescopio spaziale Hubble.

Alla NASA piace pensare a James Webb come al successore di Hubble piuttosto che a un sostituto, poiché i due lavoreranno in tandem per un po’.

Il telescopio Hubble è stato lanciato il 24 aprile 1990, tramite la navetta spaziale Discovery dal Kennedy Space Center in Florida.

Orbita attorno alla Terra a circa 17.000 mph (27.300 km/h) in un’orbita terrestre bassa a un’altitudine di circa 340 miglia.