Febbraio 3, 2023

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il ministro degli Esteri russo afferma l’inizio di una nuova fase delle operazioni dell’Ucraina

live news
Soldati dell’esercito ucraino si trasferiscono nelle loro posizioni nella regione ucraina di Luhansk l’8 marzo (Anatolii Stepanov/AFP/Getty Images)

Il Fondo Monetario Internazionale ha abbassato le sue previsioni di crescita economica globale nei prossimi due anni a causa dell’invasione russa dell’Ucraina e ha paragonato gli effetti a cascata del conflitto a un “terremoto”.

“Gli effetti economici della guerra si stanno diffondendo ampiamente”, ha affermato l’organizzazione nelle sue ultime previsioni pubblicate martedì.

Il Fondo monetario internazionale prevede ora un’espansione dell’economia globale del 3,6% sia nel 2022 che nel 2023, un forte rallentamento rispetto alla crescita del 6,1% nel 2021. La nuova previsione riflette un calo rispettivamente di 0,8 e 0,2 punti percentuali rispetto alle previsioni di gennaio.

Le proiezioni presumono che la guerra rimanga confinata all’Ucraina, che ulteriori sanzioni alla Russia non siano rivolte all’enorme settore energetico e che gli effetti della pandemia continuino a svanire.

Il Fondo monetario internazionale afferma che il conflitto colpirà più duramente l’Ucraina e la Russia. Il Fondo monetario internazionale prevede che l’economia ucraina si contrarrà del 35% quest’anno, mentre gli sforzi dell’Occidente per punire la Russia sono pronti a far sì che la sua economia si contragga dell’8,5%. Ma poiché la guerra ha fatto aumentare i prezzi dell’energia e di altre materie prime, esacerbando i problemi della catena di approvvigionamento e alimentando le aspettative con un’inflazione persistente, i suoi effetti si faranno sentire quasi ovunque.

“La guerra arretrerà gravemente la ripresa globale, rallenterà la crescita e aumenterà ulteriormente l’inflazione”, ha affermato il Fondo monetario internazionale nel suo rapporto, sottolineando che l’economia globale non si era completamente ripresa dalla pandemia di coronavirus quando la Russia ha invaso l’Ucraina alla fine di febbraio.

In Europa, che dipende fortemente dalla Russia per il suo fabbisogno energetico, la crescita dovrebbe ora rallentare al 2,8% nel 2022, in calo di 1,1 punti percentuali rispetto a gennaio.

READ  Il vertice del G7 prende il via alla luce della guerra in Ucraina e del rischio di stagflazione

Gli Stati Uniti sono relativamente isolati. Tuttavia, la debolezza tra i suoi partner commerciali, così come i piani della Federal Reserve di revocare rapidamente il sostegno all’economia dell’era della pandemia e aumentare i tassi di interesse, stanno pesando sulle prospettive. Il Fondo monetario internazionale prevede una crescita degli Stati Uniti del 3,7% nel 2022 e del 2,3% nel 2023, in calo di 0,3 punti percentuali rispetto all’ultima previsione.

Sebbene il rapporto rilevi che “le prospettive per l’economia globale sono notevolmente peggiorate” dall’inizio dell’anno, non si aspetta una recessione, che il Fondo monetario internazionale di solito chiama quando la crescita scende al 2,5% o meno.

Ma il FMI rileva anche l’incertezza “oltre il normale” che circonda le sue proiezioni a causa della natura senza precedenti dello shock. Aumentano anche i rischi di un più ampio rallentamento, accompagnato da un’inflazione persistentemente elevata.