Novembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il presidente del Messico respinge la protesta di massa contro la riforma elettorale

Il presidente del Messico respinge la protesta di massa contro la riforma elettorale

Messicocittà CITTÀ DEL MESSICO – Lunedì il presidente del Messico ha respinto una grande manifestazione contro il suo piano di riforma dell’autorità elettorale del Paese, definendola una protesta “razzista” e “classica” e sfidando i suoi oppositori con una protesta più ampia.

Il presidente Andres Manuel Lopez Obrador ha paragonato la protesta di domenica a Città del Messico alla “nudità politica” dei suoi oppositori e ha ribadito la sua affermazione che la sua proposta di tagliare fuori l’Istituto elettorale nazionale (INE) Il bilancio e la modifica della modalità di scelta del consiglio di amministrazione rafforzerebbero la democrazia anziché indebolirla, come hanno sostenuto i critici.

“Lo hanno fatto nell’interesse della corruzione, nell’interesse del razzismo, della classe e della discriminazione”, ha detto Lopez Obrador in una regolare conferenza stampa.

Il presidente, che ha trascorso parte del briefing a mettere in discussione le credenziali democratiche dei principali manifestanti, ha stimato tra le 50.000 e le 60.000 persone.

Gli organizzatori hanno detto che centinaia di migliaia di persone hanno preso parte alla manifestazione, che è stata una delle più grandi contro le politiche di Lopez Obrador da quando la sinistra ha preso il potere quattro anni fa.

Lopez Obrador ha a lungo criticato le autorità elettorali del paese, accusandole anche di aver aiutato a progettare le sue sconfitte quando si è candidato alla presidenza nel 2006 e nel 2012.

Ha affermato che la riforma era necessaria per proteggere le elezioni messicane dalle frodi, definendo le critiche “infondate”.

Il capo sostiene che il suo piano farà INE Più democratico consentendo al pubblico di votare per il suo consiglio di amministrazione.

READ  Esclusivo per gli Stati Uniti per concentrare l'attenzione delle Nazioni Unite sulle proteste in Iran

Ma il piano prevede che i candidati siano portati al consiglio di amministrazione dai rami del governo legislativo, giudiziario ed esecutivo, che i critici vedono come una presa di potere da parte del presidente, a causa della sua influenza su quegli organi.

saggezza Morena Al partito manca la maggioranza dei due terzi al Congresso necessaria per la riforma costituzionale INE.

Tuttavia, alcuni analisti affermano che potrebbe trovare voti con l’appoggio dei legislatori nel Partito Rivoluzionario Istituzionale di opposizione (PRI), il partito che governa il Messico da decenni e che López Obrador ha a lungo attaccato come corrotto.