Settembre 29, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il più grande esportatore mondiale di GNL ha un problema con gli oleodotti

LNG

Gli Stati Uniti sono diventati il ​​più grande esportatore mondiale di gas naturale liquefatto, con spedizioni in aumento per gli acquirenti affamati di energia in Europa e in Asia. Quest’anno, cinque sviluppatori hanno firmato più di 20 accordi a lungo termine per fornire più di 30 milioni di tonnellate/anno di GNL, o circa 4 miliardi di piedi cubi/giorno, ad acquirenti affamati di energia in Europa e in Asia.

Di recente, il gigante del GNL Chener Energy Corporation(NYSE: LNG) Contiene un file Anno più attivo In contrazione dal 2011. Nel frattempo, la volatilità dei prezzi spot e il deterioramento delle aspettative di offerta hanno spinto gli importatori a negoziare accordi a lungo termine mentre cercavano di stabilizzare i prezzi. Secondo una relazione di Rivista di petrolio e gasNel frattempo, i contratti di GNL di 10 anni hanno attualmente un prezzo superiore di circa il 75% rispetto ai tassi del 2021, con carenze di fornitura previste poiché l’Europa mira ad aumentare le importazioni di GNL.

Sfortunatamente, mentre gli Stati Uniti hanno il più grande arretrato mondiale di progetti di semilavorati GNL, i vincoli da asporto, inclusa la capacità limitata dei gasdotti, rimangono il più grande ostacolo all’espansione di questo settore.

Nell’Appalachian Basin, la più grande regione produttrice di gas della nazione che produce più di 35 miliardi di piedi cubi al giorno, i gruppi ambientalisti hanno ripetutamente interrotto o rallentato i progetti di gasdotti e limitato l’ulteriore crescita nel nord-est. Ciò lascia il bacino del Permiano e lo scisto di Heinsville con una significativa prospettiva di crescita per le esportazioni di GNL. Infatti, EQT Corp.(NYSE: EQT) Il CEO Toby Rice ha recentemente riconosciuto che la capacità dell’oleodotto degli Appalachi “ha colpito il muro”.

Analisti presso East Daley Capital Inc. Le esportazioni di GNL degli Stati Uniti cresceranno fino a 26,3 miliardi di piedi cubi al giorno entro il 2030 dal livello attuale di 13 miliardi di piedi cubi al giorno. Perché ciò avvenga, gli analisti affermano che 2-4 miliardi di piedi cubi al giorno di capacità standard devono essere disponibili online tra il 2026 e il 2030 ad Haynesville.

READ  Crypto Hedge Fund archivia tre frecce per il fallimento

Ciò presuppone una crescita significativa del gas dal Permiano e altri giochi di gas di accompagnamento. Qualsiasi prospettiva in cui i prezzi del petrolio scendano abbastanza da rallentare questa attività nel Permiano e riceverai più chiamate per ottenere gas dai bacini del gasGli analisti hanno detto.

Le compagnie americane di gasdotti da tenere d’occhio

Secondo FERC, ci sono quattro progetti di GNL negli Stati Uniti attualmente in costruzione, altri 12 sono stati approvati dalle autorità di regolamentazione federali e altri quattro sono stati proposti per un totale di 40 miliardi di piedi cubi/giorno di potenziali esportazioni di GNL.

Il fondamentale bacino del Permiano si sta preparando a lanciare un torrente di progetti di gas e gas per contrastare l’esplosivo e il GNL off-gas. domanda di gas. trasmissione di potenza LP (NYSE: ET) Cerco Costruisci la prossima grande pipeline Trasferire la produzione di gas naturale dal bacino del Permiano. La società sta anche lavorando al gasdotto Gulf Run con sede in Louisiana, che trasporterà gas da Haynesville Shale in Texas, Arkansas e Louisiana alla costa del Golfo.

Energy Transfer dovrebbe riportare gli utili del secondo trimestre il 3 agosto 2022. L’utile totale per azione previsto per il trimestre, sulla base di 5 analisti secondo Zacks Investment Research, è di $ 0,28 rispetto a $ 0,20 per lo stesso periodo dell’anno scorso.

A maggio, in particolare, un consorzio di compagnie petrolifere e del gas naturale Whitewater Midstream LLCE il EnLink a metà (NYSE: ENLC), Devon Energy Corp. (NYSE: DVN) e MPLX LP (NYSE: MPlX) di aver raggiunto una decisione finale di investimento (FID) per procedere con la costruzione Oleodotto Cervino Express Dopo aver ottenuto sufficienti accordi di trasporto confermati con gli spedizionieri.

Secondo il comunicato stampa,Il gasdotto Matterhorn Express è progettato per trasportare fino a 2,5 miliardi di piedi cubi al giorno (Bcf/d) di gas naturale attraverso circa 490 miglia di gasdotto da 42 pollici da Aloha, in Texas, all’area di Katy vicino a Houston, in Texas. La fornitura del Matterhorn Rapid Pipeline sarà fornita da molteplici collegamenti a monte nel bacino del Permiano, compresi i collegamenti diretti agli impianti di trattamento nel bacino del Midland attraverso circa 75 miglia, nonché un collegamento diretto al gasdotto Agua Blanca da 3,2 Bcf/d, un avventurarsi tra WhiteWater e MPLX.

Il Cervino dovrebbe entrare in servizio nella seconda metà del 2024, in attesa delle approvazioni regolamentari.

READ  Andy Gacy, CEO di Amazon, ha ricevuto un compenso di 213 milioni di dollari nel 2021

Il CEO di WhiteWater Christer Randloff ha descritto la partnership dell’azienda con le tre società di gasdotti nello sviluppo di “Spostamento di gas aggiuntivo dal bacino del Permiano mentre la produzione continua a crescere nel Texas occidentale. “Randloff dice che il Cervino consegnerà.”Eccellente accesso al mercato con flessibilità superiore per le compagnie di navigazione nel bacino del Permiano, svolgendo un ruolo fondamentale nella riduzione dei volumi di torcia. “

Il Cervino si unisce a un elenco crescente di progetti di gasdotti progettati per acquisire quantità crescenti di forniture del Permiano da inviare ai mercati a valle.

WhiteWater ha rivelato piani per espandersi Pipeline WhistlerCon una capacità di 0,5 miliardi di piedi cubi/giorno, a 2,5 miliardi di piedi cubi/giorno, con tre nuove stazioni di compressione.

MPLX ha molti altri progetti di espansione in costruzione. La società afferma che prevede di completare la costruzione di due impianti di lavorazione quest’anno e di aver recentemente preso la decisione finale di investimento per espandere il gasdotto Whistler.

anche a maggio, Kinder Morgan Corporation (NYSE: KMI) La filiale ha lanciato una stagione aperta per misurare l’interesse dei caricatori all’espansione 2,0 Bcf/g Gasdotto Gulf Coast Express (GCX).

Nel frattempo, KMI ha già completato un’associazione di stagione aperta per Conduttura autostradale del Permiano (PHP), con un caricatore di base già in atto per metà della capacità di espansione prevista di 650 milioni di piedi cubi/giorno.

Nel tentativo di aumentare le esportazioni di gas naturale liquefatto verso l’Unione Europea per evitare una crisi energetica nel mezzo della guerra russa contro l’Ucraina, il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti Esportazione aggiuntiva autorizzata di GNL Dal previsto terminal GNL Golden Pass in Texas e dal terminal GNL Magnolia in Louisiana.

READ  L'Unione Europea ripristina i profitti delle compagnie energetiche invece di limitare il prezzo del gas russo

di proprietà comune di Exxon Mobile (NYSE: XOM) e Petrolio del Qataril progetto di esportazione di GNL Golden Pass da 10 miliardi di dollari dovrebbe diventare operativo nel 2024, mentre Magnolia LNG, di proprietà del Gruppo Glenfarne, sarà operativo entro il 2026. Si prevede che i due terminali produrranno oltre 3 miliardi di piedi cubi al giorno di naturale gas, anche se Magnolia non ha ancora firmato contratti con i clienti.

In precedenza, gli sviluppatori di GNL statunitensi non erano disposti a creare impianti di liquefazione autofinanziati che non erano garantiti da contratti a lungo termine dai paesi europei. Tuttavia, la guerra in Ucraina ha messo in luce il ventre molle dell’Europa e la dura realtà li sta costringendo a ripensare i loro sistemi energetici. Per quanto riguarda l’intelligence, Germania, Finlandia, Lettonia ed Estonia hanno recentemente espresso il desiderio di procedere con nuovi terminali di importazione di GNL.

mentre, Il Dipartimento dell’Energia ha approvato i permessi ampliati per Chenière Energia(NYSE: LNG) Terminal Sabine Pass in Louisiana e stabilimento Corpus Christi in Texas. Le approvazioni consentono ai terminali di esportare l’equivalente di 0,72 miliardi di piedi cubi di GNL al giorno in qualsiasi paese con cui gli Stati Uniti non hanno un accordo di libero scambio, compresa l’intera Europa. Chener afferma che gli impianti stanno già producendo più gas di quanto coperto dai precedenti permessi di esportazione.

Di Alex Kimani per Oilprice.com

Altre letture principali da Oilprice.com: