Settembre 26, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il ministro degli Esteri lituano chiede l’impeachment di Putin, si aspetta che il leader russo diventi più instabile con l’aumento delle perdite

Il ministro degli Esteri lituano chiede l'impeachment di Putin, si aspetta che il leader russo diventi più instabile con l'aumento delle perdite

Parlando alla CNN a Washington martedì, Landsbergis ha anche affermato che il suo paese sta cercando una presenza permanente di truppe statunitensi, definendolo “il più grande deterrente per un aggressore come la Russia”, oltre a un maggiore sostegno della NATO al vertice dei leader del mese prossimo a Madrid.

La Lituania è stata un convinto sostenitore dell’Ucraina dall’inizio della guerra più di due mesi fa e ha spinto per una risposta forte per contrastare la Russia, diventando il primo paese dell’UE a fermare le importazioni di gas russe.

Finora, ha affermato Landsbergis, gli Stati Uniti e gli alleati europei si sono concentrati sul loro “approccio tattico” alla guerra in Ucraina, in risposta agli sviluppi sul campo.

Tuttavia, il ministro degli Esteri ha sottolineato che devono anche pensare in modo strategico al lungo termine e fino a quando Putin e i suoi collaboratori non se ne saranno andati, il mondo deve prepararsi perché la Russia “potrebbe combattere ancora, non escludere i paesi della NATO”.

“Ci sono paesi che si aspettano che dobbiamo solo aspettare la fine della guerra e in un certo senso aspettare che la guerra finisca e poi tornare agli affari come al solito”, ha detto Landsbergis, osservando che “la Russia è fuori dall’ordine mondiale civile … non appartengono più a questo.

“Lo stato di guerra in Russia finirà quando il regime in Russia finirà. Questo è l’unico modo in cui lo vediamo”, ha detto.

Landsbergis non ha suggerito all’Occidente di adottare misure concrete per rimuovere Putin dal potere e ha riconosciuto che “potrebbe volerci del tempo prima che le cose cambino, perché non abbiamo mezzi efficaci per cambiarle. Quindi deve cambiare dall’interno. “

READ  L'ambasciatore russo in Polonia è stato colpito da vernice rossa

Inoltre, Landsbergis ha chiarito che non basterà solo perché Putin non è più alla guida della Russia perché è un “sistema completo”.

“Putin potrebbe essere malato, potrebbe essere messo da parte dalla sua cerchia ristretta – che potrebbe essere completamente insoddisfatta delle perdite sul campo di battaglia – ma questo non significa che il regime o il suo atteggiamento cambieranno, cambierà l’atteggiamento nei confronti del guerrafondaio “, ha detto, dicendo che ricorda la Germania nazista. .

Landsbergis lo ha detto alla CNN Lunedì il discorso di Putin per la Giornata della Vittoria Ha notato che potrebbe esserci risentimento in quella cerchia ristretta per i fallimenti della Russia nella guerra, dicendo che è stato “cool” che il presidente russo stesse cercando di “spiegare” perché la guerra è iniziata in quelle osservazioni.

“A chi lo sta spiegando? Al suo pubblico? Beh, non hanno bisogno di spiegazioni”, ha detto il ministro degli Esteri, riferendosi all’approvazione dell’invasione da parte del pubblico russo. “Noi? Sai, non gli crediamo. Voglio dire, conosciamo i fatti, sai, li abbiamo sempre conosciuti.”

“Quindi penso che lo stia spiegando alla sua cerchia… alle persone che potrebbero perdere la fiducia in lui. Quindi deve esortarle che questa è stata una buona decisione”, ha detto Landsbergis.

Il massimo diplomatico lituano ha predetto che Putin sarebbe “diventato sempre più paranoico su chi si fida, e sentirà che c’è sempre più risentimento intorno a lui per le perdite sul campo di battaglia, e questo potrebbe fare i suoi passi, specialmente all’interno del cerchio (interno): più distorto”.

Tale comportamento irregolare potrebbe portarlo a colpire uno dei paesi della NATO, motivo per cui “le decisioni della NATO sono così vitali per paesi come la Lituania”, uno dei paesi della NATO geograficamente più vicini alla Russia.

READ  Incendi boschivi scoppiano vicino alla regione vinicola di Bordeaux, in Francia

“Dobbiamo sapere che siamo protetti”, ha detto Landsbergis.

Affrontare tali problemi di sicurezza è stato un argomento importante nel suo incontro con il vicesegretario di Stato Wendy Sherman lunedì a Washington, ha detto Landsbergis alla CNN, e sarà al centro delle discussioni con i leader della NATO per discutere del lato est al vertice di Madrid di giugno.

Landsbergis ha affermato che la Lituania vuole una presenza permanente di truppe sul “Passo Swalki” – che si trova al confine tra Lituania e Polonia e collega la Bielorussia all’enclave russa di Kaliningrad nel Mar Baltico – una presenza permanente delle forze statunitensi e la possibilità di un dispiegamento alleato in brigata livello. Landsbergis ha anche affermato che la Lituania sta perseguendo capacità di difesa aerea integrate, simili all’Iron Dome di Israele.

Landsbergis ha detto alla CNN che il suo paese non ha ricevuto una risposta chiara da Washington sulla sua posizione sulla presenza permanente delle forze statunitensi, ma spera che ci sarà consenso quando la NATO si riunirà il mese prossimo.

Prima di questo vertice, Landsbergis ha affermato che è importante che il mondo affronti la “crisi alimentare incombente” a seguito della guerra, descrivendola come un “enorme problema che sta appena iniziando a rivelarsi”.

“È qui che questa coalizione globale deve impegnarsi molto”, ha affermato.

“Una delle cose che si possono fare, e penso che la cosa principale da fare, è fornire la possibilità agli ucraini di esportare grano e mais attraverso il porto di Odessa e, se necessario, fornire un corridoio di sicurezza. Potrebbe essere i paesi colpiti dalla crisi alimentare”, ha detto Landsbergis alla CNN. Prendi l’Egitto.

READ  Scontri tra Corea del Sud e Cina per lo scudo missilistico Usa, complicando la riconciliazione

Ha detto che non si aspettava che la stessa NATO giocasse un ruolo nel fornire un corridoio di sicurezza, ma “non escluderei il fatto che forse alcuni paesi della NATO avrebbero partecipato a questo, insieme ad alleati più ampi, con paesi direttamente interessati da ciò”.

“Questo perché se vedi l’elenco dei paesi che acquistavano prodotti alimentari dall’Ucraina, che ora sono in una posizione debole, prendi la Turchia, prendi l’Egitto, persino l’Iran – e non mi aspetto che l’Iran si unisca allo sforzo – ci sono ancora decine di milioni di persone che saranno in uno stato di indebolimento, alcuni di loro soffriranno a causa dei prezzi e della carenza di cibo”.