Novembre 28, 2022

TeleAlessandria

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il ritiro della Russia dalla Stazione Spaziale Internazionale per avviare la stazione spaziale ROSS potrebbe far precipitare il mondo in un’era oscura dello spazio

Il ritiro della Russia dalla Stazione Spaziale Internazionale per avviare la stazione spaziale ROSS potrebbe far precipitare il mondo in un'era oscura dello spazio

Il primo pezzo della Stazione Spaziale Internazionale lanciato in orbita non proveniva dalla NASA, bensì dalla Russia. L’unità di 41,2 piedi – chiamata “Zarya”, la parola russa per alba – è decollata Si dice giornata uggiosa da una struttura di lancio in Kazakistan il 20 novembre 1998. Quando lo fece, fu il culmine di quasi un decennio di rapporti geopolitici iniziati con la fine della Guerra Fredda nel 1989 e terminati con una partnership tra due ex nemici che avrebbe durano più di 30 anni.

Gli Stati Uniti si erano impegnati a collaborare con Mosca al progetto della Stazione Spaziale Internazionale, non solo perché rappresentava la pace tra due nazioni un tempo antagoniste, ma anche perché poteva aiutare a far avanzare la democrazia in Russia. Diverse volte nel corso degli anni, le delegazioni di entrambi i paesi si sono incontrate in incontri silenziosi e opachi per elaborare i dettagli. Quando la polvere si sarà schiarita, sarà la Russia ad aver inaugurato il mondo in una nuova era di viaggi nello spazio.

Quindi il lancio di Zarya non fu solo l’alba di una nuova era spaziale per lo studio dell’universo. Era un ramo d’ulivo – il ramo d’ulivo che ha posto fine a decenni di tensioni, vicino al conflitto nucleare e al completo cambiamento delle potenze mondiali come le conoscevamo. Se le nazioni non conoscono la pace sulla terra, almeno possiamo trovarla tra le stelle.

E ora, poco più di vent’anni dopo, potrebbe finire tutto anche con la Russia.

La prima navicella spaziale internazionale Zarya in orbita attorno alla Terra.

Nasa

Il 26 luglio, Yuri Borisov, il nuovo capo dell’agenzia spaziale russa Roscosmos, lo ha annunciato ufficialmente Il Paese si ritirerà dalla Stazione Spaziale Internazionale dopo il 2024 per costruire la propria stazione spaziale. dopo un giorno, La Russia ha chiarito con la NASA Rimarrà con la Stazione Spaziale Internazionale almeno fino al 2028, il che, mentre Tecnicamente Dopo il 2024, ha rimosso l’annuncio iniziale.

“Se non si ritirano fino al 2028, in un certo senso, non è un grosso problema”, ha detto al Daily Beast John Logsdon, ex direttore dello Space Policy Institute della George Washington University. L’impianto dovrebbe comunque terminare nel 2030. I partner probabilmente accetteranno una data di risoluzione un po’ prima del 2030″.

Tuttavia, il paese prevede ancora di lanciare una nuova posizione orbitale entro il 2030. In a recente intervistaVladimir Solovyev, direttore di volo per la parte russa della Stazione Spaziale Internazionale, ha fornito alcune indicazioni sul futuro di una stazione russa che hanno chiamato Russian Orbital Service Station (ROSS). Ad esempio, opererebbe principalmente in modo indipendente senza un equipaggio permanente a bordo – qualcosa che ha sottolineato sarebbe “un passo avanti, non indietro” per l’umanità, Secondo una traduzione.

Tuttavia, questa sarebbe una netta separazione da uno o più futuristiche stazioni spaziali commerciali che la NASA intende supportare. È anche una partenza dalla nuova stazione spaziale cinese di Tiangong, su cui gli astronauti stanno attualmente lavorando.

Il previsto sito orbitale ROSS per Roscosmos è stato completamente assemblato.

Roscosmo

C’è una ragione per cui queste feste si attaccano alle persone più delle macchine intelligenti. Dopotutto, la presenza di persone in questi avamposti tropicali consente ricerche più pratiche. Inoltre, se qualcosa va storto con il terminale (Cosa che fa spesso), qualcuno può essere lì per risolverlo immediatamente.

La prevista stazione russa avrà anche un’orbita sincrona con il sole, il che significa che passerà sulla Terra durante le ore diurne locali. Ciò consentirà a ROSS di studiare facilmente i poli della Terra. Va notato, tuttavia, che ci sono molti satelliti di ricerca in orbita attorno al pianeta che stanno già facendo proprio questo.

Sebbene ROSS sia certamente meno complesso della Stazione Spaziale Internazionale o di Tiangong, è comunque un compito enorme, soprattutto considerando l’ambizioso obiettivo di lanciarne una parte in orbita entro il 2030.

E questo non tiene nemmeno conto dello stato fatiscente di Roscosmos.

Dato lo stato della loro industria spaziale, sarei scioccato se potessero implementarlo del tutto, per non parlare del 2030.

Wendy Whitman Cobb, US Air Force School of Advanced Aerospace Studies

La bestia di tutti i giorni, ha affermato Wendy Whitman Cobb, esperta di politica spaziale presso la School of Advanced Aerospace and Space Studies della US Air Force. Ha aggiunto che anche la NASA, che è meglio finanziata ed equipaggiata dell’agenzia spaziale russa Roscosmos, farà fatica a rispettare la scadenza del 2030. “Quindi il fatto che la Russia proverà a ideare da sola un sistema completamente nuovo sembra discutibile”.

“Devono iniziare ora”, ha spiegato Logsdon. “E non possono iniziare ora perché i loro soldi sono molto limitati e le operazioni sulla Stazione Spaziale Internazionale sono molto costose”.

Ovviamente, Mosca può condividere artisti del calibro della Cina per mettere in orbita una stazione. Ma Cobb ha detto che Pechino non ha alcun reale incentivo ad aiutarli. Semmai, la cooperazione statale in qualcosa come Tiangong potrebbe minare i risultati della Cina, secondo lei. La Russia dovrà anche principalmente al programma spaziale cinese la maggior parte della tecnologia come i veicoli di lancio, qualcosa che probabilmente preferirebbero controllare.

Tuttavia, i piani sono significativi in ​​quanto sono l’indicazione più chiara finora che la Russia intende portare a termine ciò che solo l’ex capo del Roscosmos Dmitry Rogozin potrebbe stuzzicare: il paese ha posto fine a una pratica decennale di cooperazione internazionale e cooperazione nello spazio. La pace è scomparsa nell’universo. Le tensioni sono tornate in orbita e potrebbero durare ancora per un po’… giusto?

Potresti pensare agli astronauti come a un cavo che inciampa… avere persone lì, le cui vite potrebbero essere minacciate, rende difficile fare cose pericolose che potrebbero danneggiarle.

Wendy Whitman Cobb, US Air Force School of Advanced Aerospace Studies

noi, Può. Lo spazio probabilmente continuerà a passare in secondo piano rispetto alle conseguenze del conflitto geopolitico su un terreno statico. “L’esistenza di una posizione orbitale ha perso il suo significato politico”, ha detto Logsdon. La NASA avrà le proprie stazioni commerciali. Questo non è alto geopolitico. Se la Russia costruisce questa struttura, rende gli avamposti tropicali così comuni da essere insignificanti”.

Echeggiò la coppa dei sentimenti. In effetti, crede, più avamposti, laboratori e astronauti in orbita, meno è probabile che aumentino le tensioni, almeno nello spazio.

“Potresti pensare agli astronauti come a un filo d’inciampo”, ha detto Cobb. “So che non è una buona idea pensarla in questo senso. Ma avere persone lì, le cui vite potrebbero essere minacciate, rende difficile fare cose pericolose che potrebbero danneggiarle. Ecco perché Test anti-satellite russo L’anno scorso è stato molto preoccupante. L’hanno fatto vicino alla Stazione Spaziale Internazionale e ci sono ancora molti detriti che minacciano attivamente gli astronauti”.

Pensala come una teoria della deterrenza nucleare. Se hai stazioni spaziali russe, cinesi e americane lì, ognuno ha la propria pelle nel gioco, quindi ognuno ha qualcosa da perdere. Cobb ha detto che è l’equivalente dell’era spaziale di Mutual Assured Destruction, quindi “tutti questi attori ci pensano due volte prima di fare qualcosa di veramente pazzo”.

Il previsto sito orbitale ROSS per Roscosmos è stato completamente assemblato.

Roscosmo

Per Logsdon, tuttavia, il ritiro della Russia e i suoi obiettivi di raggiungerlo da sola sono un triste esempio di una delle grandi delusioni dell’era della stazione spaziale: ha in qualche modo fallito, almeno quando si tratta della sua promessa originale di unire tutti. Il mondo ha una missione più grande di qualsiasi altro paese.

“L’impatto della ISS sulle politiche relative alla Terra che aveva sperato è stato molto limitato”, ha detto Logsdon. Non abbiamo una Russia democratica. Abbiamo Putin. Abbiamo l’invasione dell’Ucraina. Il significato politico della cooperazione internazionale sulla stazione ha perso il suo potere, ammesso che sia esistito”.

Ma forse va bene. La Russia prevede ancora di essere sulla Stazione Spaziale Internazionale per i prossimi sei anni. Inoltre, il laboratorio orbitante non doveva durare per sempre. Anche prima della caotica rottura con la Russia, viveva del tempo perduto poiché aveva completamente superato la data di scadenza originaria di 15 anni in funzione (sebbene il L’amministrazione Biden ha esteso la sua vita operativa fino al 2030).

Quindi forse è appropriato, allora, che il paese che ha lanciato il suo primo pezzo in orbita – un’unità che prende il nome dall’alba – sia presente quando il sole tramonta su di esso per l’ultima volta.

READ  I leader del Regno Unito dicono al principe Carlo di smettere di interferire in politica tra le reazioni negative sull'immigrazione: rapporto