Novembre 27, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il museo conferma che Vermeer nella National Gallery of Art non è Vermeer

Il museo conferma che Vermeer nella National Gallery of Art non è Vermeer

È sempre stato classificato come discutibile. Ora è ufficiale: La ragazza con il flautoUno dei quattro dipinti della National Gallery of Art attribuiti a Johannes Vermeer non è, infatti, di Vermeer: ​​quattro ora sono tre e, grazie a nuove combinazioni di analisi accademica, approfondimenti storici sull’arte e ricerca informata, un problema preoccupante di vecchia data è stato risolto.

In una conferenza stampa venerdì, il museo ha condiviso la scoperta che un team multidisciplinare di curatori, restauratori e scienziati ha stabilito che il dipinto era opera di “un collega Vermeer, non dello stesso artista olandese”.

Vermeer (1632-1675) è uno dei pittori più amati al mondo. In tempi normali, le persone vengono alla National Gallery aspettandosi di vedere tutti i tipi di vermier in mostra. È difficile giustificare il trasferimento in un laboratorio di conservazione per più di un giorno o due. Ma l’epidemia è un’altra.

Secondo il curatore Marjorie (Betsy) WisemanLa signora, capo del dipartimento di pittura del Nord Europa della National Gallery, la chiusura prolungata del museo significa che lei e i suoi colleghi “hanno un’opportunità unica di rimuovere i quattro dipinti dal muro e metterli nel laboratorio di restauro allo stesso tempo”.

“Altre persone hanno ricamato e imparato a cuocere il pane”, ha scherzato giovedì in un’intervista. “Questo era il nostro progetto per la pandemia”.

L’aura straordinaria attorno al nome di Vermeer è stata resa ancora più luminosa dal fatto che la sua produzione era minima. C’è solo Circa 35 dipinti di Vermeer Nel mondo. Questo spiega in parte perché – sebbene venerato durante la sua vita – per due secoli Vermeer fu in gran parte dimenticato fino alla sua riscoperta nel 19° secolo. (“Ragazza con flauto” fu scoperta nel 1906 e donata da Joseph Widener alla NGA nel 1942.)

Oggi, Vermeer non è solo amato, ma amato. La sua vita, di cui si sa poco, è oggetto di romanzi bestseller e Film. Ma i pannelli stessi galleggiano al di sopra del rumore e del trambusto. Incredibilmente silenzioso, squisitamente colorato e straordinariamente intimo, serve come un rimprovero al rumore e al caos della vita moderna e un balsamo per la sensibilità dell’era dell’informazione.

Dieci Vermier, ma un intero mondo di arte olandese

Con il tempo e lo spazio in laboratorio, i ricercatori NGA, guidati dal lato scientifico dal grande scienziato dell’imaging John Delaney, hanno esposto le lastre a immagini sofisticate. Stavano costruendo su una ricca storia della ricerca di Vermeer nella NGA, in particolare da Melanie Gifford, una studiosa attualmente in pensione nella razionalizzazione delle tecniche pittoriche. All’inizio non era chiaro che avrebbero inventato qualcosa di nuovo.

READ  Recensione Panchayat S2: Neena Gupta prospera mentre Sachiv Ji di Jitendra Kumar si stabilisce a Phulera

Ma il risultato, secondo Wiseman, è stato un “enorme aumento della nostra comprensione del processo di lavoro di Vermeer”. Questo salto di conoscenza, ha detto, “ci ha permesso di determinarlo [‘Girl With a Flute’] Non da Vermeer.”

Gifford ha analizzato piccoli campioni prelevati da Vermiers di NGA, quindi c’erano già molti dati sulle lastre, ha detto Delaney. Ora, una combinazione di analisi microscopica e imaging avanzato ha permesso a Delaney e alla collega scienziata di imaging, Kathryn Dooley, di mappare i materiali utilizzati da Vermeer. Le tecniche spettroscopiche includevano l’imaging a fluorescenza a raggi X e l’imaging iperspettrale riflettente, che utilizza uno spettrometro a dispersione della luce per raccogliere ed elaborare informazioni da tutto lo spettro elettromagnetico.

Visitatori della nuova mostra NGA,”I segreti di Vermeer(8 ottobre – 8 gennaio), può vedere parte di ciò che il team di ricerca ha rivelato prima dei lavori Viene inviato alla più grande retrospettiva mai realizzata su Vermeer al Rijksmuseum di Amsterdam (10 febbraio – 4 giugno). L’esposizione comprende i quattro dipinti di NGA Vermeer (ora tre) e due falsi del XX secolo che sono ancora nella collezione della galleria. (È difficile dire come queste esilaranti parodie siano state prese sul serio quanto Vermeerz.)

Il team di ricerca, che comprendeva anche Alexandra Libby, Dina Anchin, Lisha Deming Glensmann e Gifford, ha iniziato esaminando i due capolavori la cui attribuzione a Vermeer non è mai stata messa in discussione. studia “signora che scrive” E il “donna che tiene una bilanciaIn primo luogo, Delaney ha detto, “è stato un ottimo modo per stabilire una linea di base per la sua pratica”.

Tra le scoperte c’era che Vermeer era più attivo in alcune parti del suo processo di quanto si pensasse in precedenza. Pulisce le sue prime mani con sorprendente velocità e libertà, ad un certo punto anche applicando una mano di una sostanza contenente rame nota per accelerare il processo di asciugatura, come se avesse fretta di passare alla successiva.

“Abbiamo questa impressione che Vermeer sia un maestro di queste superfici lisce e setose, dove non è possibile definire singole pennellate”, ha detto Wiseman. “Ma poi guardi come ha impostato quel bagliore sulla parete di fondo [depicted in “Woman Holding a Balance”] È un pennello eccitante e potente. Hai la sensazione che l’artista segua davvero tutto ciò.

READ  I designer di Andor si sono avvicinati a lui come un film drammatico di Star Wars

Lucian Freud ha catturato l’intimità, anche quando i suoi soggetti erano vestiti

Il team di ricerca si è poi rivolto alle due opere più piccole e problematiche, “La ragazza con il cappello rosso” e “La ragazza con il flauto”. I due dipinti sono sempre stati considerati una coppia. Entrambi sono “tronies” – il termine olandese per descrivere teste che non erano ritratti di persone specifiche, ma studi di specie, spesso idealisti o particolarmente espressivi. (Vermeer”La ragazza con l’orecchino di perlaè l’esempio più famoso.)

C’erano due modi principali: una “ragazza con il flauto” veniva realizzata da un artista – forse uno studente, un apprendista in formazione o un dilettante che prendeva lezioni da un insegnante – che, nelle parole di Delaney, “capisce la tecnica ma ha abilità molto limitate nella sua esecuzione”.

Il team di ricerca ha anche concluso che Vermeer potrebbe aver dipinto “La ragazza con il cappello rosso” due anni dopo di quanto si pensasse, in un periodo – il 1669 anziché il 1666-1667 – in cui stava sperimentando nuovi colori e applicando una vernice leggermente più audace.

Tranch NGA mostra giovani donne con volti ed espressioni simili. Entrambi i soggetti indossano cappelli insoliti e grandi orecchini di perle. Gli sfondi di entrambi sono disegnati in modo abbastanza succinto. Entrambi mostrano arazzi sul muro e una sedia con estremità a testa di leone. Ed entrambi sono dipinti su assi di legno, cosa molto insolita per Vermeer.

Nonostante tutto, gli studiosi dubitano da tempo che Vermeer abbia dipinto “La ragazza con il flauto”. Semplicemente non sembra abbastanza buono. Le transizioni dal chiaro allo scuro, specialmente intorno al viso, sembravano imbarazzanti e improvvise. Le sfumature di verde sono state applicate intensamente, creando quello che l’adesivo murale di Vermeer’s Secrets chiama “un aspetto maculato sotto il naso e lungo la mascella”.

Negli anni ’90, il curatore della NGA Arthur Willock, un riconosciuto esperto di Vermeer e recentemente in pensione, ha designato la canzone “Girl With a Flute” come “attribuita a Vermeer”. Questa designazione, ha detto Wiseman, era “il modo di Willock di spiegare perché appare generalmente come Vermeer ma qualitativamente non all’altezza degli standard”.

La maggior parte degli studiosi era d’accordo, anche se il collega di Willlock al Metropolitan Museum of Art, il defunto Walter Liddck, affermò che era probabile che fosse Vermeer, e lo stesso Willock in seguito cambiò posizione, dicendo: “Ho concluso che la rimozione di ‘Girl with the Flute’ dal lavoro di Vermeer era troppo severa, dati i complessi problemi di conservazione che circondano questa immagine”. (L’erosione sulla superficie della lastra rendeva particolarmente difficile lo studio.)

READ  Ezra Miller è stato accusato di furto con scasso pochi giorni dopo che il CEO della Warner Bros Discovery Zaslav ha elogiato il film Flash.

Le nuove analisi sembrano aver confermato gli scettici. “A quasi ogni livello nella composizione del consiglio, è vicino”, ha detto Wiseman, “ma niente sigaro”. “

Il team di ricerca ha rivelato che mentre entrambi i pannelli avevano alcuni degli stessi materiali (come Gifford aveva precedentemente dimostrato), la gestione del rivestimento è piuttosto diversa. Laddove la tecnica su “Girl With the Red Hat” è sottile e sottile, l’applicazione della vernice su “Girl With a Flute” è relativamente grossolana e ruvida.

Invece di usare pigmenti macinati grossolani per gli strati inferiori e pigmenti finemente macinati per gli strati finali (come faceva Vermeer), i pittori di “Girl With a Flute” hanno fatto il contrario, conferendo alla superficie una qualità granulosa. Ci sono anche schegge di setole negli strati della superficie del dipinto, indicando che l’artista stava usando un pennello vecchio o di scarsa fattura.

“L’artista ha una comprensione concettuale di come Vermeer costruisce i suoi dipinti, ma non riesce a gestirne la finezza”, ha detto Weizmann.

Ci sono anche difetti nel sottosmalto. Ad esempio, in alcune aree blu sono presenti “fessure da trazione” che indicano che il rivestimento superficiale si asciuga prima degli strati inferiori. “Un artista esperto sa come mescolare i suoi pigmenti in modo che ciò non accada”, ha detto Wiseman.

Allo stesso modo, nelle aree in cui è stato applicato il pigmento bianco, l’artista ha utilizzato troppo mezzo (olio) negli strati inferiori, facendoli asciugare in modo rugoso. L’artista ha dovuto raschiare le rughe per ottenere una superficie più liscia per applicare la mano finale di vernice.

“Questi sono errori da principiante”, ha detto Wiseman. “Vermeer sa perché fa le cose. Sa quale sarà il risultato finale, mentre con questo artista non hai quel senso di comprensione”.

Se tutto questo è vero, cambia la nostra comprensione di Vermeer, che è stato a lungo considerato un lupo solitario che opera senza assistenti o studenti. La domanda diventa: chi era questo artista che ha avuto accesso allo studio di Vermeer e ha utilizzato molti degli stessi materiali? E cosa si potrebbe scoprire un giorno sulla loro relazione?

Nuove scoperte stanno rivelando, ma ci sarà sempre un’aria di mistero intorno a Vermeer.