Dicembre 6, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il primo ministro Liz Truss è appesa a un filo dopo una giornata di lividi a Westminster | notizie di politica

Liz Truss at Prime Minister's Questions

La premiership di Liz Truss è appesa a un filo dopo una giornata straordinaria a Westminster che ha visto le dimissioni di un ministro del Gabinetto e la proposta della Camera dei Comuni è precipitata nel caos con accuse di “manovra e bullismo”.

Gli eventi senza precedenti hanno portato alcuni parlamentari conservatori a dichiarare che il Partito conservatore era “finito”, con uno che ha attaccato le “persone senza talento” che avevano sostenuto la signora Truss “per un posto al tavolo del gabinetto”.

Hub della politica – Aggiornamenti in tempo reale

Il primo ministro fissa il barile dopo Ora l’ex ministro dell’Interno Suella Braverman ha rassegnato le dimissioni Sull’invio di un documento ufficiale dalla sua e-mail personale – Il primo ministro è stato preso di mira mentre usciva.

“Ho commesso un errore; mi assumo la responsabilità; ho smesso”, ha scritto in una ricerca a malapena criptica su Truss, il cui budget disastroso ha innescato turbolenze finanziarie.

Braverman, una figura popolare della destra conservatrice, ha espresso “preoccupazione per la direzione di questo governo”, accusandolo di aver violato le promesse del manifesto e ha aggiunto: “È chiaro a tutti che stiamo attraversando un periodo turbolento”.

La partenza ha ulteriormente cementato la presa del potere da parte del primo ministro combattuto dopo il licenziamento del cancelliere Kwasi Quarting lo scorso venerdì e l’abrogazione della maggior parte delle politiche economiche del governo lunedì da parte del nuovo cancelliere Jeremy Hunt.

Utilizza il browser Chrome per un lettore video accessibile

Una notte di turbolenze a Westminster

qualcosa da dargli

Lord Frost, un ex ministro della Brexit, si è unito alle richieste di dimissioni della signora Truss, dicendo che “non c’è un briciolo di mandato” per quello che sta facendo.

READ  Notizie sulla guerra in Ucraina: la Russia estende il suo appello affinché i civili si spostino a sud

“Come Soyla Braverman ha chiarito questo pomeriggio, il governo non sta implementando il programma originariamente sostenuto da Liz Truss né la dichiarazione del 2019”, ha scritto sul Telegraph.

“Non c’è un briciolo di mandato per questo. Succede solo perché il governo Truss ha incasinato le cose peggio di quanto chiunque avrebbe potuto immaginare e ha permesso ai suoi oppositori di prendere il potere. Qualcosa che ha da offrire”.

Leggi di più:
È chiaro che Liz Truss non è più al comando, ciò che non è chiaro è chi sia – se esiste

L’autorità di Truss ha ricevuto un altro duro colpo mercoledì tra le accuse secondo cui i parlamentari conservatori sarebbero stati “intimidati e maltrattati” per aver votato con il governo per opporsi al divieto di fracking, contrariamente a quanto affermato nel manifesto del loro partito del 2019.

diversi deputati Descrizione di scene di caos Nella sala elettorale, dove Jess Phillips del Labour ha definito un “enorme disaccordo” e altri hanno affermato di aver visto parlamentari del Partito conservatore “urlare” e “piangere”.

Il dramma è esploso dopo che il segretario per il clima Graham Stewart ha detto alla Camera dei Comuni pochi minuti prima della proposta del Labour che non si trattava “assolutamente di un voto di fiducia” – nonostante il vicepresidente dei Tory Craig Whitaker abbia emesso una frusta “dura” a tre linee. 100%”, il che significa qualsiasi parlamentare conservatore che si fosse ribellato al partito parlamentare poteva essere espulso.

Sono seguite notizie diffuse secondo cui la presidente Whip Wendy Morton, essendo stata minata, aveva rassegnato le dimissioni dalla sua posizione di governo mentre i parlamentari presentavano le loro mozioni attraverso le lobby elettorali e il signor Whitaker la stava seguendo fuori dalla porta.

READ  La Russia investe un'offensiva "sproporzionatamente costosa" per catturare Bakhmut nonostante lo scarso vantaggio strategico: l'intelligence britannica

Dopo ore di confusione sul fatto che fossero andati a Downing Street, hanno detto che entrambi stavano “rimanendo in carica”.

Utilizza il browser Chrome per un lettore video accessibile

Il deputato laburista Chris Bryant sostiene che il deputato conservatore Alexander Stafford è stato “trattato fisicamente”

I ministri del gabinetto Therese Coffey e Jacob Rees-Mogg erano tra un gruppo di conservatori di alto livello accusati di aver fatto pressioni sui colleghi nella lobby del “No”, con l’ex segretario del lavoro Chris Bryant che ha detto a Sky News che alcuni parlamentari sono stati “trattati fisicamente in un’altra lobby e sono stati intimidatori “.

Il segretario agli affari Reiss-Mogg ha insistito sul fatto di non aver visto alcuna prova che qualcuno fosse stato maltrattato, mentre una fonte vicina a Kofi, il ministro della salute e vice primo ministro, ha affermato che “non aveva mai maltrattato nessuno”.

Ma il deputato conservatore senior Sir Charles Walker ha affermato che ciò che è accaduto è stato un “imperdonabile” e “patetico capovolgimento del parlamento conservatore”.

Non c’è modo di tornare al Partito conservatore

Alla domanda se ci fosse un modo per tornare al Partito conservatore, ha detto: “Non credo… ma ero da quel punto di vista due settimane fa”.

Apparendo traballante ed emotivo, ha attaccato quelli del suo partito che avevano votato per il nuovo primo ministro:

“Tutte quelle persone che hanno messo Liz Truss al 10° posto, spero ne sia valsa la pena.

“Spero che ne varrà la pena per il Fondo rosso ministeriale e spero che varrà la pena sedersi al tavolo del gabinetto.

READ  La Russia dice all'Ucraina di abbandonare le armi nella battaglia di Severodonetsk

«Perché il danno che hanno fatto al nostro gruppo è stato straordinario».

Parlando alla BBC, ha aggiunto: “Sono stanco di persone senza talento che spuntano la casella giusta, non perché sia ​​nell’interesse nazionale ma perché è nel loro interesse personale arrivare a una posizione di gabinetto.

“So di parlare a nome di centinaia di parlamentari che si preoccupano continuamente dei loro elettori, ma ora si preoccupano delle loro circostanze personali perché non esiste un ex parlamentare”.

Siamo tutti Charles Walker

In risposta, la deputata conservatrice Maria Caulfield ha detto: “Stasera siamo tutti Charles Walker”.

Oltre a un’imprecazione, l’ex ministro Johnny Mercer ha detto che il signor Walker aveva “inchiodato”.

È probabile che il primo ministro affronterà un’altra giornata agonizzante giovedì, quando il leader laburista Sir Keir Starmer l’accusa di “insultare” i lavoratori britannici giurando che il suo governo abrogherà qualsiasi nuova legislazione conservatrice che limiti il ​​diritto di sciopero.

Incoraggiato da un massiccio aumento dei sondaggi d’opinione, dirà al TUC: “Contesteremo i loro attacchi con speranza, forniremo la leadership di cui questo paese ha così tanto bisogno e costruiremo una Gran Bretagna in cui i lavoratori possano avere di nuovo successo, dove i lavoratori siano supportati dalla gente che fanno davvero la crescita economica”.

“Questa è la scelta del partito laburista”.