Novembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il petrolio scende mentre la chiusura di Shanghai solleva preoccupazioni per la diminuzione della domanda

Il petrolio scende mentre la chiusura di Shanghai solleva preoccupazioni per la diminuzione della domanda

Un lavoratore tiene un ugello per pompare benzina in un’auto in una stazione di servizio a Mumbai, in India, 21 maggio 2018. (Reuters) / Frances Mascarenhas

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

  • Shanghai chiude mentre aumentano i casi di COVID-19
  • L’OPEC+ si riunisce giovedì
  • Aspettatevi più rilasci di emergenza per le riserve

MELBOURNE/TOKYO (Reuters) – Lunedì i prezzi del petrolio sono scesi di quasi $ 4, poiché sono aumentate le preoccupazioni per il rallentamento della domanda di carburante in Cina dopo che le autorità di Shanghai hanno dichiarato che avrebbero chiuso l’hub finanziario del Paese per i test COVID-19 in un periodo di nove giorni.

Il mercato ha iniziato un’altra settimana di incertezza, poiché sono iniziate la guerra in corso tra Ucraina e Russia, il secondo esportatore di greggio al mondo, e l’espansione delle chiusure legate al COVID in Cina, il più grande importatore di greggio al mondo. Per saperne di più

I future sul greggio Brent sono scesi a $ 116,00 al barile e sono stati scambiati a partire da $ 3,88, o 3,2%, a $ 116,77 alle 0131 GMT.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

I future sul greggio US West Texas Intermediate hanno registrato un minimo di $ 109,30 al barile e sono scesi di $ 3,92, o del 3,4%, a $ 109,98.

Entrambi i contratti benchmark sono aumentati dell’1,4% venerdì, registrando i primi guadagni settimanali in tre settimane, con il Brent in rialzo di oltre l’11,5% e il WTI in rialzo dell’8,8%.

“La chiusura di Shanghai ha portato a nuove vendite da parte di investitori frustrati perché si aspettavano di evitare tale chiusura”, ha affermato Kazuhiko Saito, analista capo di Fujitomi Securities Co., Ltd.

READ  L'India non mostra segni di rallentamento nell'acquisto di petrolio russo

Ha aggiunto che il mercato ha tenuto conto dell’impatto di un attacco missilistico su un impianto di distribuzione di petrolio saudita venerdì scorso.

“Tuttavia, poiché è improbabile che l’OPEC+ aumenti la produzione di petrolio a un ritmo più rapido rispetto agli ultimi mesi, prevediamo che il mercato petrolifero diventi di nuovo rialzista entro la fine della settimana”, ha affermato.

Il governo della città di Shanghai ha dichiarato domenica che tutte le aziende e le fabbriche sospenderanno la produzione o faranno lavorare le persone in remoto con un arresto in due fasi nell’arco di nove giorni, dopo che la città ha riportato un nuovo record giornaliero di infezioni asintomatiche da COVID-19. Per saperne di più

Con conseguente aumento della domanda di carburante, anche i trasporti pubblici, compresi i servizi di trasporto, saranno sospesi durante il blocco.

Gli Houthi yemeniti hanno dichiarato venerdì di aver lanciato attacchi alle strutture energetiche saudite e la coalizione guidata dai sauditi ha affermato che la stazione di distribuzione di prodotti petroliferi di Aramco a Gedda è stata bombardata, provocando un incendio in due carri armati, ma non ci sono state vittime. Per saperne di più

L’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC) e i suoi alleati noti come OPEC+ si incontreranno giovedì.

Finora l’OPEC+ ha resistito alle richieste dei principali paesi consumatori, compresi gli Stati Uniti, di aumentare la produzione. Il gruppo ha aumentato la produzione di 400.000 barili al giorno ogni mese da agosto per facilitare i tagli effettuati quando la pandemia di COVID-19 ha colpito la domanda.

Per aiutare ad alleviare la mancanza di offerta, ha affermato una fonte, gli Stati Uniti stanno valutando un’altra smobilitazione del petrolio dalla Strategic Petroleum Reserve che potrebbe essere maggiore della vendita di 30 milioni di barili all’inizio di questo mese.

READ  Putin si sta preparando per le sanzioni a guida occidentale da quasi un decennio

“Il rilascio aggiuntivo, tuttavia, potrebbe causare problemi di carenza di titoli già bassi che limiteranno ulteriori rilasci in futuro”, ha affermato Saito di Fujitomi.

Le scorte globali sono ai livelli più bassi dal 2014.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Montaggio di Cynthia Osterman e Jacqueline Wong

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.