Settembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il rimbalzo delle azioni svanisce, il dollaro sale mentre tornano i timori sulla crescita

Il rimbalzo delle azioni svanisce, il dollaro sale mentre tornano i timori sulla crescita

LONDRA (Reuters) – Un rally azionario si è esaurito mercoledì poiché le preoccupazioni per le prospettive di crescita economica e l’aumento dell’inflazione hanno smorzato il sentimento, mentre la lettura dell’inflazione del 9% del Regno Unito ha sottolineato quanto potrebbero spingersi i tassi di interesse più alti.

Le azioni europee sono state per lo più al ribasso e i futures di Wall Street indicano un’apertura più debole.

Diversi analisti hanno descritto il forte rialzo di questa settimana come un rimbalzo a breve termine del tipo comune durante un lungo trend ribassista delle azioni. Pochi sono disposti a prevedere la fine del sell-off dopo i primi cinque mesi dell’anno per gli asset rischiosi a causa della grande incertezza macroeconomica.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Il sentimento e la fiducia degli investitori rimangono scossi e, di conseguenza, è probabile che vedremo mercati instabili e volatili fino a quando non avremo maggiore chiarezza sulle 3R: tassi, stagnazione e rischi”, ha affermato Mark Heffel, chief investment officer di UBS Global. Gestione patrimoniale.

Entro le 1115 GMT, l’Euro Stoxx 600 è ampio (.stoxx) È sceso dello 0,35%, mentre l’indice FTSE 100 della Gran Bretagna (.FTSE) Era lo 0,23% in meno.

Il più ampio indice MSCI delle azioni dell’Asia Pacifica al di fuori del Giappone (MIAPJ0000PUS.) È aumentato dello 0,68% ed è nella sua serie di vittorie più lunga da febbraio. Indice Nikkei del Giappone (.N225) È aumentato dello 0,94% e i minatori guidavano le azioni australiane (.AXJO) Circa l’1% in più.

Indice azionario mondiale MSCI (.MIWD00000PUS) Un leggero 0,1% è aumentato di circa il 2% finora questa settimana, ma è comunque in calo del 16% rispetto al picco di gennaio.

READ  Come l'Estonia vuole stare lontana dalla propaganda russa
Indice azionario mondiale MSCI

Nei mercati valutari, il più grande perdente è stata la sterlina britannica, che è scesa dell’1% a $ 1,2373 dopo che l’inflazione dei prezzi al consumo nel Regno Unito ha raggiunto il 9% ad aprile, un massimo di 40 anni e più o meno in linea con le aspettative degli analisti. La sterlina è aumentata bruscamente questa settimana e parte del calo di mercoledì è stato attribuito alla presa di profitto.

L’inflazione britannica è ora la più alta tra le principali economie, ma i prezzi stanno aumentando rapidamente in tutto il mondo, costringendo le banche centrali ad aumentare i tassi di interesse anche di fronte al rallentamento della crescita economica.

La lettura dell’inflazione canadese per aprile è prevista anche più tardi mercoledì.

Il dollaro è salito dello 0,3 per cento a 103,62 dopo un forte calo giovedì, ed è tornato al livello più alto degli ultimi due decenni, registrato la scorsa settimana, mentre l’euro è sceso di un importo simile a 1,0513 dollari.

shock negativi

I dati positivi hanno aiutato l’umore questa settimana, con la riunione delle vendite al dettaglio negli Stati Uniti che prevedeva un forte aumento ad aprile e la produzione industriale che ha superato le aspettative. Leggi di più

I dati di mercoledì hanno mostrato che l’economia giapponese si è contratta meno del previsto nel primo trimestre. Leggi di più

Shanghai si sta avvicinando alla fine della sua prolungata chiusura e un vicepremier cinese ha fatto commenti rassicuranti ai dirigenti tecnologici nell’ultimo segno di allentamento della pressione. Leggi di più

Tuttavia, la buona notizia è stata accolta con un promemoria dal presidente della Federal Reserve Jerome Powell che il controllo dell’inflazione richiederà tassi di interesse più elevati e forse un po’ di sofferenza. Leggi di più

READ  Muhammad Al-Zubair: la polizia indiana arresta un giornalista musulmano per aver insultato gli indù

Gli investitori hanno prezzato un aumento del tasso di interesse statunitense di 50 punti base a giugno e luglio e vedono il tasso sui Fed fund di riferimento aumentare del 3% all’inizio del prossimo anno.

Mercoledì i rendimenti dei Treasury statunitensi sono rimasti piatti al di sotto dei loro massimi recenti pluriennali, ma il rendimento dei titoli di stato tedeschi a due anni è balzato al suo massimo da dicembre 2011 dopo i commenti più aggressivi della banca centrale. Klaas Knott della Banca centrale europea ha dichiarato martedì che un aumento del tasso di 50 punti base a luglio sarebbe stato possibile se l’inflazione fosse aumentata.

I prezzi delle materie prime sono aumentati insieme alle azioni questa settimana, sebbene la maggior parte dei prezzi fosse al di sotto dei massimi recenti.

Mercoledì, i future sul greggio Brent sono aumentati dello 0,85% a $ 112,88 al barile e i future sul greggio statunitense sono aumentati dell’1,19% a $ 113,74 al barile.

L’agenzia di rating Standard & Poor’s ha tagliato le previsioni di crescita per Cina, Stati Uniti e zona euro, sottolineando le prospettive deboli per le principali economie mondiali.

“I due sviluppi hanno cambiato il quadro generale”, ha affermato il capo economista Paul F. Gruenewald, riferendosi all’invasione russa dell’Ucraina e all’inflazione, che si è rivelata più alta, più ampia e stabile di quanto inizialmente pensato.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazione aggiuntiva di Tom Westbrook a Singapore. Montaggio di Kim Coogle e William McClain

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.