Novembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il post ufficiale di revisione sui tabulati telefonici di Trump è stato completato dal 6 gennaio

Sebbene la chiamata non sia stata menzionata nel diario del presidente o nell’invito presidenziale, la sua esistenza è stata confermata da una serie di fonti con Trump e Pence dell’epoca, inclusi ex aiutanti che hanno testimoniato davanti al comitato ristretto della Camera che indagava sull’attacco al Campidoglio degli Stati Uniti.

Il mistero della pausa di sette ore ha suscitato furiose speculazioni sul motivo per cui le chiamate sono scomparse. Ciò include le accuse secondo cui Trump utilizza “telefoni bruciatori” (che lui nega) o che i record sono stati deliberatamente soppressi.

Ma il divario potrebbe avere una spiegazione meno misteriosa.

Secondo diverse fonti che hanno familiarità con il comportamento telefonico di Trump e i registri del centralino della Casa Bianca, il record del 6 gennaio riflette le normali abitudini telefoniche di Trump. Chiamava principalmente attraverso il centralino quando era nell’appartamento, ma lo usava raramente quando era nello Studio Ovale. Il 6 gennaio 2021, fonti hanno affermato che non era raro che Trump non registrasse le chiamate dallo Studio Ovale perché i dipendenti di solito lo chiamavano direttamente su telefoni fissi o cellulari. Tali chiamate non saranno menzionate nel verbale del centralino.

Una fonte a conoscenza della questione ha affermato che sei pagine dei registri del centralino della Casa Bianca sono state completate il 6 gennaio 2021, sulla base di una revisione ufficiale dei registri della Casa Bianca. Non ci sono pagine mancanti e l’intervallo di sette ore può essere spiegato dai telefoni fissi della Casa Bianca, dai cellulari della Casa Bianca e dai cellulari personali che non passano attraverso il centralino.

Le chiamate perse sottolineano anche quella locale: il sistema imperfetto e primitivo che controlla le comunicazioni del presidente.

Secondo i National Archives, il record delle chiamate della Casa Bianca è stato creato da un sistema di centralino negli anni ’60. La versione installata nel 1963 era già lì Considerato “Leggermente obsoleto” due decenni dopo.

Non è certo adatto all’era dei cellulari e degli sms o al presidente, noto per i suoi sforzi per aggirare i canali di comunicazione ufficiali.

Ignora il registro delle chiamate

Ci possono essere vari motivi che spiegano la lacuna nel registro delle chiamate.

È probabile che Trump abbia parlato con le persone dal suo cellulare. Come riportato in precedenza dalla CNN, Trump Era un’abitudine Usare i telefoni suoi e degli altri per effettuare o ricevere chiamate.

Un’altra spiegazione è che gli assistenti di Trump hanno fatto chiamate dirette dallo Studio Ovale, escluso il centralino.

READ  I leader italiani ospiteranno Biden nel primo giorno del Vertice europeo

Un ex dipendente della Casa Bianca che ha servito nell’amministrazione Obama ha detto alla CNN che se l’allora presidente Barack Obama voleva fare una chiamata a qualcuno dello Studio Ovale, di solito chiedeva a un aiutante seduto nelle vicinanze di chiamare quella persona. L’assistente prende quindi il numero e preme il trasferimento per collegare il chiamante con il presidente.

L’ex dipendente ha detto che la chiamata non sarebbe passata attraverso il centralino della Casa Bianca, quindi non sarebbe stata registrata nel registro del centralino della Casa Bianca.

Il punto in cui si trovava quando Trump ha fatto alcune chiamate sembra essere un altro fattore. Tutte le chiamate del record del 6 gennaio indicano che sono state effettuate dalla casa della Casa Bianca e che Trump si è affidato al centralino per effettuare quelle chiamate. Le chiamate perse sembrano iniziare quando il diario menziona che Trump si è trasferito da casa allo Studio Ovale.

Secondo diverse fonti, Trump usava spesso il centralino mentre si trovava in una casa privata. Ma mentre era nello Studio Ovale, l’ex presidente spesso faceva degli aiutanti seduti fuori dal suo ufficio per telefonare ad alcuni legislatori o ai suoi alleati.

Ci credono due ex funzionari di Trump e la natura caotica dell’ala ovest il 6 gennaio ha portato anche a lacune nei record delle chiamate.

Gli appelli dovrebbero anche essere documentati nell’agenda quotidiana del Presidente, compilata da un archivista dettagliato per la Casa Bianca. Anche se questo dovrebbe includere “momenti istantanei come i contatti dei membri dei dipendenti e le telefonate”, il resoconto di Diarist è buono quanto le informazioni che riceve dallo staff del presidente.

L’ex dipendente di Obama ha anche riconosciuto che il processo dipende da quanto meticolosi siano gli assistenti che lavorano in un’organizzazione rispettabile e in altre amministrazioni o dai consigli che vengono loro dati.

Nessuna spiegazione è stata ancora data sul motivo per cui le telefonate fatte durante le poche ore in cui Trump è stato nello Studio Ovale non sono state documentate nel diario del presidente.

Registrazione confusa

Diverse fonti hanno descritto la registrazione come generalmente confusa durante l’amministrazione Trump. Quelle fonti e testimoni che hanno testimoniato come parte di una precedente udienza al Congresso sulla condotta dell’ex presidente, hanno descritto Trump come un “profondo sospetto” nel centralino della Casa Bianca e ha elaborato vari modi per evitare di avere registrazioni di alcune telefonate.

READ  Treno Amtrak deraglia nel Missouri: molti morti e almeno 50 feriti

Il rapporto dell’intelligence del Senato per il 2020 include testimonianze di ex aiutanti secondo cui Trump ha continuato a usare il cellulare della sua guardia del corpo Keith Schiller perché i consiglieri non volevano sapere cosa stessero dicendo all’attivista repubblicano Roger Stone.

Un ex funzionario di Trump ha detto alla CNN che “Trump odiava le persone per aver saputo con chi stava parlando da casa la notte in cui è passato da Switchboard”.

Quando John Kelly era l’amministratore delegato di Trump, ha monitorato il centralino per vedere con chi stava parlando Trump. Se non vuole che venga visualizzato sul registro delle chiamate del centralino, Trump interromperà spesso la chiamata e lo richiamerà sul suo cellulare.

Fonti hanno affermato che quando Mark Meadows ha assunto la carica di amministratore delegato, ha limitato il numero di funzionari della Casa Bianca che accedevano ai registri delle chiamate e limitando il gruppo a un numero limitato di assistenti senior.

Riempiendo gli spazi vuoti

Nonostante le lacune nei registri delle chiamate, la giuria della Camera si è basata sulle testimonianze di testimoni, documenti aggiuntivi e tabulati telefonici ottenuti tramite Sapona.

Ciò è particolarmente vero per la chiamata persa a Pence. Quella chiamata è un punto chiave nell’argomento di House secondo cui Trump è coinvolto in attività criminali perché ha fatto pressioni su Pence per impedire al Congresso di certificare le elezioni. Nessuna accusa è stata avanzata contro Trump.

L’ex consigliere per la sicurezza nazionale di Benz, Keith Kellogg, ha descritto la chiamata nella sua testimonianza davanti al comitato all’inizio di quest’anno, dicendo agli investigatori che lui e altri importanti aiutanti erano nello Studio Ovale con Trump quando è successo. Ha detto che poteva solo ascoltare ciò che ha detto Trump e non poteva sentire le risposte di Pence.

Kellogg ha descritto la conversazione in una lettera del panel alla figlia di Trump, Ivanka, alla fine di gennaio, chiedendole di comparire davanti al panel e collaborare alle indagini.

“Con l’avvicinarsi del 6 gennaio, il presidente Trump ha fatto diversi tentativi per convincere il vicepresidente Pence a partecipare al suo programma. Una delle discussioni del presidente si è svolta al telefono la mattina del 6 gennaio”, si legge nella lettera.

READ  Notizie sulla fuga precipitosa della Corea del Sud: almeno 149 uccisi

“Eri nello Studio Ovale e hai notato almeno un lato di quella conversazione telefonica. Durante quella chiamata, il generale Keith Kellogg era nello Studio Ovale e ha testimoniato su quella discussione”, ha aggiunto.

Il mese scorso, la CNN ha riferito che Ivanka Trump si era offerta volontaria per comparire davanti alla giuria per un’intervista. Altri che hanno assistito alla chiamata hanno già testimoniato.

Gruppo 'triangolo' 'quadro completo' azioni di Trump

I membri del team hanno affermato che la testimonianza non era l’unico modo per colmare alcune lacune nei registri ufficiali, come i registri della Casa Bianca e il diario quotidiano.

“Se si tratta di un testimone che non vuole collaborare con noi o ci sono lacune nei documenti che abbiamo ricevuto, otterremo tali informazioni in un modo diverso”, ha affermato il rappresentante. Stefania Murphy Lo ha detto a Kasie Hunt della CNN+ “Fonte” mercoledì. “Quelle conversazioni non erano conversazioni a senso unico. C’era qualcuno dall’altra parte di quelle conversazioni e avremmo ottenuto informazioni in quel modo”.

“Siamo fondamentalmente un triangolo da diverse angolazioni, fino al 6 gennaio e abbiamo un quadro completo di quello che è successo quel giorno”, ha aggiunto Murphy.

Il rappresentante democratico del Mississippi Benny Thompson, presidente del comitato ristretto, ha dichiarato mercoledì alla CNN che il gruppo non aveva ricevuto alcun record telefonico del vicepresidente dagli archivi nazionali.

Ma all’inizio di questo mese, Thompson ha detto alla CNN che il gruppo aveva “iniziato a ricevere” il record del vicepresidente, senza menzionare nulla. Gli archivi hanno sostituito parte del record del vicepresidente con documenti che descrivono gli inviti del vicepresidente alla Casa Bianca.

Un invito è stato menzionato nel diario del presidente, sebbene non nel registro degli inviti quel giorno.

Il documento ottenuto dalla Camera è l’orario personale del Presidente, e si tratta del sen. Mostra note scritte a mano per ricevere telefonate con Kelly Lofler dalle 11:17-11:20 e con “VPOTUS” il 6 gennaio alle 11:20. , 2021.

In un diario presidenziale consegnato al comitato, è stato mostrato che Trump ha fatto una “telefonata a una persona non identificata” alle 11:17 del 6 gennaio, ma non ha menzionato la telefonata delle 11:20. Il record delle chiamate alla Casa Bianca non rifletteva alcuna conversazione.

Questa storia è stata aggiornata con rapporti aggiuntivi.