Febbraio 2, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Kosovo trattiene un giornalista russo al confine

Il capo dell'intelligence greca si dimette tra le accuse di intercettazioni

PRISTINA (Reuters) – Il ministro degli interni del Kosovo ha dichiarato sabato di aver arrestato un giornalista russo al confine con l’accusa di essere una spia e che le autorità di sicurezza stavano cercando “le sue intenzioni”. Il ministro dell’Interno Khilal Svikla ha chiamato la giornalista Daria Islamova. “Molti paesi si sono dimostrati coinvolti nello spionaggio per conto dell’intelligence militare russa e nel fingere di essere un giornalista”, ha detto Svikla in un comunicato stampa. La Reuters non è stata in grado di verificare le accuse di Svecla.

Aslamova, che lavora per il quotidiano russo Komsomolskaya Pravda, è stata citata dai media russi per aver affermato di essere stata rilasciata e che ora si trova nella città serba di Raska.

Islamova e Komsomolskaya Pravda non hanno affrontato le accuse del Kosovo contro di lei.

Svikla ha pubblicato sulla sua pagina Facebook alcune foto del giornalista accompagnato dal ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov e un’altra foto con il presidente siriano Bashar al-Assad, tra le altre foto. La Russia è il principale alleato della Serbia e, come Belgrado, si oppone all’indipendenza del Kosovo. Le tensioni tra il vicino Kosovo e la Serbia nei Balcani occidentali sono divampate di recente e si sono intensificate la scorsa settimana dopo che il Kosovo ha affermato che richiederebbe ai serbi che vivono nel nord del paese che utilizzano targhe automobilistiche serbe di richiedere targhe emesse dalle istituzioni di Pristina. L’impegno è ora rinviato. I serbi costituiscono circa il 5% della popolazione del Kosovo e il 90% sono di etnia albanese. In un altro incidente, sabato la polizia ha detto che una delle sue pattuglie vicino al confine serbo è stata attaccata in una zona del Paese segnata da conflitti etnici e attività di contrabbando. “Il suo tentativo di entrare nel nostro Paese, in concomitanza con gli sviluppi nel nord del Paese, dimostra chiaramente che la Russia si è unita alla propaganda serba con l’obiettivo di destabilizzare il nostro Paese”, ha affermato. Il Kosovo si è unito all’Unione Europea e agli Stati Uniti nel condannare l’invasione russa dell’Ucraina e ha già imposto sanzioni.

Rapporti di Fatos Betsy; Montaggio di David Gregorio

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.