Gennaio 28, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il mercato azionario sta scendendo perché gli investitori temono la recessione più che l’inflazione

Il mercato azionario sta scendendo perché gli investitori temono la recessione più che l'inflazione

Il paradosso del mercato azionario, in cui le cattive notizie sull’economia sono viste come buone notizie per le azioni, potrebbe essere giunto al termine. In tal caso, gli investitori dovrebbero aspettarsi che le cattive notizie siano cattive notizie per le azioni che si avvicinano al nuovo anno – e potrebbero essercene molte.

Ma prima, perché una buona notizia è una cattiva notizia? Gli investitori hanno trascorso il 2022 concentrandosi principalmente sulla Federal Reserve e sulla sua serie di ampi aumenti dei tassi di interesse volti a moderare l’inflazione. Le notizie economiche secondo cui la crescita sta rallentando e c’è poco carburante per l’inflazione potrebbero sollevare le scorte sull’idea che la Fed potrebbe iniziare a rallentare il ritmo dei tagli futuri o addirittura iniziare a tagliare i tassi di interesse in futuro.

Al contrario, buone notizie sull’economia Potrebbe essere una brutta notizia per azioni.

Quindi cosa è cambiato? Visto la scorsa settimana CPI più debole del previsto per novembre. Mentre fa ancora molto caldo, con prezzi in aumento di oltre il 7% su base annua, gli investitori sono sempre più fiduciosi che l’inflazione abbia probabilmente raggiunto il picco di quasi quattro decadi sopra il 9% a giugno.

Vediamo: Perché i dati sull’IPC di novembre sono visti come un “punto di svolta” per i mercati finanziari

Ma la Fed e le altre principali banche centrali hanno segnalato che intendono continuare ad aumentare i tassi di interesse, anche se a un ritmo più lento, fino al 2023 e probabilmente li manterranno più alti più a lungo di quanto previsto dagli investitori. Ciò alimenta i timori che una recessione stia diventando più probabile.

READ  I capi della sicurezza di Twitter si sono dimessi a causa dei timori che Musk avrebbe violato l'accordo FTC

Nel frattempo, i mercati si stanno comportando come se i peggiori timori di inflazione fossero nello specchietto retrovisore, con i timori di recessione che ora incombono, ha affermato Jim Beard, chief investment officer della società di consulenza finanziaria Blunt Moran.

Questo sentimento è stato rafforzato dai dati sulla produzione di mercoledì e da una lettura delle vendite al dettaglio più debole del previsto giovedì, ha detto Beard in un’intervista telefonica.

I mercati “probabilmente stanno entrando in un periodo in cui le cattive notizie sono cattive notizie non perché i prezzi spaventeranno gli investitori, ma perché la crescita degli utili vacillerà”, ha affermato Baird.

“Circolazione tepper inversa”

Keith Lerner, chief investment officer di Truist, ha sostenuto che potrebbe formarsi un’immagine speculare del retroscena che ha prodotto quello che è diventato noto come il “commercio di Tepper”, ispirato dal magnate degli hedge fund David Tepper nel settembre 2010.

Sfortunatamente, mentre era l’appello preveggente di Tepper per uno “scenario vincente / vincente”. Venerdì Lerner ha dichiarato in una nota che il “trade inverso di Tepper” si sta configurando come un’offerta in perdita/perdita.

L’argomentazione di Tepper era che l’economia sarebbe migliorata, il che sarebbe stato positivo per le azioni e i prezzi delle attività. Oppure l’economia potrebbe indebolirsi, con la Fed che interviene per sostenere il mercato, il che sarebbe positivo anche per i prezzi delle attività.

Lerner ha affermato che l’attuale configurazione è quella in cui l’economia si indebolirà, frenando l’inflazione, ma influenzando anche gli utili societari e sfidando i prezzi delle attività. Oppure, in alternativa, l’economia rimane forte, insieme all’inflazione, con la Federal Reserve e altre banche centrali Continuare a inasprire la politicae prezzi degli asset sfidanti.

READ  Dow balza di 600 punti, Nasdaq sale del 2% mentre i forti guadagni aumentano il rally di Wall Street per il secondo giorno

In ogni caso, ci sono potenziali venti contrari per gli investitori. Per essere onesti, esiste un terzo percorso, in cui l’inflazione scende e l’economia evita la recessione, che si chiama atterraggio morbido. “È possibile”, ha scritto Lerner, ma ha notato che il percorso verso un atterraggio morbido sembra sempre più stretto.

I timori di recessione sono emersi giovedì, quando le vendite al dettaglio erano previste per novembre ha registrato un calo dello 0,6%., battendo le aspettative di un calo dello 0,3% e il più grande calo in quasi un anno. Inoltre, l’indice manifatturiero della Fed di Filadelfia è salito, ma è rimasto in territorio negativo, deludendo le aspettative, mentre l’Empire State Index della Fed di New York è sceso.

Leggi: Ancora un mercato ribassista: S&P 500 indica che le azioni non hanno mai raggiunto la “velocità di fuga”

Le azioni, che avevano subito perdite moderate dopo che la Fed aveva alzato i tassi di interesse il giorno prima, sono scese bruscamente di mezzo punto percentuale. Le azioni hanno esteso il loro declino venerdì, con l’S&P 500 SPX,
-1,11%
registrando una perdita settimanale del 2,1%, mentre il Dow Jones Industrial Average,
-0,85%
è sceso dell’1,7% e il Nasdaq Composite,
-0,97%
diminuito del 2,7%.

“Mentre ci avviciniamo al 2023, i dati economici avranno un impatto maggiore sulle azioni perché i dati ci diranno la risposta a una domanda molto importante: quanto è grave il rallentamento economico? (Più aumenti per iniziare il 2023), la chiave ora è crescita, potenziale danno derivante da una crescita più lenta”, ha dichiarato venerdì in una nota Tom Esay, fondatore di Sevens Research Report.

READ  Wall Street cade per la terza sessione consecutiva a causa delle preoccupazioni per l'aumento dei tassi della Fed
Controllo lento

Nessuno può dire con certezza che nel 2023 si verificherà una recessione, ha affermato Plant Moran-Bird, ma non sembrano esserci dubbi sul fatto che gli utili societari subiranno pressioni e questo sarà un importante motore per i mercati. Ciò significa che gli utili saranno probabilmente una fonte significativa di volatilità nel prossimo anno.

“Se la storia nel 2022 è l’inflazione e i tassi, nel 2023 saranno gli utili e il rischio di recessione”, ha affermato.

Non è più un ambiente che favorisce le azioni ad alta crescita e ad alto rischio, mentre i fattori ciclici possono essere ben stabiliti per le azioni orientate al valore ea bassa capitalizzazione, ha affermato.

Fino a quando il peso guida non cambierà, “manteniamo il nostro sovrappeso nel reddito fisso, dove ci concentriamo su obbligazioni di alta qualità, e relativamente sottopesato nelle azioni”, ha affermato Lerner di Trost.

All’interno delle azioni, US Trust favorisce qualsiasi propensione al valore e vede “migliori opportunità sotto la superficie del mercato”, come l’S&P 500, che è un proxy per le azioni medie.

Mette in risalto Calendario economico La prossima settimana ha uno sguardo rivisto al PIL del terzo trimestre giovedì, insieme all’indice di novembre dei principali indicatori economici. Venerdì, i dati sui consumi personali e sulla spesa per novembre, inclusa la misura dell’inflazione preferita dalla Fed, dovrebbero essere rilasciati.