Dicembre 3, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il presidente cinese Xi Jinping apre il Congresso del Partito con un discorso su Taiwan, Hong Kong e zero COVID-19

Il presidente cinese Xi Jinping apre il Congresso del Partito con un discorso su Taiwan, Hong Kong e zero COVID-19


Hong Kong
CNN

Cinese Leader Xi Jinping Domenica ha promesso di guidare la Cina attraverso serie sfide verso il suo ringiovanimento nazionale, avanzando una visione nazionalista che l’ha messa in rotta di collisione con l’Occidente.

Parlando in apertura XX Congresso del PartitoMentre si prepara a garantire un terzo mandato normativo al potere, Xi ha assunto un tono fiducioso, evidenziando il crescente potere e influenza della Cina durante il suo primo decennio al potere.

Ma ha ripetutamente sottolineato i rischi e le sfide che il Paese deve affrontare.

Descrivendo gli ultimi cinque anni come “molto insoliti e straordinari”, Xi ha affermato che il Partito Comunista al potere ha guidato la Cina attraverso una “situazione internazionale cupa e complessa” e “rischi e sfide enormi si susseguono uno dopo l’altro”.

Le prime sfide menzionate da Xi sono state la pandemia di Covid-19, Hong Kong E il Taiwan – Tutto questo ha affermato che la Cina è uscita dalla vittoria.

Xi ha affermato che il governo cinese ha “protetto la vita e la salute delle persone” dal COVID-19, ha trasformato Hong Kong dal “caos al governo” e ha condotto “grandi lotte” contro le “forze indipendentiste” sull’isola di Taiwan, un paese autonomo. Democrazia Pechino afferma di essere il suo territorio anche se non l’ha mai controllata.

Win Te-sung, professore di scienze politiche al Taiwan Studies Program dell’Australian National University, ha affermato che la decisione di Xi di fare riferimento alla questione di Taiwan all’inizio del suo discorso è stata un allontanamento dalla retorica precedente e ha trasmesso “una nuova urgenza per il progresso sulla questione di Taiwan. ”

Xi ha ricevuto l’applauso più forte e più lungo da circa 2.300 delegati selezionati con cura all’interno della Grande Sala del Popolo quando ha parlato di nuovo di Taiwan più avanti nel discorso.

Ha detto che la Cina “lotterà per la riunificazione pacifica” – ma ha lanciato un cupo avvertimento, dicendo che “non prometteremo mai di rinunciare all’uso della forza e ci riserveremo la possibilità di prendere tutte le misure necessarie”.

“Le ruote della storia stanno girando verso la riunificazione della Cina e il ringiovanimento della nazione cinese”, ha detto Xi tra un fragoroso applauso.

READ  Macron ha affermato che prima di una possibile visita in Ucraina è necessario un segnale forte da parte dell'Unione Europea

Xi ha anche sottolineato “rapidi cambiamenti nella situazione internazionale” – un velato riferimento alle relazioni tese tra Cina e Occidente, esacerbate dal tacito sostegno di Pechino a Mosca dopo Invasione russa dell’Ucraina.

Ha detto che la Cina “ha preso una posizione chiara contro l’egemonia e la politica di potere” e “non ha mai vacillato” nell’opporsi all’unilateralismo e al “bullismo” – in un chiaro colpo a quello che Pechino vede come un ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti e dovrebbe essere. smontato.

Spiegando le tendenze generali per i prossimi cinque anni, Xi ha affermato che la Cina si concentrerà su “istruzione di alta qualità” e innovazione per “rinnovare la crescita” nell’economia del Paese colpita dalla crisi. Nelle osservazioni che sono arrivate pochi mesi dopo la sua devastante repressione del settore privato del paese e delle principali società tecnologiche, ha affermato che la Cina “accelererà gli sforzi per ottenere una maggiore fiducia in se stessa nella scienza e nella tecnologia”.

Xi si è anche impegnato ad accelerare gli sforzi per trasformare l’Esercito popolare di liberazione in un “esercito di livello mondiale” e si è impegnato a migliorare la capacità dell’Esercito popolare di liberazione di salvaguardare la sovranità nazionale e creare deterrenza strategica. Ha anche esortato l’Esercito popolare di liberazione a migliorare la sua formazione e migliorare il suo “win-win”.

Il discorso di Xi è stato permeato dal termine cinese per “sicurezza”, che è stato menzionato circa 50 volte. Descrivendo la sicurezza nazionale come “la base per il ringiovanimento della nazione cinese”, ha esortato a rafforzare la sicurezza nell’esercito, nell’economia e in “tutti gli aspetti” in patria e all’estero.

Il marxismo e l’ideologia erano un altro punto focale. “Non credo che ci sarà alcun rilassamento nell’atmosfera ideologica nei prossimi cinque anni”, ha affermato Victor Xie, esperto di politica cinese d’élite all’Università della California.

Dali Yang, professore di scienze politiche all’Università di Chicago, ha affermato che le direttive del discorso di apertura di Xi erano una continuazione delle sue precedenti politiche. Ha sottolineato che l’enfasi sulle sfide e sui conflitti giustifica “la necessità di un partito forte e del suo grande leader”.

READ  Terremoto di magnitudo 6,8 colpisce il sud-ovest della Cina

Ecco la visione di Xi Jinping per rendere di nuovo grande la Cina

Il La conferenza di una settimana è iniziata domenica mattina In mezzo a una stretta sicurezza, zero ed esclusive restrizioni alla pubblicità e alla censura aumentano.

Il congresso, il più importante incontro del Partito Comunista degli ultimi decenni, è volto a consolidare lo status di Xi come il leader cinese più potente dai tempi del defunto presidente Mao Zedong, che regnò fino alla sua morte all’età di 82 anni. Raddoppia una politica estera risoluta per rafforzare l’influenza internazionale della Cina e riscrivere l’ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti.

Gli incontri si svolgeranno principalmente a porte chiuse per tutta la settimana. Quando i delegati riappariranno alla fine della convenzione sabato prossimo, terranno un voto cerimoniale per firmare il rapporto di lavoro di Xi e approvare le modifiche alla costituzione del partito, il che potrebbe conferire a Xi nuovi titoli per rafforzare il suo potere.

I delegati sceglieranno anche il nuovo Comitato Centrale del Partito, che terrà la sua prima riunione il giorno dopo la nomina dei vertici del partito, il Politburo e il suo Comitato Permanente, dopo le decisioni già avanzate dietro le quinte dai vertici del partito prima della congresso.

La conferenza sarà un importante momento di vittoria politica per Xi, ma arriva anche durante un periodo di potenziale crisi. L’insistenza di Xi su una politica implacabile anti-COVID ha alimentato la crescente frustrazione pubblica e crescita economica stentata. Intanto, diplomaticamente, il suo Amicizia senza frontiere Con il presidente russo Vladimir Putin, le relazioni di Pechino con l’Occidente si sono inasprite dopo l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

Il presidente cinese Xi Jinping tiene un trofeo mentre parla alla cerimonia di apertura del 20° Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese, presso la Grande Sala del Popolo di Pechino, Cina, il 16 ottobre 2022. REUTERS/Thomas Peter

Ecco perché le persone si preoccupano dei gesti sottili di Shi mentre parlano

In vista della conferenza, i funzionari di tutta la Cina hanno drasticamente intensificato le restrizioni per prevenire lo scoppio del virus Covid, imponendo blocchi radicali e test di massa Covid sempre più frequenti su una manciata di casi. Tuttavia, le infezioni causate dalla variante altamente contagiosa dell’omicron hanno continuato a divampare. Sabato, la Cina ha riportato quasi 1.200 infezioni, di cui 14 a Pechino.

READ  Snake Island: un piccolo appezzamento di terra gioca un ruolo importante nella guerra della Russia contro l'Ucraina

La rabbia pubblica nei confronti di Zero Covid è emersa giovedì a Una protesta eccezionalmente rara contro Xi a Pechino. Le immagini online hanno mostrato uno striscione che veniva issato su un ponte affollato per denunciare Xi e le sue politiche, prima che la polizia li rimuovesse.

Dì no ai test Covid, sì al cibo. No al lockdown, sì alla libertà. No alla menzogna, sì alla dignità. No alla rivoluzione culturale, sì alla riforma. No al grande leader, sì al voto. Dice uno dei cartelli : ‘Non essere schiavo, sii cittadino’.

“Colpisci, scaccia il dittatore e traditore nazionalista Xi Jinping”, ha scritto l’altro.

L’opinione pubblica cinese in passato ha prestato poca attenzione ai congressi del partito: non ha voce in capitolo nell’adeguamento della leadership del paese o nell’elaborazione di politiche importanti. Ma quest’anno, molti hanno riposto le loro speranze sul Congresso per essere un punto di svolta per la Cina per ammorbidire la sua politica sul Covid.

Tuttavia, una serie di articoli recenti sul portavoce del partito suggeriscono che questo potrebbe essere un pio desiderio. Il People’s Daily ha salutato Zero Covid come “l’opzione migliore” per il Paese, insistendo sul fatto che è “sostenibile e deve essere seguita”.

Domenica, Xi ha difeso la sua controversa ed economicamente distruttiva politica zero-Covid-19.

“In risposta all’improvviso scoppio di Covid-19, abbiamo dato la priorità alle persone e alle loro vite sopra ogni altra cosa e abbiamo perseguito risolutamente una politica dinamica senza Covid nel condurre una guerra totale contro il virus”, ha affermato.

Alfred Wu, professore associato presso la Lee Kuan Yew School of Public Policy presso l’Università Nazionale di Singapore, ha affermato che le parole di Xi indicano che è “impossibile per la Cina cambiare la sua strategia di eliminazione del COVID-zero nel prossimo futuro”.